Креирајте сајт

Сањајте велико, немојте се задовољити с мало, поручује папа Фрања младим људима

I giovani di oggi non dovrebbero sprecare la vita sognando di ottenere cose banali che forniscano solo un fugace momento di gioia ma aspirano alla grandezza che Dio vuole per loro, ha detto Papa Francesco.

Celebrando la messa nella festa di Cristo Re il 22 novembre, il Papa ha detto ai giovani che Dio “non vuole che restringiamo i nostri orizzonti o che restiamo parcheggiati sul ciglio della strada”, ma invece “vuole che corriamo coraggiosamente e con gioia verso traguardi elevati “.

“Non siamo stati creati per sognare le vacanze o il fine settimana, ma per realizzare i sogni di Dio in questo mondo”, ha detto. “Dio ci ha resi capaci di sognare, in modo che potessimo abbracciare la bellezza della vita.”

Al termine della Messa, i giovani di Panama, paese ospitante della Giornata Mondiale della Gioventù 2019, hanno consegnato la croce della Giornata Mondiale della Gioventù ai giovani di Lisbona, Portogallo, dove è previsto il prossimo incontro internazionale nell’agosto 2023.

Il passaggio di consegne era originariamente previsto per il 5 aprile, domenica delle Palme, ma è stato posticipato a causa dei blocchi e dei divieti di viaggio in atto per frenare la diffusione del coronavirus.

Nella sua omelia, il papa ha riflettuto sulla lettura del Vangelo del giorno da san Matteo, in cui Gesù dice ai suoi discepoli che il bene fatto agli ultimi gli viene fatto.

Papa Francesco ha detto che le opere di misericordia come nutrire gli affamati, accogliere lo straniero e visitare i malati o i carcerati sono “la lista dei regali” di Gesù per le nozze eterne che condividerà con noi in cielo “.

Questo promemoria, ha detto, è specialmente per i giovani poiché “ti sforzi di realizzare i tuoi sogni nella vita”.

Ha anche spiegato che se i giovani oggi sognano “la vera gloria e non la gloria di questo mondo che passa”, le opere di misericordia sono la via da seguire perché quelle opere “danno gloria a Dio più di ogni altra cosa”.

“La vita, vediamo, è un tempo per fare scelte robuste, decisive, eterne”, ha detto il papa. “Scelte banali portano ad una vita banale; grandi scelte per una vita di grandezza. In effetti, diventiamo ciò che scegliamo, nel bene e nel male “.

Scegliendo Dio, i giovani possono crescere nell’amore e nella felicità, ha detto. Ma si può avere una vita piena “solo dandola via”.

“Gesù sa che se siamo egocentrici e indifferenti, restiamo paralizzati, ma se ci doniamo agli altri, diventiamo liberi”, ha detto.

Papa Francesco ha anche avvertito degli ostacoli che si incontrano nel dare la propria vita per gli altri, in particolare il “consumismo febbrile”, che può “travolgere i nostri cuori con cose superflue”.

“L’ossessione per il piacere può sembrare l’unico modo per sfuggire ai problemi, ma semplicemente li rinvia”, ha detto il papa. “Una fissazione con i nostri diritti può portarci a trascurare le nostre responsabilità verso gli altri. Poi c’è il grande malinteso sull’amore, che è più che emozioni potenti, ma soprattutto un dono, una scelta e un sacrificio “.