Креирајте сајт

Ватикан: Крштења која се спроводе „у име заједнице“ нису валидна

L’ufficio dottrinale del Vaticano ha emesso giovedì un chiarimento sul sacramento del battesimo, affermando che le modifiche alla formula per enfatizzare la partecipazione della comunità non sono consentite.

La Congregazione per la Dottrina della Fede ha risposto a una domanda se fosse valido amministrare il sacramento del battesimo dicendo: “Ti battezziamo nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo”.

La formula del battesimo, secondo la Chiesa cattolica, è “Ti battezzo nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo”.

Il CDF ha decretato il 6 agosto tutti i battesimi amministrati con la formula “battezziamo” non sono validi e tutti coloro per i quali è stato celebrato il sacramento con questa formula devono essere battezzati in forma absoluta, il che significa che la persona dovrebbe essere considerata come non aver ancora ricevuto il sacramento.

Il Vaticano ha affermato che stava rispondendo a domande sulla validità del battesimo dopo che le recenti celebrazioni del sacramento del battesimo usavano le parole “Nel nome del padre e della madre, del padrino e della madrina, dei nonni, dei membri della famiglia , degli amici, nel nome della comunità ti battezziamo nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo ”.

La risposta è stata approvata da Papa Francesco e firmata dal prefetto CDF Cardinale Luis Ladaria e dal segretario Arcivescovo Giacomo Morandi.

Una nota dottrinale del CDF del 6 agosto diceva “con discutibili motivi pastorali, qui riappare l’antica tentazione di sostituire la formula tramandata dalla Tradizione con altri testi giudicati più adatti”.

Citando il Sacrosanctum Concilium del Concilio Vaticano II , la nota chiariva che “nessuno, ‘anche se fosse un sacerdote, può aggiungere, rimuovere o cambiare qualsiasi cosa nella liturgia per sua stessa autorità”. “

La ragione di ciò, ha spiegato il CDF, è che quando un ministro amministra il sacramento del battesimo, “è proprio Cristo stesso che battezza”.

I sacramenti furono istituiti da Gesù Cristo e “sono affidati alla Chiesa per essere preservati da lei”, ha affermato la congregazione.

“Quando celebra un Sacramento”, ha continuato, “la Chiesa in effetti funziona come il Corpo che agisce inseparabilmente dal suo Capo, poiché è Cristo il Capo che agisce nel Corpo ecclesiale da lui generato nel mistero pasquale”.

“È quindi comprensibile che nel corso dei secoli la Chiesa abbia salvaguardato la forma della celebrazione dei Sacramenti, soprattutto in quegli elementi a cui attesta la Scrittura e che permettono di riconoscere con assoluta chiarezza il gesto di Cristo nel azione rituale della Chiesa ”chiarì il Vaticano.

Secondo il CDF, la “modifica deliberata della formula sacramentale” per usare “noi” invece di “io” sembra essere stata fatta “per esprimere la partecipazione della famiglia e dei presenti e per evitare l’idea della concentrazione di un sacro potere nel sacerdote a scapito dei genitori e della comunità “.

In una nota a piè di pagina, la nota del CDF spiegava che in realtà il rito del battesimo dei bambini della Chiesa include già ruoli attivi per i genitori, i padrini e l’intera comunità nella celebrazione.

Secondo le disposizioni del Sacrosanctum Concilium , “ogni persona, ministro o profano, che ha un ufficio da svolgere, dovrebbe fare tutte, ma solo, quelle parti che appartengono al suo ufficio per la natura del rito e dei principi di liturgia.”

Il ministro del sacramento del battesimo, che sia un sacerdote o un laico, è “la presenza-segno di Colui che si raduna, ed è allo stesso tempo il luogo della comunione di ogni assemblea liturgica con l’intera Chiesa”, la nota esplicativa disse.

“In altre parole, il ministro è il segno visibile che il Sacramento non è soggetto ad un’azione arbitraria di individui o di comunità e che appartiene alla Chiesa universale”.