Crea sito

Vita dei Santi: San Pietro Damiano

San Pietro Damiano, vescovo e dottore della Chiesa
1007-1072
21 febbraio — Memoriale (Memoriale facoltativo per il giorno della Quaresima)
Colore liturgico: Bianco (Viola nel giorno della settimana della Quaresima)
Patrono di Faenza e Font-Avellano, Italia

Un monaco saggio e santo diventa cardinale e tuona per la riforma della Chiesa

Ogni cattolico sa che il papa viene eletto dai cardinali della Chiesa riuniti nella Cappella Sistina. Ogni cattolico sa che il Papa si reca poi su un grande balcone arroccato sulla facciata della Basilica di San Pietro per salutare i fedeli e ricevere la loro accettazione. Questo è semplicemente il modo in cui le cose vengono fatte nella Chiesa. Ma non è sempre il modo di fare le cose. Un cattolico nel primo Medioevo avrebbe descritto le elezioni papali come qualcosa di simile a una rissa in una sala bar, una rissa nel vicolo o una corsa di cavalli politica piena di tangenti, connotazioni e promesse fatte solo per essere infrante. Tutti – imperatori lontani, la nobiltà di Roma, generali militari, influenti laici, sacerdoti – mettono le mani sul volante per girare il timone della Chiesa in una direzione o nell’altra. Le elezioni papali erano fonti di profonda divisione, causando danni permanenti al Corpo di Cristo. Poi è arrivato San Pietro Damiano per salvare la giornata.

San Pietro era a capo di un gruppo di cardinali riformisti e altri che decisero nel 1059 che solo il cardinale vescovi potevano eleggere il papa. No nobili. Niente folle. Nessun imperatore. San Pietro ha scritto che il Cardinale Vescovo fa le elezioni, l’altro clero dà il suo consenso e il popolo applaude. Questo è esattamente il programma che la Chiesa ha seguito per quasi mille anni.

Il santo di oggi ha cercato prima di riformarsi, e poi di strappare ogni erba che soffocava la vita dalle piante sane nel giardino della Chiesa. Dopo una difficile educazione alla povertà e all’abbandono, Peter fu salvato dalla miseria da un fratello maggiore di nome Damian. Per gratitudine, aggiunse il nome di suo fratello maggiore al suo. Gli fu data un’eccellente educazione, in cui i suoi doni naturali divennero evidenti, e poi entrò in un rigido monastero per vivere come monaco. Le estreme mortificazioni, l’apprendimento, la saggezza, la vita ininterrotta di preghiera di Pietro e il desiderio di raddrizzare la nave della Chiesa lo misero in contatto con molti altri dirigenti della Chiesa che desideravano lo stesso. Alla fine Pietro fu chiamato a Roma e divenne consigliere di una successione di papi. Contro la sua volontà, fu ordinato vescovo, fatto cardinale e guidato una diocesi. Combatté contro la simonia (l’acquisto di uffici ecclesiali), contro il matrimonio clericale e per la riforma delle elezioni papali. Tuonò anche, nel linguaggio più forte e chiaro, contro il flagello dell’omosessualità nel sacerdozio.

Dopo essere stato personalmente coinvolto in varie battaglie ecclesiastiche per la riforma, ha chiesto il permesso di tornare al suo monastero. La sua richiesta è stata ripetutamente negata fino a quando finalmente il Santo Padre gli ha permesso di tornare a una vita di preghiera e penitenza, dove la sua principale distrazione stava scolpendo cucchiai di legno. Dopo aver compiuto alcune missioni più delicate in Francia e in Italia, Peter Damian morì di febbre nel 1072. Papa Benedetto XVI lo ha descritto come “una delle figure più significative dell’undicesimo secolo … un amante della solitudine e allo stesso tempo senza paura uomo della Chiesa, impegnato personalmente nel compito di riforma “. Morì circa cento anni prima della nascita di San Francesco d’Assisi, ma alcuni lo hanno definito il San Francesco della sua epoca.

Più di duecento anni dopo la morte del nostro santo, Dante scrisse la sua Divina Commedia. L’autore è guidato attraverso il paradiso e vede una scala d’oro, illuminata da un raggio di sole, che si estende tra le nuvole sopra. Dante inizia a salire e incontra un’anima che irradia il puro amore di Dio. Dante ha soggezione che i cori celesti siano rimasti in silenzio per ascoltare questa anima parlare: “La mente è luce qui, sulla terra è fumo. Considera, quindi, come può fare laggiù ciò che non può fare quassù con l’aiuto del cielo ”. Dio è inconoscibile anche nel cielo stesso, quindi quanto più insondabile deve essere sulla terra. Dante beve in questa saggezza e, trafitto, chiede a quest’anima il suo nome. L’anima descrive quindi la sua precedente vita terrena: “In quel chiostro sono diventato così risoluto al servizio del nostro Dio che con il cibo condito solo con succo d’oliva con leggerezza portavo calore e freddo, contento di preghiere premurose di contemplazione. Ero, in quel posto, Peter Damian. ” Dante è tra le raffinate compagnie nelle più alte vette del cielo.

San Pietro Damiano, la tua riforma della Chiesa è iniziata nella tua cella monastica. Non hai mai chiesto agli altri cosa non hai richiesto prima di te stesso. Hai persino sopportato la svalutazione e la calunnia dei tuoi coetanei. Aiutaci a riformare gli altri con il nostro esempio, apprendimento, perseveranza, mortificazioni e preghiere.