Crea sito

Rifletti, oggi, sulla cosa giusta che Dio può voler mettere nel tuo cuore

Gesù salì a Gerusalemme. Trovò nell’area del tempio quelli che vendevano buoi, pecore e colombe, nonché i cambiavalute seduti lì. Fece una frusta con le corde e li scacciò tutti fuori dall’area del tempio, con le pecore e i buoi, e rovesciò le monete dei cambiavalute e rovesciò le loro tavole, e a coloro che vendevano le colombe disse: “Portate via questi di qui, e smettila di fare della casa di mio padre un mercato. ” Giovanni 2: 13b-16

Wow, Gesù era arrabbiato. Ha guidato i cambiavalute dal tempio con una frusta e ha rovesciato i loro tavoli mentre li ha rimproverati. Deve essere stata una bella scena.

La chiave, qui, è che dobbiamo capire che tipo di “rabbia” aveva Gesù. Normalmente quando parliamo di rabbia intendiamo una passione che è fuori controllo e, di fatto, ci controlla. È la perdita del controllo ed è un peccato. Ma questa non è l’ira di Gesù.

Ovviamente, Gesù era perfetto in ogni modo, quindi dobbiamo stare molto attenti a non equiparare la sua rabbia con la nostra normale esperienza di rabbia. Sì, era una passione per Lui, ma era diverso da quello che normalmente sperimentiamo. La sua rabbia era una rabbia che derivava dal suo amore perfetto.

Nel caso di Gesù, fu l’amore per il peccatore e il Suo desiderio per il loro pentimento a guidare la Sua passione. La sua rabbia era diretta contro il peccato in cui erano assorbiti e ha deliberatamente e intenzionalmente attaccato il male che ha visto. Sì, questo potrebbe essere stato scioccante per coloro che ne erano stati testimoni, ma in quella situazione era il modo più efficace per Lui di chiamarli al pentimento.

A volte scopriremo che anche noi dobbiamo essere adirati dal peccato. Ma fa attenzione! È molto facile per noi usare questo esempio di Gesù per giustificare la perdita del controllo di noi stessi e l’entrare nel peccato della rabbia. La giusta rabbia, come manifestò Gesù, lascerà sempre un senso di pace e amore per coloro che vengono rimproverati. Ci sarà anche un’immediata disponibilità a perdonare quando viene percepita la vera contrizione.

Rifletti, oggi, sull’ira giusta che Dio può voler mettere nel tuo cuore a volte. Ancora una volta, fai attenzione a discernerlo correttamente. Non lasciarti ingannare da questa passione. Consenti piuttosto all’amore di Dio per gli altri di essere la forza trainante e permetti a un santo odio per il peccato di guidarti ad agire in modo santo e giusto.

Signore, aiutami a coltivare nel mio cuore la rabbia santa e giusta che Tu desideri che io abbia. Aiutami a discernere tra ciò che è peccaminoso e ciò che è giusto. Possa questa passione e tutta la mia passione essere sempre diretta al raggiungimento della Tua santa volontà. Gesù io credo in te.