Crea sito

Rifletti, oggi, su tutto ciò che Dio ti ha dato,quali sono i tuoi talenti?

Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola: “Un uomo che stava partendo per un viaggio chiamò i suoi servitori e affidò loro i suoi beni. A uno diede cinque talenti; a un altro, due; a un terzo, uno, a ciascuno secondo le sue capacità. Poi è andato via. ” Matteo 25: 14-15

Questo passaggio inizia la parabola dei talenti. Alla fine, due dei servi lavorarono duramente usando ciò che avevano ricevuto per produrre di più. Uno dei servi non ha fatto nulla e ha ricevuto la condanna. Ci sono molte lezioni che possiamo trarre da questa parabola. Diamo un’occhiata a una lezione sull’uguaglianza.

All’inizio, potresti pensare che a ciascuno dei servi fosse stato affidato un numero diverso di talenti, un riferimento al sistema monetario usato in quel momento. Ai nostri giorni tendiamo ad essere fissati su ciò che molti chiamano “pari diritti”. Diventiamo invidiosi e arrabbiati se gli altri sembrano essere trattati meglio di noi e ci sono molti che diventano piuttosto espliciti riguardo a qualsiasi mancanza di equità percepita.

Come ti sentiresti se fossi quello che ha ricevuto un solo talento in questa storia dopo aver visto altri due ricevere cinque e due talenti? Ti sentiresti ingannato? Ti lamenteresti? Forse.

Sebbene il cuore del messaggio in questa parabola riguardi più ciò che si fa con ciò che si riceve, è interessante notare che Dio sembra dare porzioni diverse a persone diverse. Ad alcuni dà quella che sembra essere un’abbondanza di benedizioni e responsabilità. Ad altri sembra dare ben poco di ciò che è considerato di valore in questo mondo.

Dio non manca di giustizia in alcun modo. Pertanto, questa parabola dovrebbe aiutarci ad accettare il fatto che la vita potrebbe non “apparire” sempre giusta ed uguale. Ma questa è una prospettiva mondana, non divina. Dalla mente di Dio, coloro a cui è stato dato molto poco nella visione del mondo hanno tanto potenziale per produrre abbondanza di buoni frutti quanto quelli a cui è stato affidato molto. Pensa, ad esempio, alla differenza tra un miliardario e un mendicante. O sulla differenza tra un vescovo e un laico comune. È facile confrontarci con gli altri, ma il nocciolo della questione è che l’unica cosa che conta è ciò che facciamo con ciò che abbiamo ricevuto. Se sei un povero mendicante a cui è stata affrontata una situazione molto difficile nella vita,

Rifletti, oggi, su tutto ciò che Dio ti ha dato. Quali sono i tuoi “talenti?” Cosa ti è stato dato con cui lavorare nella vita? Ciò include benedizioni materiali, circostanze, talenti naturali e grazie straordinarie. Quanto bene usi ciò che ti è stato dato? Non paragonarti agli altri. Usa invece ciò che ti è stato dato per la gloria di Dio e sarai ricompensato per tutta l’eternità.

Signore, ti do tutto ciò che sono e ti ringrazio per tutto ciò che mi hai dato. Possa io usare tutto ciò di cui sono stato benedetto per la Tua gloria e per l’edificazione del Tuo Regno. Che io non mi paragoni mai agli altri, guardando solo al compimento della Tua santa volontà nella mia vita. Gesù io credo in te.