Креирајте сајт

Покривање косе у јудаизму

Nell’ebraismo, le donne ortodosse si coprono i capelli a partire dal momento in cui si sposano. Il modo in cui le donne si coprono i capelli è una storia diversa e comprendere la semantica della copertura dei capelli rispetto alla copertura della testa è anche un aspetto importante dell’halakha (legge) della copertura.

All’inizio
Покривање је укоријењено у сотама или сумњивим прељубницима, у нарацији Бројева 5: 11-22. Ови стихови детаљно описују шта се дешава када мушкарац посумња у жену за прељуб.

E Dio parlò a Mosè, dicendo: “Parla ai figli d’Israele e di ‘loro:’ Se la moglie di un uomo si smarrisce ed è infedele contro di lui, e un uomo giace con lei carnalmente ed è nascosto agli occhi di suo marito e lei diventare impuro o impuro ( tameh ) in segreto, e non ci sarà alcun testimoni contro di lei o lei viene catturato, e lo spirito di gelosia che scenderà su di lui e lui è geloso della moglie e lei è o se lo spirito di gelosia viene su lui e lui è geloso di lei e lei non è impura o impura, quindi il marito porterà sua moglie dal Santo Sacerdote e porterà un’offerta per lei, una decima parte di un’ephahdi farina d’orzo, e non vi verserà olio, né vi verserà incenso, poiché è un’offerta di grano di gelosie, un’offerta di grano di memoriale, che porta alla memoria. E il Santo Sacerdote la avvicinerà e la metterà davanti a Dio e il Santo Sacerdote prenderà l’acqua santa in una nave di terra e della polvere che è sul pavimento dall’offerta che il Santo Sacerdote la metterà nell’acqua. Il Santo Sacerdote imposterà la donna davanti a Dio e Parah i capelli e mettere oblazione commemorativa iNelle sue mani, che è l’offerta di grano della gelosia, e nella mano del sacerdote c’è l’acqua dell’acqua di amarezza che porta una maledizione. E sarà messa sotto giuramento dal Santo Sacerdote, dicendo: “Se nessun uomo si è sdraiato con te e non sei diventato impuro o impuro con un altro accanto a tuo marito, sarai immune da quest’acqua di amarezza. Ma se tu si sono sviati e sono impuri o impuri, le acque ti faranno sprecare e lei dirà amen, amen.

In questa porzione di testo, i capelli della sospetta adultera sono parah , che ha molti significati diversi, tra cui non intrecciati o slegati. Può anche significare deluso, scoperto o spettinato. In entrambi i casi, l’immagine pubblica della sospetta adultera è alterata da un cambiamento nel modo in cui i suoi capelli sono legati sulla sua testa.

I rabbini hanno capito da questo passaggio dalla Torah, quindi, che la copertura della testa o dei capelli era una legge per le “figlie di Israele” ( Sifrei Bamidbar 11) diretta da Dio. A differenza di altre religioni, incluso l’Islam che ha le ragazze che si coprono i capelli prima del matrimonio, i rabbini hanno scoperto che il significato di questa porzione di sotah significa che la copertura dei capelli e della testa si applicava solo alle donne sposate.

Коначна одлука
Molti saggi nel corso del tempo hanno discusso se questa sentenza fosse Dat Moshe ( legge della Torah ) o Dat Yehudi , essenzialmente un’usanza del popolo ebraico (soggetto a regione, costumi familiari, ecc.) Che è diventata legge. Allo stesso modo, la mancanza di chiarezza sulla semantica nella Torah rende difficile comprendere lo stile o il tipo di copricapo o capelli che è stato impiegato.
L’opinione schiacciante e accettata riguardo alla copertura della testa, tuttavia, afferma che l’obbligo di coprirsi i capelli è immutabile e non soggetto a modifiche ( Gemara Ketubot 72a-b ), rendendolo Dat Moshe o un decreto divino.Così, una Torah – donna ebrea osservante è necessario per coprire i capelli sul matrimonio. Ciò significa, tuttavia, qualcosa di completamente diverso.

Шта покрити
Nella Torah, dice che il “capello” della sospetta adultera era parah . Nello stile dei rabbini, è importante considerare la seguente domanda: che cosa sono i capelli?

pelo (n) una esile crescita filiforme dell’epidermide di un animale; in particolare: uno dei filamenti solitamente pigmentati che formano il caratteristico mantello di un mammifero (www.mw.com)
Nell’ebraismo, la copertura della testa o dei capelli è conosciuta come kisui rosh (key-sue-ee rowh), che letteralmente si traduce come copertura della testa. Per questo motivo, anche se una donna si rade la testa, deve comunque coprirsi la testa. Allo stesso modo, molte donne prendono questo per significare che devi solo coprire la testa e non i capelli che cadono dalla testa.

Nella codificazione della legge di Maimonide (nota anche come Rambam), distingue due tipi di scoperte: piena e parziale, con la prima violazione di Dat Moshe (legge della Torah). Dice essenzialmente che è un comando diretto della Torah per le donne di evitare che i loro capelli vengano esposti in pubblico, e un’usanza delle donne ebree di elevare quello standard nell’interesse della modestia e mantenere una copertura intatta sulla loro testa in ogni momento, tra cui all’interno della casa ( Hilchot Ishut 24:12). Rambam afferma, quindi, che la copertura totale è legge e la copertura parziale è un’usanza.In definitiva, il suo punto è che i tuoi capelli non dovrebbero essere né delusi [ parah ] né esposti.
Nel Talmud babilonese , è stabilito un modello più indulgente in quella minima copertura della testa non è accettabile in pubblico, nel caso di una donna che va dal suo cortile all’altro attraverso un vicolo, è sufficiente e non trasgredisce Dat Yehudit, o legge personalizzata. Il Talmud di Gerusalemme , d’altra parte, insiste su una testata minimale che copre nel cortile e una completa in un vicolo. Sia il Talmud babilonese che quello di Gerusalemme si occupano di “spazi pubblici” in queste sentenzeIl rabbino Shlomo ben Aderet , il Rashba, ha affermato che “i capelli che si estendono normalmente fuori dal fazzoletto e suo marito vi è abituato” non sono considerati “sensuali. In tempi talmudici , il Maharam Alshakar ha affermato che era consentito i fili per penzolare fuori dalla parte anteriore (tra l’orecchio e la fronte), nonostante l’abitudine di coprire ogni ultima ciocca di capelli di una donna. Questa sentenza ha creato ciò che molti ebrei ortodossi comprendono come la regola del tefach , o larghezza della mano, dei capelli che consente ad alcuni di avere i capelli sciolti sotto forma di frangia.

Nel 20 ° secolo il rabbino Moshe Feinstein decretò che tutte le donne sposate dovevano coprire i capelli in pubblico e che erano obbligate a coprire ogni ciocca, ad eccezione del tefach. Ha sostenuto la copertura completa come “corretta”, ma che la rivelazione di un tefach non violava Dat Yehudit.

Како покрити
Molte donne coprono con sciarpe conosciute come un tichel (pronunciato “solletico”) o una mitpaha in Israele, mentre altre scelgono di coprire con un turbante o un cappello. Ci sono molti che scelgono anche di coprire con una parrucca, conosciuta nel mondo ebraico come uno sheitel (pronunciato shay-tull).

La parrucca divenne popolare tra i non ebrei prima di quelli tra gli ebrei osservanti. In Francia nel XVI secolo, le parrucche divennero popolari come accessorio di moda per uomini e donne, e i rabbini respinsero le parrucche come un’opzione per gli ebrei perché era inappropriato emulare i “modi delle nazioni”. Anche le donne lo consideravano una scappatoia per coprire la testa. Le parrucche erano abbracciate, a malincuore, ma le donne in genere coprivano le parrucche con un altro tipo di copricapo, come un cappello, come è tradizione in molte comunità religiose e chassidiche di oggi.

Il rabbino Menachem Mendel Schneerson , il defunto Lubavitcher Rebbe, credeva che una parrucca fosse il miglior copricapo possibile per una donna perché non era facile da rimuovere come una sciarpa o un cappello. D’altra parte, l’ex rabbino capo sefardita d’Israele Ovadiah Yosef ha definito le parrucche una “piaga lebbrosa”, arrivando al punto di dire che “lei che esce con una parrucca, la legge è come se uscisse con la testa [scoperta ].”

Такође, према Даркеи Мосхе, Орацх Цхаим 303, можете да ошишате косу и претворите је у перику:

“Una donna sposata è autorizzata ad esporre la sua parrucca e non c’è differenza se è fatta dai suoi stessi capelli o dai capelli delle sue amiche.”
Културне чудности за покривање
У мађарској, галицијској и украјинској хасидској заједници, удате жене рутински бријају главу прије него што се сваки мјесец прекрију и бријају прије одласка у микву. У Литванији, Мароку и Румунији жене уопште нису покривале косу. Из литванске заједнице дошао је отац модерне православље, рабин Јосепх Соловеитцхик, који необично никада није написао своје ставове о покривању косе и чија супруга уопште није покривала косу.