Crea sito

Un uomo clinicamente morto per un’ora dice di aver visto il Paradiso “ho visto i miei amici morti”

Un UOMO che è stato clinicamente morto per più di un’ora ha descritto in modo commovente come è andato in Paradiso e si è riunito con i suoi amici morti prima di tornare sulla Terra.

Il dottor Gary Wood aveva 18 anni quando lui e sua sorella furono coinvolti in un grave incidente d’auto.

Il dottor Wood e la sua allora sedicenne sorella Sue stavano viaggiando verso casa quando ha fatto schiantare la macchina contro un veicolo parcheggiato illegalmente.

Mentre il Sue ha lasciato lo schianto relativamente illeso, Gary ha subito lesioni potenzialmente letali, tra cui una laringe schiacciata e corde vocali, oltre a essersi strappato il naso e diverse ossa rotte.

Le ferite erano così gravi che quando arrivarono i paramedici, il dottor Wood fu dichiarato morto sulla scena.

Tuttavia, l ‘”adolescente ribelle”, mentre si descrive sul suo sito Web, ricorda ancora tutto in modo così vivido circa 50 anni dopo.

Parlando con il presentatore Sid Roth nel suo spettacolo “It’s Supernatural!”, Il Dr. Wood ha detto che dopo l’incidente ha sofferto molto di dolore, “poi sono stato sollevato da tutto il dolore” mentre moriva.

Gary Wood afferma di essere andato in Paradiso

Disse: “Morire è come toglierti i vestiti e metterli da parte”.

“Sono uscito da questo corpo, questa tuta terrestre, e poi sono stato sollevato attraverso la parte superiore della mia macchina e tutta la mia vita è passata davanti ai miei occhi in un solo istante.

“Poi sono stato catturato da una vorticosa nuvola a forma di imbuto che si è fatta più luminosa.”

Ha descritto morire e ascendere al cielo come “estasi, pace, calma, tranquillità.

Quindi questa nuvola si aprì e vidi questo gigantesco satellite dorato, sospeso nello spazio che la Bibbia chiama Paradiso”.

Il dottor Wood, autore di numerosi libri sulla sua presunta esperienza, ha affermato di essere stato accolto da un angelo che era alto almeno “70 piedi” e che si trovava di fronte a cancelli larghi “500 miglia”.

Disse dell’angelo: “Aveva una spada, aveva un bellissimo oro, capelli pettinati. E c’era un angelo all’interno della città che teneva in mano dei libri.

“Ci fu uno scambio tra i due angeli e poi mi fu permesso di entrare in città.”

Quindi afferma di essere stato invitato a fare un giro del Paradiso dal suo amico.

Il dott. Wood ha dichiarato di essere stato accolto dal “mio migliore amico del liceo che era stato ucciso in un incidente con il tosaerba.

“Poi il mio amico ha iniziato a portarmi in tour in un posto chiamato ‘Paradiso’.

“A circa 500 metri dalla sala del trono di Dio, il mio amico mi prese e fui affascinato dall’insegna all’esterno che diceva ‘Benedizioni non reclamate’.

“Quando ho aperto la porta, con mio grande stupore ho visto le gambe appese al muro, gambe vere.

“Ogni parte dell’anatomia di una persona era lì in quella stanza e la gente mi chiedeva ‘perché hai bisogno di un posto come quello?’ Perché Dio ha un pezzo di ricambio quando Dio ha un miracolo ”.

Il dottor Wood, che ora è diventato un minatore, ha anche detto al signor Roth come aveva incontrato Gesù: “Sono stato rimandato indietro per dire alla gente che il paradiso è reale, c’è una canzone da cantare, c’è una missione o un viaggio da fare, lì è un libro da scrivere. Sei unico nello scopo su questa Terra.

Gary Wood fu rispedito dal Cielo alla Terra

“Gesù mi ha detto di dare un messaggio specifico: ci sarà uno spirito di restaurazione che prevarrà su tutto il territorio, ci sarà un insegnamento e un’enfasi sulla preghiera”.

Di nuovo sulla terra, sua sorella minore stava urlando il suo nome, sperando che Gary potesse essere rianimato – un grido che dice che lui e il suo amico hanno sentito in Paradiso.

Ha detto: “Quando la mia amica mi stava portando in questo tour, mentre Sue ha iniziato a gridare, la mia amica mi ha detto ‘devi tornare indietro, sta usando quel nome’.

“E così ho appena sparato di nuovo nel mio corpo. Hanno notato segni di vita, mi hanno portato di corsa in ospedale per stabilizzarmi. “