Креирајте сајт

Размислите данас о својој понизности пред Богом

Ma la donna venne e gli fece omaggio, dicendo: “Signore, aiutami”. Ha risposto in risposta: “Non è giusto prendere il cibo dei bambini e gettarlo ai cani”. Ella disse: “Per favore, Signore, perché anche i cani mangiano gli avanzi che cadono dal tavolo dei loro padroni”. Matteo 15: 25-27

Gesù ha davvero insinuato che aiutare questa donna è stato come gettare cibo ai cani? La maggior parte di noi si sarebbe offesa molto per ciò che Gesù disse a causa del nostro orgoglio. Ma quello che ha detto era vero e non è stato scortese in alcun modo. Gesù ovviamente non può essere scortese. Tuttavia, la sua affermazione ha l’aspetto superficiale di essere scortese.

Innanzitutto, diamo un’occhiata a come la sua affermazione è vera. Gesù stava chiedendo a Gesù di venire a guarire sua figlia. Fondamentalmente, Gesù le dice che non merita comunque questa grazia. E questo è vero. Non più di quanto un cane meriti di essere nutrito dal tavolo meritiamo la grazia di Dio. Sebbene questo sia un modo scioccante per dirlo, Gesù lo dice in questo modo in modo da illustrare prima la verità della nostra condizione peccaminosa e indegnità. E questa donna lo prende.

Secondo, l’affermazione di Gesù permette a questa donna di reagire con la massima umiltà e fede. La sua umiltà si vede nel fatto che non nega il parallelo con un cane che mangia dal tavolo. Piuttosto, sottolinea umilmente che anche i cani mangiano gli avanzi. Caspita, questa è umiltà! In effetti, possiamo essere certi che Gesù le parlò in questo modo un po ‘umiliante perché sapeva quanto fosse umile e sapeva che avrebbe reagito lasciando che la sua umiltà risplendesse in modo da manifestare la sua fede. Non era offesa dall’umile verità della sua indegnità; piuttosto, l’abbracciò e cercò anche l’abbondante misericordia di Dio nonostante la sua indegnità.

L’umiltà ha il potenziale per scatenare la fede e la fede scatena la misericordia e il potere di Dio. Alla fine, Gesù parla perché tutti sentano: “Oh donna, grande è la tua fede!” La sua fede fu manifestata e Gesù colse l’opportunità di onorarla per quella fede umile.

Rifletti, oggi, sulla tua stessa umiltà davanti a Dio. Come avresti reagito se Gesù ti avesse parlato in questo modo? Saresti stato abbastanza umile da riconoscere la tua indegnità? Se è così, avresti anche abbastanza fede da invocare la misericordia di Dio nonostante la tua indegnità? Queste meravigliose qualità vanno di pari passo (umiltà e fede) e scatenano la misericordia di Dio!

Signore, sono indegno. Aiutami a vederlo. Aiutami a vedere che non merito la tua grazia nella mia vita. Ma in quella umile verità, posso anche riconoscere la tua abbondanza di misericordia e non temere mai di invocarti misericordia. Gesù io credo in te.