Креирајте сајт

Католичке монахиње у Кини принуђене да напусте самостан због узнемиравања владе

A causa delle pressioni del governo cinese, otto suore cattoliche sarebbero state costrette a lasciare il loro convento nella provincia settentrionale dello Shanxi. La loro posizione attuale non è stata segnalata.

“I funzionari ci hanno dichiarato ‘persone pericolose’ e ci hanno molestato ripetutamente”, ha detto una delle suore, secondo Bitter Winter, una rivista italiana che si occupa di diritti umani e libertà religiose in Cina.

“Ci hanno chiesto di scrivere quello che avevamo fatto dagli asili e di rivelare tutto quello che abbiamo fatto negli ultimi mesi. Volevano persino che ricordassimo le targhe dei veicoli che abbiamo usato durante i nostri viaggi “.

Le suore sono state costantemente sorvegliate dal Partito comunista cinese perché vivevano all’estero e si sono rifiutate di unirsi all’Associazione patriottica cattolica cinese, la chiesa di stato gestita dai comunisti, secondo Bitter Winter.

Il governo ha installato quattro telecamere di sorveglianza nel convento per monitorare le suore e i loro visitatori, riporta la rivista.

“Tre persone, un agente di polizia e due funzionari locali, sono state assegnate a vegliare su di noi”, ha detto la suora, secondo Bitter Winter.

“Andavano spesso in convento per informarsi sulle nostre attività, a volte di notte. Il governo ha persino assunto alcuni teppisti e delinquenti per molestarci. Entravano in cucina mentre noi cucinavamo per scherzare o agivano lascivamente, invitandoci a cenare con loro “.

Le suore furono anche costrette a rimuovere simboli religiosi, come croci e statue di santi dall’interno del convento, o affrontare la demolizione del loro convento.

“La croce è un simbolo di salvezza. Rimuoverlo è stato come tagliare la nostra stessa carne ”, ha detto la sorella.

Negli ultimi mesi, le autorità dello Shanxi hanno fatto pressioni sulle persone affinché sostituissero i simboli religiosi nelle loro case con le immagini del presidente Mao e del presidente Xi Jinping. Un mancato rispetto può comportare la rimozione da parte del governo dell’assistenza finanziaria per le persone colpite da COVID-19.

Come gran parte del mondo, l’economia cinese è stata duramente colpita dalla pandemia, il che significa che grandi porzioni di cittadini sono costrette a fare affidamento sui pagamenti del governo. Allo stesso tempo, il governo ha supervisionato un rinnovato giro di vite contro le istituzioni religiose, ha riferito Bitter Winter.

“Le famiglie religiose povere non possono ricevere denaro dallo stato per niente – devono obbedire al Partito Comunista per i soldi che ricevono”, ha detto un membro della Chiesa delle Tre Autonomie, che è la denominazione protestante ufficiale del Partito Comunista Cinese.

Bitter Winter ha riferito il 13 ottobre che il proprietario di una casa editrice è stato visitato da funzionari un mese prima per assicurarsi che non stampasse materiale religioso. Il manager ha detto che ha dovuto rifiutare qualsiasi ordine per testi religiosi.

“Hanno controllato il mio magazzino, esaminato tutti i registri e persino esaminato i fogli di carta sul pavimento, per vedere se avevano contenuto proibito”, ha detto il direttore della tipografia, situata a Luoyang. “Se vengono trovati contenuti di questo tipo, sarò multato o, peggio, la mia attività verrà chiusa.”

L’anno scorso, il Partito Comunista Cinese ha rimosso le manifestazioni dei 10 comandamenti nelle chiese di diverse parti del paese e le ha sostituite con testi modificati per riflettere meglio i principi comunisti. I funzionari del Partito Comunista hanno anche annunciato che stanno lavorando a una versione della Bibbia approvata dai comunisti.

Persino i cristiani morti da tempo sono stati oggetto di persecuzione in Cina. Bitter Winter ha riferito il 16 ottobre che il mese precedente le autorità cinesi avevano demolito le lapidi di 20 missionari svedesi, alcuni dei quali morti oltre 100 anni fa.