Креирајте сајт

3 начина на који су анђели чувари примери за свештенике

Gli angeli custodi sono piacevoli, presenti e oranti – elementi essenziali per ogni sacerdote.

Qualche mese fa, ho letto un meraviglioso articolo di Jimmy Akin intitolato “8 cose da sapere e condividere sugli angeli custodi”. Come al solito, ha svolto un lavoro formidabile riassumendo e spiegando chiaramente la teologia degli angeli custodi dai caratteri della Divina Rivelazione, Sacra Scrittura e Sacra Tradizione.

Di recente, mi sono rivolto a questo articolo nel tentativo di aiutare con alcune catechesi online sugli angeli custodi. Ho un amore speciale per gli angeli custodi perché nella festa degli angeli custodi (2 ottobre 1997) sono entrato nell’ordine santo. La mia ordinazione diaconale ebbe luogo presso l’altare della Cattedra presso la Basilica di San Pietro in Città del Vaticano e il defunto cardinale Jan Pieter Schotte, CICM, fu il prelato ordinante.

Nel mezzo di questa pandemia globale, molti sacerdoti, me compreso, ritengono che i nostri ministeri sacerdotali siano molto cambiati. Saluto i miei fratelli sacerdoti che si stanno adoperando per livestreamare le loro messe, esposizione del Santissimo Sacramento, recitazione della Liturgia delle Ore, catechesi e molti altri servizi parrocchiali. Come professore di teologia, sto insegnando i miei due seminari per la Pontificia Università Gregoriana di Roma in cui stiamo leggendo e discutendo il testo classico di Papa Emerito Benedetto XVI, Introduzione al cristianesimo (1968) tramite Zoom. E come formatore di seminari presso il Pontificio Collegio Nordamericano, sto al passo con i seminaristi di cui sono responsabile tramite WhatsApp, FaceTime e telefono, poiché la maggior parte dei nostri seminaristi è attualmente tornata negli Stati Uniti.

Non è quello che pensavamo sarebbe stato il nostro ministero sacerdotale ma, grazie a Dio e alla tecnologia moderna, stiamo facendo del nostro meglio per ministrare ancora al Popolo di Dio a cui siamo stati assegnati. Per molti di noi, i nostri ministeri, anche come sacerdoti diocesani, sono diventati più tranquilli, più contemplativi. E questo è esattamente ciò che mi ha fatto pensare ai sacerdoti che pregano ancora di più i loro angeli custodi e che usano gli angeli custodi per l’ispirazione. Gli angeli custodi ci ricordano, in definitiva, della presenza di Dio e dell’amore per noi come individui. È il Signore che guida i fedeli nella via della pace tramite il ministero dei suoi santi angeli. Non sono visti fisicamente, ma sono presenti, così fortemente. E così dovremmo essere noi sacerdoti, anche in questo periodo di ministero più nascosto.

In un modo speciale, noi che siamo chiamati a servire la Chiesa come suoi sacerdoti, dovremmo guardare alla presenza e all’esempio degli angeli custodi come modello per il nostro ministero. Ecco tre motivi:

Primo, proprio come il sacerdote, gli angeli vivono e lavorano in una gerarchia, tutti al servizio di Cristo. Proprio come esistono diverse gerarchie di angeli (serafini, cherubini, troni, domini, virtù, poteri, principati, arcangeli e angeli custodi), tutti i quali cooperano tra loro per la gloria di Dio, così dovrebbe anche la gerarchia dei chierici ( vescovo, sacerdote, diacono) cooperano tutti per la gloria di Dio e per aiutare il Signore Gesù nella costruzione della Chiesa.

In secondo luogo, ogni giorno, i nostri angeli, alla presenza di Cristo nella sua visione beatifica, vivono permanentemente l’esperienza di cui ci viene predetto quando preghiamo l’Ufficio Divino, la Liturgia delle Ore, lodando Dio eternamente come Te Deum ci ricorda. Alla sua ordinazione diaconale, il chierico promette di pregare la Liturgia delle Ore (Ufficio delle Letture, Preghiera del mattino, Preghiera diurna, Preghiera della sera, Preghiera della notte) nella sua interezza ogni giorno. Prega l’Ufficio non solo per la santificazione dei suoi giorni, ma anche per la santificazione di tutto il mondo. Come un angelo custode, funge da intercessore per il suo popolo e, unendo questa preghiera con il Santo Sacrificio della Messa, veglia in preghiera tutto il popolo di Dio.

Terzo e infine, gli angeli custodi sanno che la loro cura pastorale che offrono non riguarda loro. Riguarda Dio. Non si tratta della loro faccia; si tratta di indicare il Padre. E questa potrebbe essere una lezione preziosa per noi tutti i giorni della nostra vita sacerdotale. Con tutto il loro potere, tutto ciò che sanno, con tutto ciò che hanno visto, gli angeli rimangono umili.

Piacevole, presente e orante – elementi essenziali per ogni singolo sacerdote. Tutte queste sono lezioni che noi sacerdoti possiamo imparare dai nostri angeli custodi.