Crea sito

Rifletti oggi sulla tua reazione alle cose difficili che Dio ti chiama a fare

Gesù iniziò a insegnare agli Apostoli che il Figlio dell’Uomo doveva soffrire molto ed essere respinto dagli anziani, dai sommi sacerdoti e dagli scribi, essere ucciso e risorgere dopo tre giorni. Lo ha parlato apertamente. Quindi Peter lo prese da parte e iniziò a rimproverarlo. Marco 8: 31-32

Perché Pietro dovrebbe prendere Gesù da parte e rimproverarlo? Fu un rimprovero di rabbia verso Gesù? No, molto probabilmente era un rimprovero basato sulla paura che Peter stava vivendo nel suo cuore.

Questo passaggio dice che Gesù “iniziò a insegnare” agli Apostoli che presto avrebbe sofferto molto , che sarebbe stato respinto e ucciso. Ciò sarebbe stato difficile per gli Apostoli da accettare e capire. All’inizio, avrebbero sperimentato tutte le emozioni e i pensieri che tutti attraversiamo mentre stiamo elaborando alcune notizie difficili. Potremmo iniziare con la negazione, quindi arrabbiarci, cercare una via d’uscita, il panico, essere confusi, ecc. Passare attraverso le fasi del dolore e dell’accettazione è normale e sembra che questo sia ciò che stava vivendo Pietro.

Fuori dalla sua lotta interiore per arrivare all’accettazione di ciò che Gesù stava iniziando a rivelare loro, Pietro cercò di mettere su un blocco. Nel racconto di Matteo di questa storia sentiamo le parole vere di Pietro: “Dio non voglia, Signore! Non ti succederà mai una cosa del genere ”( Mt 16:22 ).

Le parole di Pietro erano certamente parole di preoccupazione per Gesù, ma è importante notare che, solo perché Pietro era preoccupato per Gesù, ciò non significa che le sue parole fossero utili.

Mentre la storia continua, Gesù rimprovera severamente Pietro, ma è fatto per amore di Pietro per liberarlo dalla sua paura e confusione. È comprensibile che Pietro abbia paura della predizione della Croce. È comprensibile quando qualcuno di noi sperimenta la paura di fronte a qualche grave croce o difficoltà. La chiave qui è sapere che Gesù non vuole che ci sieda nella paura. Non vuole che scappiamo dalle croci che ci vengono date in base alla nostra debolezza umana. Invece, vuole che ci rivolgiamo a Lui e proviamo a pensare come pensa, ad agire come agisce e ad affrontare le nostre difficoltà come ha fatto abbracciando la Sua Croce.

Rifletti oggi sulla tua reazione alle cose difficili che Dio ti chiama a fare. Sì, puoi essere certo che ti chiama quotidianamente ad azioni che richiedono un grande sacrificio e un grande amore. Questo può essere vissuto come doloroso. Ma non dovresti mai permettere al dolore di una croce di dissuaderti dal portarla. Prega di avere il coraggio di affrontare le tue croci e, se necessario, di essere aperto all’amorevole rimprovero di Gesù quando scopri che hai bisogno di un rimprovero per metterti sulla strada della libertà dalla paura.

Signore, so che hai affrontato coraggiosamente e senza paura il santo sacrificio della tua gloriosa Croce. Mentre sono invitato a seguire le tue orme, scopro che la paura può sopraffarmi come ha fatto Peter. Per favore, rafforzami in quei tempi e dammi la grazia di cui ho bisogno per dirti “Sì”, qualunque cosa tu chieda. Gesù io credo in te.