سایټ جوړ کړئ

پوپ فرانسس د مدني اتحادیو په اړه څه وویل؟

“Francesco”, un documentario appena uscito sulla vita e il ministero di Papa Francesco, ha fatto notizia a livello mondiale, perché il film contiene una scena in cui Papa Francesco chiede l’approvazione delle leggi sull’unione civile per le coppie dello stesso sesso.

Alcuni attivisti e resoconti dei media hanno suggerito che Papa Francesco abbia cambiato l’insegnamento cattolico con le sue osservazioni. Tra molti cattolici, i commenti del papa hanno sollevato interrogativi su ciò che il papa ha detto realmente, cosa significa e cosa insegna la Chiesa sulle unioni civili e sul matrimonio. CNA esamina queste domande.

پوپ فرانسس د مدني اتحادیو په اړه څه وویل؟

Durante un segmento di “Francesco” che ha discusso della cura pastorale di papa Francesco per i cattolici che si identificano come LGBT, il papa ha fatto due distinti commenti.

Prima ha detto che: “Gli omosessuali hanno il diritto di far parte della famiglia. Sono figli di Dio e hanno diritto a una famiglia. Nessuno dovrebbe essere espulso o essere reso infelice a causa di ciò. “

Mentre il papa non ha approfondito il significato di quelle osservazioni nel video, Papa Francesco ha parlato in precedenza per incoraggiare genitori e parenti a non ostracizzare o evitare i bambini che si sono identificati come LGBT. Questo sembra essere il senso in cui il papa ha parlato del diritto delle persone a far parte della famiglia.

Alcuni hanno suggerito che quando Papa Francesco ha parlato di “diritto a una famiglia”, il Papa stesse offrendo una sorta di tacito appoggio all’adozione da parte di coppie dello stesso sesso. Ma il papa ha precedentemente parlato contro tali adozioni, dicendo che attraverso di loro i bambini sono “privati ​​del loro sviluppo umano dato da un padre e una madre e voluto da Dio”, e dicendo che “ogni persona ha bisogno di un padre maschio e una madre femmina che può aiutarli a plasmare la loro identità “.

Sulle unioni civili, il papa ha detto che: “Quello che dobbiamo creare è una legge sulle unioni civili. In questo modo sono coperti legalmente. “

“Ho difeso questo”, ha aggiunto Papa Francesco, apparentemente in riferimento alla sua proposta ai fratelli vescovi, durante un dibattito del 2010 in Argentina sul matrimonio gay, che l’accettazione delle unioni civili potrebbe essere un modo per impedire l’approvazione delle leggi sul matrimonio tra persone dello stesso sesso nel paese.

Cosa ha detto Papa Francesco sul matrimonio gay?

Niente. Il tema del matrimonio gay non è stato discusso nel documentario. Nel suo ministero, Papa Francesco ha spesso affermato l’insegnamento dottrinale della Chiesa cattolica secondo cui il matrimonio è una partnership permanente tra un uomo e una donna.

Mentre Papa Francesco ha spesso incoraggiato una disposizione di benvenuto ai cattolici che si identificano come LGBT, il papa ha anche detto che “il matrimonio è tra un uomo e una donna”, e ha detto che “la famiglia è minacciata dai crescenti sforzi da parte di alcuni per ridefinire l’istituzione stessa del matrimonio ”, e gli sforzi per ridefinire il matrimonio“ minacciano di sfigurare il piano di Dio per la creazione ”.

Perché i commenti del papa sulle unioni civili sono un grosso problema?

Anche se Papa Francesco ha discusso in precedenza di unioni civili, non ha mai approvato esplicitamente l’idea in pubblico prima. Sebbene il contesto delle sue citazioni nel documentario non sia completamente rivelato, ed è possibile che il papa abbia aggiunto qualifiche non viste sulla telecamera, l’approvazione delle unioni civili per le coppie dello stesso sesso è un approccio molto diverso per un papa, che rappresenta un allontanamento dalla posizione dei suoi due immediati predecessori sulla questione.

Nel 2003, in un documento approvato da Papa Giovanni Paolo II e scritto dal Cardinale Joseph Ratzinger, divenuto Papa Benedetto XVI, la Congregazione per la Dottrina della Fede ha insegnato che “il rispetto per le persone omosessuali non può portare in alcun modo all’approvazione del comportamento omosessuale o al riconoscimento legale delle unioni omosessuali “.

Anche se le unioni civili potessero essere scelte da persone diverse dalle coppie dello stesso sesso, come fratelli o amici impegnati, la CDF ha affermato che le relazioni omosessuali sarebbero “previste e approvate dalla legge” e che le unioni civili “oscureranno alcuni valori morali di base. e causare una svalutazione dell’istituzione del matrimonio “.

“Il riconoscimento legale delle unioni omosessuali o la loro collocazione sullo stesso piano del matrimonio significherebbe non solo l’approvazione di comportamenti devianti, con la conseguenza di farne un modello nella società odierna, ma oscurerebbe anche i valori fondamentali che appartengono al comune eredità dell’umanità “, conclude il documento.

Il documento CDF del 2003 contiene la verità dottrinale e le posizioni di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI su come applicare al meglio l’insegnamento dottrinale della Chiesa alle questioni politiche riguardanti la supervisione civile e la regolamentazione del matrimonio. Sebbene queste posizioni siano coerenti con la disciplina di lunga data della Chiesa sulla questione, non sono esse stesse considerate articoli di fede.

Alcune persone hanno detto che ciò che il papa ha insegnato è eresia. È vero?

No. Le osservazioni del papa non hanno negato o messo in discussione alcuna verità dottrinale che i cattolici debbano sostenere o credere. In effetti, il papa ha spesso affermato l’insegnamento dottrinale della Chiesa riguardo al matrimonio.

L’apparente richiesta del papa per una legislazione sull’unione civile, che sembra essere diversa dalla posizione espressa dalla CDF nel 2003, è stata presa per rappresentare un allontanamento da un giudizio morale di lunga data che i leader della Chiesa hanno insegnato sostiene e sostiene la verità. Il documento della CDF afferma che le leggi sull’unione civile danno il tacito consenso al comportamento omosessuale; mentre il papa ha espresso sostegno alle unioni civili, nel suo pontificato ha parlato anche dell’immoralità degli atti omosessuali.

È anche importante notare che un’intervista documentaria non è un forum per l’insegnamento papale ufficiale. Le osservazioni del papa non sono state presentate nella loro completezza e non è stata presentata alcuna trascrizione, quindi a meno che il Vaticano non offra ulteriore chiarezza, devono essere prese alla luce delle informazioni limitate disponibili su di esse.

Abbiamo un matrimonio tra persone dello stesso sesso in questo paese. Perché qualcuno parla di unioni civili?

Ci sono 29 paesi nel mondo che riconoscono legalmente il “matrimonio” tra persone dello stesso sesso. La maggior parte di loro si trova in Europa, Nord America o Sud America. Ma in altre parti del mondo, il dibattito sulla definizione di matrimonio è appena iniziato. In alcune parti dell’America Latina, ad esempio, la ridefinizione del matrimonio non è un argomento politico consolidato e gli attivisti politici cattolici si sono opposti alle iniziative volte a normalizzare la legislazione sull’unione civile.

Gli oppositori delle unioni civili affermano che di solito sono un ponte verso la legislazione sul matrimonio tra persone dello stesso sesso, e gli attivisti del matrimonio in alcuni paesi hanno detto di essere preoccupati che i lobbisti LGBT useranno le parole del papa nel documentario per far avanzare un percorso verso il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Cosa insegna la Chiesa sull’omosessualità?

Il Catechismo della Chiesa Cattolica insegna che coloro che si identificano come LGBT “devono essere accettati con rispetto, compassione e sensibilità. Ogni segno di ingiusta discriminazione nei loro confronti dovrebbe essere evitato. Queste persone sono chiamate a compiere la volontà di Dio nella loro vita e, se sono cristiani, ad unire al sacrificio della Croce del Signore le difficoltà che possono incontrare dalla loro condizione “.

Il Catechismo afferma che le inclinazioni omosessuali sono “oggettivamente disordinate”, gli atti omosessuali sono “contrari alla legge naturale” e coloro che si identificano come lesbiche e gay, come tutte le persone, sono chiamati alla virtù della castità.

I cattolici sono tenuti a concordare con il papa sulle unioni civili?

Le dichiarazioni di Papa Francesco in “Francesco” non costituiscono un insegnamento papale formale. Mentre l’affermazione del papa della dignità di tutte le persone e il suo appello al rispetto di tutte le persone sono radicate nell’insegnamento cattolico, i cattolici non sono obbligati a sostenere una posizione legislativa o politica a causa dei commenti del papa in un documentario.

Alcuni vescovi hanno espresso di attendere ulteriore chiarezza sui commenti del papa dal Vaticano, mentre uno ha spiegato che : “Mentre l’insegnamento della Chiesa sul matrimonio è chiaro e irreformabile, la conversazione deve continuare sui modi migliori per riverire la dignità di –Relazioni sessuali in modo che non siano soggette ad alcuna ingiusta discriminazione. “