Crea sito

San Carlo Borromeo,Santo del giorno per il 4 novembre

Santo del giorno per il 4 novembre
(2 ottobre 1538-3 novembre 1584)
File audio
Storia di San Carlo Borromeo

Il nome di Carlo Borromeo è associato alla riforma. Ha vissuto durante il periodo della Riforma protestante e ha contribuito alla riforma dell’intera Chiesa durante gli ultimi anni del Concilio di Trento.

Benché appartenesse alla nobiltà milanese ed fosse imparentato con la potente famiglia dei Medici, Carlo desiderava dedicarsi alla Chiesa. Nel 1559, quando suo zio, il cardinale de Medici fu eletto papa Pio IV, lo nominò cardinale diacono e amministratore dell’arcidiocesi di Milano. All’epoca Charles era ancora un laico e un giovane studente. A causa delle sue qualità intellettuali, a Carlo furono affidati diversi importanti incarichi legati al Vaticano, e in seguito nominato segretario di Stato con responsabilità per lo Stato pontificio. La morte prematura del fratello maggiore portò Carlo a una decisione definitiva di essere ordinato sacerdote, nonostante l’insistenza dei suoi parenti che si sposasse. Subito dopo essere stato ordinato sacerdote all’età di 25 anni, Borromeo fu consacrato vescovo di Milano.

Lavorando dietro le quinte, San Carlo merita il merito di aver tenuto in seduta il Concilio di Trento quando in diversi punti era sul punto di sciogliersi. Borromeo incoraggiò il papa a rinnovare il Concilio nel 1562, dopo che era stato sospeso per 10 anni. Si è fatto carico dell’intera corrispondenza durante la fase finale. A causa del suo lavoro al Consiglio, Borromeo non poteva prendere residenza a Milano fino alla conclusione del Concilio.

Alla fine, Borromeo fu autorizzato a dedicare il suo tempo all’Arcidiocesi di Milano, dove il quadro religioso e morale era tutt’altro che brillante. La riforma necessaria in ogni fase della vita cattolica sia tra il clero che tra i laici è stata avviata in un consiglio provinciale di tutti i vescovi sotto di lui. Per i vescovi e gli altri ecclesiastici furono redatte norme specifiche: se il popolo si convertiva a una vita migliore, Borromeo doveva essere il primo a dare il buon esempio e rinnovare il suo spirito apostolico.

Charles ha preso l’iniziativa nel dare un buon esempio. Destinò la maggior parte delle sue entrate in beneficenza, si proibì ogni lusso e si impose severe penitenze. Ha sacrificato ricchezza, alti onori, stima e influenza per diventare povero. Durante la peste e la carestia del 1576, Borromeo cercò di sfamare dalle 60.000 alle 70.000 persone al giorno. Per fare questo ha preso in prestito grandi somme di denaro che hanno richiesto anni per essere rimborsate. Mentre le autorità civili sono fuggite al culmine della peste, lui è rimasto in città, dove si è occupato dei malati e dei morenti, aiutando i bisognosi.

Il lavoro e i pesanti fardelli della sua alta carica iniziarono a intaccare la salute dell’arcivescovo Borromeo, portandolo alla morte all’età di 46 anni.

Riflessione

San Carlo Borromeo ha fatto sue le parole di Cristo: “… avevo fame e mi hai dato da mangiare, avevo sete e mi hai dato da bere, straniero e mi hai accolto, nudo e mi hai vestito, malato e ti sei preso cura di me , in prigione e mi hai visitato ”(Matteo 25: 35-36). Borromeo vedeva Cristo nel suo prossimo, e sapeva che la carità fatta per l’ultimo del suo gregge era carità fatta per Cristo.