Crea sito

Riflettiamo oggi sulle anime del Purgatorio

Il seguente estratto è tratto dal capitolo 8 di My Catholic Faith! :

Mentre celebriamo la Commemorazione di Tutte le Anime, riflettiamo sul nostro insegnamento della Chiesa sul Purgatorio:

La sofferenza della Chiesa : il Purgatorio è una dottrina della nostra Chiesa spesso fraintesa. Cos’è il Purgatorio? È il posto in cui dobbiamo andare per essere puniti per i nostri peccati? È il modo in cui Dio ci riporta indietro per il torto che abbiamo fatto? È il risultato dell’ira di Dio? Nessuna di queste domande risponde realmente alla domanda del Purgatorio. Il Purgatorio non è altro che l’amore ardente e purificatore del nostro Dio nella nostra vita!

Quando qualcuno muore in grazia di Dio, molto probabilmente non è convertito al 100% e perfetto in ogni modo. Anche il più grande dei santi il ​​più delle volte avrebbe lasciato qualche imperfezione nella loro vita. Il Purgatorio non è altro che la purificazione finale di tutti i rimanenti attaccamenti al peccato nelle nostre vite. Per analogia, immaginate che hai avuto una tazza di acqua pura al 100%, puro H 2 O. Questo calice rappresenterà il Cielo. Ora immagina di voler aggiungere a quella tazza d’acqua ma tutto ciò che hai è acqua pura al 99%. Questo rappresenterà la persona santa che muore con solo qualche leggero attaccamento al peccato. Se aggiungi quell’acqua alla tua tazza, la tazza ora avrà almeno alcune impurità nell’acqua mentre si mescola. Il problema è che Heaven (la tazza originale di 100% H 2O) non può contenere impurità. Il paradiso, in questo caso, non può avere in sé nemmeno il minimo attaccamento al peccato. Pertanto, se questa nuova acqua (l’acqua pura al 99%) deve essere aggiunta alla tazza, deve prima essere purificata anche di quell’ultimo 1% di impurità (attaccamento al peccato). Questo è idealmente fatto mentre siamo sulla Terra. Questo è il processo per diventare santi. Ma se moriamo con qualche attaccamento, allora diciamo semplicemente che il processo di entrare nella visione finale e completa di Dio in Cielo ci purificherà da ogni rimanente attaccamento al peccato. Tutto può già essere perdonato, ma potremmo non esserci staccati da quelle cose perdonate. Il Purgatorio è il processo, dopo la morte, di bruciare l’ultimo dei nostri attaccamenti in modo che possiamo entrare in Paradiso liberati al 100% da tutto ciò che ha a che fare con il peccato. Se, ad esempio, abbiamo ancora la cattiva abitudine di essere scortesi o sarcastici,

Come avviene questo? Noi non sappiamo. Sappiamo solo che lo fa. Ma sappiamo anche che è il risultato dell’amore infinito di Dio che ci libera da questi attaccamenti. È doloroso? Più probabilmente. Ma è doloroso nel senso che lasciare andare qualsiasi attaccamento disordinato è doloroso. È difficile rompere una cattiva abitudine. È persino doloroso nel processo. Ma il risultato finale della vera libertà vale tutto il dolore che possiamo aver provato. Quindi sì, il Purgatorio è doloroso. Ma è una sorta di dolce dolore quello di cui abbiamo bisogno e produce il risultato finale di una persona unita al 100% con Dio.

Ora, poiché stiamo parlando della Comunione dei Santi, vogliamo anche assicurarci di capire che coloro che stanno attraversando questa purificazione finale sono ancora in comunione con Dio, con quei membri della Chiesa sulla Terra e con quelli in Cielo. Ad esempio, siamo chiamati a pregare per chi è in Purgatorio. Le nostre preghiere sono efficaci. Dio usa quelle preghiere, che sono atti del nostro amore, come strumenti della sua grazia di purificazione. Ci permette e ci invita a partecipare alla loro purificazione finale con le nostre preghiere e sacrifici. Questo crea un legame di unione con loro. E senza dubbio i santi in cielo offrono in particolare preghiere per coloro che sono in questa purificazione finale mentre attendono la piena comunione con loro in cielo.

Signore, prego per quelle anime che stanno attraversando la loro purificazione finale in Purgatorio. Per favore riversa la Tua misericordia su di loro in modo che possano essere liberati da ogni attaccamento al peccato e, quindi, sii pronto a vederti faccia a faccia. Gesù io credo in te.