Crea sito

Suora dominicana uccisa a colpi d’arma da fuoco, mentre consegnava cibo

Una suora dominicana è stata colpita a una gamba mentre la sua squadra di soccorso umanitario è stata colpita da armi da fuoco da parte dei paramilitari nello stato del Chiapas meridionale del Messico.

Suor domenicana María Isabel Hernández Rea, 52 anni, è stata colpita ad una gamba il 18 novembre mentre cercava di portare del cibo a un gruppo di indigeni Tzotzil sfollati da una frazione del comune di Aldama. Erano stati costretti a fuggire a causa di una disputa sulla terra.

Le ferite riportate da Hernández, parte delle Suore Domenicane del Santo Rosario e agente pastorale della diocesi di San Cristóbal de Las Casas, non sono state considerate pericolose per la vita, secondo la diocesi. Si era recata nella comunità con l’equipe diocesana della Caritas e un gruppo non governativo che promuoveva la salute dei bambini indigeni.

“Questa azione è criminale”, ha detto Ofelia Medina, attrice e direttrice della ONG, Fideicomiso para la Salud de los Niños Indígenas de México. “Non siamo riusciti ad avvicinarci (e) le persone stanno vivendo un’emergenza alimentare a causa degli spari quotidiani”.

Nei commenti forniti dal Centro per i diritti umani Fray Bartolomé de Las Casas con sede in Chiapas, Medina ha detto: “Il giorno della sparatoria, abbiamo avuto un po ‘di coraggio e i nostri colleghi hanno detto:’ Andiamo ‘, ed è stato organizzato un viaggio. Il cibo è stato consegnato e sono stati fucilati. “

In una dichiarazione del 18 novembre, la diocesi di San Cristóbal de Las Casas ha affermato che la violenza è aumentata nel comune e che l’assistenza umanitaria non è arrivata. Ha chiesto al governo di disarmare i paramilitari e di “punire” gli intellettuali autori dell’attacco, insieme a quelli “che hanno causato la sofferenza delle comunità nell’area”