Креирајте сајт

Фатимско светиште повећава добротворне иницијативе чак и ако се донације смање за половину

Nel 2020, il Santuario di Nostra Signora di Fatima in Portogallo ha perso decine di pellegrini e, con loro, ingenti entrate, a causa delle restrizioni ai viaggi del coronavirus che hanno tenuto lontani gli stranieri.

Il portavoce Carmo Rodeia ha detto a CNA il 18 novembre che il basso numero di pellegrini ha avuto “un profondo impatto sulle donazioni” al santuario, con un calo del 47%.

Il santuario ha continuato le sue celebrazioni liturgiche durante la pandemia, ma è stato costretto a chiudere ai pellegrini da metà marzo a fine maggio. Messe e rosari al santuario sono stati trasmessi in streaming dal vivo.

In ottobre, uno dei due mesi più trafficati dell’anno, il santuario mariano ha potuto accogliere 6.000 persone con maschera e allontanamento forzato nella sua piazza centrale. Ma era ancora una presenza molto inferiore rispetto al solito e includeva pochissimi stranieri, ha detto Rodeia.

Nell’ottobre 2019, il sito aveva 733 gruppi di pellegrini, 559 dei quali provenivano da fuori del Portogallo, ha detto Rodeia. Nell’ottobre 2020 contava 20 gruppi, tutti provenienti dal Portogallo.

A maggio, per la prima volta nella sua storia , il santuario è stato costretto a celebrare senza il pubblico il suo 13 maggio anniversario delle apparizioni mariane del 1917 .

Questo mese, le misure contro la diffusione del coronavirus si inaspriranno in Portogallo, con un coprifuoco del fine settimana dalle 13:00 alle 5:00, che secondo Rodeia significava che il santuario sarebbe stato in grado di offrire la messa mattutina solo domenica, a partire dal 22 novembre.

“Questa è la cosa peggiore: non abbiamo pellegrini”, ha detto, spiegando che nel 2019 il santuario ha avuto 6,2 milioni di visitatori. Il santuario esiste per i pellegrini, ha aggiunto, e “sono il motivo più importante per essere aperti”.

Nonostante la perdita di entrate, il sito di pellegrinaggio non si è separato da nessuno dei suoi circa 300 dipendenti, ha detto Rodeia, osservando che il santuario ha dovuto essere creativo con le mansioni lavorative e utilizzare “un’amministrazione responsabile” per far lavorare tutti.

Inoltre, il santuario di Fatima ha aumentato il suo aiuto alla comunità locale, con un aumento della sua assistenza sociale del 60% nel 2020.

Il santuario fornisce aiuto alla città di Fatima e alle chiese bisognose in tutto il mondo, in particolare quelle dedicate a Nostra Signora di Fatima, ha detto la portavoce.

Ha spiegato che la perdita di pellegrini ha colpito l’intera comunità, poiché la gente del posto fa affidamento sui visitatori per il loro lavoro e il loro sostentamento. Molti hotel e ristoranti della città, circa 12.000, hanno chiuso, costando il lavoro alle persone.

Le persone bisognose “vengono al santuario e il santuario le sostiene”, ha detto Rodeia.

Nell’agosto 2023 è prevista la prossima Giornata Mondiale della Gioventù nella capitale portoghese, Lisbona. Con Fatima a poco meno di 80 miglia di distanza, ci sarà probabilmente un gran numero di giovani cattolici che faranno una deviazione verso il sito delle apparizioni mariane, dando al santuario e alla sua comunità qualcosa da aspettarsi mentre supera la crisi attuale