Crea sito

Quando dovremmo “mangiare, bere e essere allegri” (Ecclesiaste 8:15)?

Sei mai stato su uno di quei giri in tazza da tè? I colorati piattini a grandezza umana che ti fanno girare la testa nei parchi di divertimento? Non mi piacciono. Forse è la mia avversione generale per le vertigini, ma più che probabile è il collegamento al mio primo ricordo. Non ricordo nulla del mio primo viaggio a Disneyland a parte quelle tazze da tè. Ricordo semplicemente la sfocatura dei volti e dei colori che giravano intorno a me, mentre la musica di Alice nel Paese delle Meraviglie risuonava in sottofondo. Mentre scendevo barcollando, cercai di fissare il mio sguardo. Le persone ci circondavano, poiché l’epilessia di mia madre era scatenata. Fino ad oggi, non riesco a distinguere nessuna faccia, il mondo era solo un vortice, fuori controllo e disordinato. Da allora, ho passato gran parte della mia vita cercando di fermare la sfocatura. Alla ricerca di controllo e ordine e cercando di sbarazzarmi delle deboli vertigini. Forse l’hai sperimentato anche tu, sentendoti come se proprio quando le cose iniziano ad andare per il verso giusto, arriva una foschia e offusca la tua capacità di mettere le cose a posto. Per molto tempo mi sono chiesto perché i miei sforzi per tenere la vita sotto controllo fossero infruttuosi, ma dopo aver guadato nella nebbia, il libro di Ecclesiaste mi ha offerto speranza dove la mia vita sembrava sconvolta.

Cosa significa ‘mangiare, bere ed essere allegri’ in Ecclesiaste 8:15 ?
L’Ecclesiaste è noto come letteratura sapienziale nella Bibbia . Parla del significato della vita, della morte e dell’ingiustizia sulla terra mentre ci lascia con una vista rinfrescante per mangiare, bere e essere allegri. Il tema principale ripetuto di Ecclesiaste deriva dalla parola ebraica Hevel , in cui il predicatore afferma in Ecclesiaste 1: 2 :

“Insignificante! Insignificante! ” dice il Maestro. “Assolutamente insignificante! Tutto è privo di significato. “

Sebbene la parola ebraica Hevel sia tradotta come “insignificante” o “vanità”, alcuni studiosi sostengono che non è proprio ciò che intende l’autore. Un’immagine più chiara sarebbe la traduzione “vapore”. Il predicatore in questo libro sta fornendo la sua saggezza affermando che tutta la vita è un vapore. Descrive la vita come cercare di imbottigliare la nebbia o catturare il fumo. È un enigma, misterioso e incapace di essere compreso. Pertanto, quando in Ecclesiaste 8:15 ci dice di ‘mangiare, bere e essere allegri’ , fa luce sulla gioia della vita nonostante i suoi modi confusi, incontrollabili e ingiusti.

Il predicatore comprende il mondo corrotto in cui viviamo. Guarda il desiderio dell’umanità di controllo, lotta per il successo e la felicità, e lo chiama tutto vapore – un inseguire il vento. Indipendentemente dalla nostra etica del lavoro, buona reputazione o scelte salutari, il predicatore sa che la “tazza da tè” non smette mai di girare ( Ecclesiaste 8:16 ). Descrive la vita sulla terra come tale:

“Ancora una volta ho visto che sotto il sole la corsa non è per i veloci, né la battaglia per i forti, né il pane per i saggi, né le ricchezze per gli intelligenti, né il favore a quelli con conoscenza, ma il tempo e il caso capitano a tutti loro . Poiché l’uomo non conosce il suo tempo. Come i pesci che vengono presi in una rete malvagia, e come gli uccelli che vengono presi in un laccio, così i figli dell’uomo sono presi nel laccio in un momento cattivo, quando improvvisamente cade su di loro. – Ecclesiaste 9: 11-12

È da questo punto di vista che il predicatore offre una soluzione alle vertigini del nostro mondo:

“E lodo la gioia, perché l’uomo non ha niente di meglio sotto il sole se non mangiare e bere ed essere gioioso, perché questo lo accompagnerà nella sua fatica durante i giorni della sua vita che Dio gli ha dato sotto il sole”. – Ecclesiaste 8:15

Invece di lasciare che le nostre ansie e le pressioni di questo mondo ci abbattano, Ecclesiaste 8:15 ci chiama a godere dei semplici doni che Dio ci ha dato nonostante le nostre circostanze.

Dobbiamo “mangiare, bere e stare allegri” tutto il tempo?
Ecclesiaste 8:15 ci insegna a essere gioiosi in ogni circostanza. Nel mezzo di un aborto spontaneo, un’amicizia fallita o la perdita del lavoro, il predicatore ci ricordava che ‘c’è un tempo per ogni cosa’ ( Ecclesiaste 3:18 ) e per sperimentare la gioia dei doni di Dio nonostante le fondamenta vacillanti del mondo. Questo non è un licenziamento della nostra sofferenza o tragedia. Dio ci vede nel nostro dolore e ci ricorda che è con noi ( Romani 8: 38-39 ). Piuttosto, questa è un’esortazione a essere semplicemente presenti nei doni di Dio all’umanità.

“Ho percepito che non c’è niente di meglio per [gli esseri umani] che essere gioiosi e fare il bene finché vivono; anche che tutti dovrebbero mangiare e bere e godere di tutta la sua fatica – questo è il dono di Dio all’uomo”. – Ecclesiaste 3: 12-13

Mentre tutta l’umanità barcolla giù dalla “tazza da tè” sotto gli effetti della caduta in Genesi 3 , Dio concede le solide fondamenta della gioia a coloro che ha chiamato secondo il Suo proposito ( Romani 8:28 ).

“Non c’è niente di meglio per una persona che mangiare e bere e trovare gioia nella sua fatica. Anche questo, ho visto, viene dalla mano di Dio, perché a parte lui chi può mangiare o chi può godere? colui che gli piace Dio ha dato saggezza, conoscenza e gioia “. – Ecclesiaste 2: 24-26

Il fatto che abbiamo papille gustative per gustare un caffè ricco, mele candite dolci e nachos salati è un dono. Dio ci concede il tempo per godere del lavoro delle nostre mani e la gioia di stare seduti tra vecchi amici. Perché “ogni dono buono e perfetto viene dall’alto, discende dalle luci del Padre celeste” ( Giacomo 1: 7 ).

Cosa dice la Bibbia riguardo al godimento della vita?
Allora come possiamo goderci la vita in un mondo decaduto? Ci concentriamo solo sull’ottimo cibo e sulle bevande di fronte a noi, o c’è dell’altro per le nuove misericordie che Dio afferma di darci ogni mattina ( Lamentazioni 3:23 )? L’esortazione di Ecclesiaste è di rilasciare il nostro percepito senso di controllo e di godere del lotto che Dio ci ha dato, indipendentemente da ciò che ci viene lanciato. Per fare questo, non possiamo semplicemente affermare di “godere” delle cose, ma dobbiamo cercare proprio la cosa che fornisce gioia in primo luogo. Capire alla fine chi ha il controllo ( Proverbi 19:21 ), chi dà e chi toglie ( Giobbe 1:21), e ciò che è più soddisfacente ti fa sobbalzare. Possiamo gustare una mela candita in fiera, ma la nostra sete di soddisfazione finale non sarà mai domata e il nostro mondo sfocato non diventerà mai chiaro fino a quando non ci sottometteremo al Datore di tutte le cose buone.

Gesù ci dice che Egli è la via, la verità e la vita, nessuno può venire al Padre se non per mezzo di Lui ( Giovanni 14: 6 ). È nella nostra resa del controllo, dell’identità e della vita a Gesù che riceviamo gioia soddisfacente per tutta la vita.

“Anche se non lo hai visto, lo ami. Anche se ora non lo vedi, credi in lui e gioisci di una gioia inesprimibile e piena di gloria, ottenendo il risultato della tua fede , la salvezza delle tue anime”. – 1 Pietro 1: 8-9

Dio, nella sua infinita saggezza, ci ha dato l’ultimo dono di gioia in Gesù. Mandò Suo figlio a vivere la vita che non potevamo vivere, morire di una morte che meritavamo e risuscitò dalla tomba sconfiggendo il peccato e Satana una volta per tutte. Credendo in Lui, riceviamo una gioia inesprimibile. Tutti gli altri doni – amicizia, tramonti, buon cibo e umorismo, hanno semplicemente lo scopo di riportarci alla gioia che abbiamo in Lui.

In che modo i cristiani sono chiamati a vivere sulla terra?
Quel giorno sulle tazze da tè resta bruciato nella mia mente. Mi ricorda allo stesso tempo chi ero e come Dio ha trasformato la mia vita attraverso Gesù. Più ho cercato di sottomettermi alla Bibbia e vivere con mano aperta, più gioia ho provato per le cose che Egli dà e per le cose che toglie. Non importa dove ti trovi oggi, ricordiamoci 1 Pietro 3: 10-12 :

“Chi desidera amare [e godere] della vita e vedere giorni buoni,
trattieni la sua lingua dal male e le sue labbra dal parlare inganno;
si allontani dal male e faccia il bene; cerchi la pace e la persegua.
Poiché gli occhi del Signore sono sui giusti e i suoi orecchi sono aperti alla loro preghiera.
Ma il volto del Signore è contro coloro che fanno il male “.

Come cristiani, siamo chiamati a godere della vita tenendo lontana la nostra lingua dal male, facendo del bene agli altri e perseguendo la pace con tutti. Godendo la vita in questo modo, cerchiamo di onorare il prezioso sangue di Gesù che è morto per renderci possibile la vita. Sia che ti senti come se fossi seduto su una tazza da tè che gira, o bloccato in una nebbia di vertigini, ti incoraggio a presentare i pezzi di vita che stai facendo a pezzi. Coltiva un cuore grato, apprezza i semplici doni che Dio ha dato e cerca di goderti la vita onorando Gesù e obbedendo ai suoi comandi. ” Poiché il regno di Dio non è questione di mangiare e bere, ma di giustizia, pace e gioia nello Spirito Santo ” ( Romani 14:17). Non viviamo con la mentalità “YOLO” che le nostre azioni non contano, ma godiamoci la vita perseguendo la pace e la rettitudine e ringraziando Dio per la sua grazia nelle nostre vite.