سایټ جوړ کړئ

په پولنډ کې د "جذامانو مور" د وهل کیدو لامل خلاص شو

Dopo l’apertura della sua causa, il vescovo Bryl ha predicato durante una messa nella cattedrale, descrivendo Błeńska come una donna di fede le cui azioni erano radicate nella preghiera.

Wanda Blenska, medico missionario e “Madre dei lebbrosi”. Nel 1951 ha fondato un centro di cura della lebbra in Uganda, dove ha curato i lebbrosi per 43 anni

È stata aperta domenica la causa di beatificazione di una missionaria medico polacca conosciuta come la “madre dei lebbrosi”.

Mons. Damian Bryl ha inaugurato la fase diocesana della causa di Wanda Błeńska nella cattedrale di Poznań, Polonia occidentale, il 18 ottobre, festa di San Luca, patrono dei medici.

Błeńska ha trascorso più di 40 anni in Uganda occupandosi di malati di malattia di Hansen, nota anche come lebbra, formando medici locali e trasformando il St. Francis Hospital di Buluba in un centro di cura di fama internazionale.

Dopo l’apertura della sua causa, il vescovo Bryl ha predicato durante una messa nella cattedrale, descrivendo Błeńska come una donna di fede le cui azioni erano radicate nella preghiera.

“Fin dall’inizio della scelta del suo percorso di vita, ha iniziato a collaborare con la grazia di Dio. Da studentessa, è stata coinvolta in varie opere missionarie ed era grata al Signore per la grazia della fede ”, ha detto, secondo il sito web dell’arcidiocesi di Poznań.

L’arcidiocesi ha riferito che ci sono stati “fragorosi applausi” quando è stato annunciato che Błeńska poteva ora essere chiamata con il titolo di “Serva di Dio”.

Mons. Bryl, un vescovo ausiliare, sostituiva l’arcivescovo Stanislaw Gądecki di Poznań, che avrebbe dovuto celebrare la messa ma è risultato positivo al coronavirus il 17 ottobre. L’arcidiocesi ha detto che l’arcivescovo Gądecki, presidente della conferenza episcopale polacca , si è autoisolato a casa dopo il test positivo.

Błeńska è nata a Poznań il 30 ottobre 1911. Dopo essersi diplomata come medico, ha praticato medicina in Polonia fino a quando il suo lavoro è stato interrotto dallo scoppio della seconda guerra mondiale.

Durante la guerra, ha prestato servizio nel movimento di resistenza polacco, noto come esercito nazionale. Successivamente, ha proseguito gli studi avanzati in medicina tropicale in Germania e Gran Bretagna.

Nel 1951 si trasferì in Uganda, prestando servizio come primario presso un centro di trattamento della lebbra a Buluba, un villaggio nell’Uganda orientale. Sotto le sue cure, la struttura si espanse in un ospedale da 100 posti letto. È stata nominata onoraria di cittadina dell’Uganda in riconoscimento del suo lavoro.

Ha passato la guida del centro a un successore nel 1983, ma ha continuato a lavorare lì per i successivi 11 anni prima di ritirarsi in Polonia. È morta nel 2014 all’età di 103 anni.

Nella sua omelia, il vescovo Bryl ha ricordato che Błeńska ha detto spesso che i medici devono amare i loro pazienti e non averne paura. Ha insistito sul fatto che “Il dottore deve essere un amico del paziente. La cura più efficace è l’amore. “

“Oggi ricordiamo la bellissima vita del dottor Wanda. Rendiamo grazie per questo e chiediamo che l’esperienza dell’incontro con lei tocchi i nostri cuori. Possano i bei desideri con cui viveva essere risvegliati anche in noi ”, ha detto il vescovo.