Креирајте сајт

Либански кардинал: "Црква има велику дужност" после експлозије у Бејруту

Dopo che almeno un’esplosione si è verificata martedì nei porti di Beirut, un cardinale cattolico maronita ha affermato che la Chiesa locale ha bisogno di sostegno per aiutare il popolo libanese a riprendersi da questo disastro.

“Beirut è una città devastata. Una catastrofe colpì lì a causa della misteriosa esplosione avvenuta nel suo porto ”, ha dichiarato il 5 agosto il cardinale Bechara Boutros Rai, patriarca maronita di Antiochia.

“La Chiesa, che ha istituito una rete di soccorso in tutto il territorio libanese, oggi si trova di fronte a un nuovo grande dovere che non è in grado di assumere da solo”, ha continuato la dichiarazione del patriarca.

Ha detto che dopo l’esplosione di Beirut, la Chiesa è “solidale con gli afflitti, le famiglie delle vittime, i feriti e gli sfollati che è pronta ad accogliere nelle sue istituzioni”.

L’esplosione, avvenuta nel porto di Beirut, ha ucciso almeno 100 persone e ferito migliaia, inondando ospedali. Il bilancio delle vittime dovrebbe aumentare ulteriormente, poiché il personale di emergenza cerca un numero imprecisato di persone ancora disperse tra le macerie.

L’esplosione ha acceso gli incendi e la maggior parte della città è rimasta senza elettricità martedì e mercoledì. Sezioni della città, compresa la famosa zona del lungomare, furono distrutte dall’esplosione. Anche gli affollati quartieri residenziali nella parte orientale di Beirut, che è prevalentemente cristiana, hanno subito gravi danni a seguito dell’esplosione, avvertita a Cipro a 150 miglia di distanza.

Il cardinale Rai ha descritto la città come “una scena di guerra senza guerra”.

“Distruzione e desolazione in tutte le sue strade, quartieri e case.”

Ha esortato la comunità internazionale a venire in aiuto del Libano, che era già in crisi economica.

“Mi rivolgo a te perché so quanto vuoi che il Libano riacquisti il ​​suo ruolo storico al servizio dell’uomo, della democrazia e della pace in Medio Oriente e nel mondo”, ha detto Rai.

Ha chiesto ai paesi e alle Nazioni Unite di inviare aiuti a Beirut e ha invitato enti di beneficenza in tutto il mondo per aiutare le famiglie libanesi a “guarire le loro ferite e ripristinare le loro case”.

Il primo ministro libanese Hassan Diab ha dichiarato il 5 agosto una giornata nazionale di lutto. Il paese è diviso quasi uniformemente tra musulmani sunniti, musulmani sciiti e cristiani, molti dei quali sono cattolici maroniti. Il Libano ha anche una piccola popolazione ebraica, nonché drusi e altre comunità religiose.

I leader cristiani hanno chiesto preghiere dopo l’esplosione e molti cattolici si sono rivolti all’intercessione di San Charbel Makhlouf, un sacerdote ed eremita che visse dal 1828 al 1898. È conosciuto in Libano per le sue miracolose guarigioni di coloro che visitano la sua tomba per cercare la sua intercessione – sia cristiani che musulmani.

La Fondazione Maronite nel Mondo ha pubblicato una foto del santo sulla loro pagina Facebook il 5 agosto con la didascalia “Dio abbi pietà del tuo popolo. San Charbel prega per noi “.

Lo studio e gli uffici della rete televisiva cristiana del Medio Oriente Noursat si trovavano a circa cinque minuti dal luogo dell’esplosione e sono stati “gravemente danneggiati” secondo una dichiarazione congiunta del fondatore e presidente della rete il 5 agosto.

Hanno chiesto “preghiere intense per il nostro amato paese Libano e Tele Lumiere / Noursat per continuare la sua missione nel diffondere la parola di Dio, la speranza e la fede”.

“Preghiamo per le anime delle vittime, chiediamo al nostro Dio Onnipotente di guarire i feriti e di dare forza alle loro famiglie”