سایټ جوړ کړئ

ویټیکن له ملګرو ملتونو غوښتي چې په فضا کې د سپوږمکۍ ټکرونو خطرونه له مینځه یوسي

Con sempre più satelliti in orbita attorno alla Terra, è necessario adottare misure per prevenire le collisioni nello spazio che danno origine a pericolosi “detriti spaziali”, un Vedi rappresentante ha avvertito le Nazioni Unite.

L’arcivescovo Gabriele Caccia ha detto venerdì che sono necessarie misure preventive all’interno di un “quadro concordato a livello globale” per proteggere lo spazio a causa del “massiccio aumento dell’uso e della dipendenza” dai satelliti.

“Nonostante l’infinita dimensione esterna dell’ambiente spaziale, la regione appena sopra di noi sta diventando relativamente affollata e soggetta a crescenti attività commerciali”, ha detto il 16 ottobre Caccia, nunzio apostolico e osservatore permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite. .

“Ad esempio, oggi vengono lanciati così tanti satelliti per fornire l’accesso a Internet che gli astronomi stanno scoprendo che questi rischiano di oscurare lo studio delle stelle”, ha osservato l’arcivescovo.

Il rappresentante della Santa Sede ha affermato che era nel chiaro interesse di tutti i Paesi stabilire “le cosiddette ‘regole della strada’ per eliminare i rischi di collisioni satellitari”.

Ci sono stati circa 2.200 satelliti lanciati nell’orbita terrestre dal 1957. Le collisioni tra questi satelliti hanno creato detriti. Ci sono decine di migliaia di pezzi di “spazzatura spaziale” più grandi di quattro pollici attualmente in orbita e altri milioni di dimensioni più piccole.

La BBC ha recentemente riferito che due pezzi di spazzatura spaziale – un defunto satellite russo e una parte scartata di un segmento di razzo cinese – hanno evitato per un pelo la collisione.

“I satelliti sono diventati integralmente collegati alla vita qui sulla Terra, assistendo la navigazione, supportando le comunicazioni globali, aiutando a prevedere il tempo, compreso il monitoraggio di uragani e tifoni, e monitorando l’ambiente globale”, ha detto Caccia.

“La perdita di satelliti che forniscono servizi di posizionamento globale, ad esempio, avrebbe un impatto drammaticamente negativo sulla vita umana”.

La Federazione Astronautica Internazionale ha affermato in una dichiarazione la scorsa settimana che “gli sforzi sostanziali di bonifica dei detriti (cioè le operazioni) sono stati quasi inesistenti fino ad oggi”, aggiungendo che ciò era in parte dovuto al fatto che “l’urgenza per la bonifica dei detriti non è stata espressa in un forum multinazionale “.

Monsignor Caccia ha detto agli Stati membri dell’Onu: “Prevenire la generazione di detriti spaziali non riguarda solo gli usi pacifici dello spazio. Deve anche comprendere i detriti spaziali altrettanto problematici lasciati dalle attività militari “.

Ha detto che le Nazioni Unite devono lavorare per preservare il “carattere universale dello spazio esterno, aumentando i loro interessi comuni in esso a beneficio di ogni persona indipendentemente dalla nazionalità terrena”.

Recentemente una serie di satelliti in orbita attorno alla Terra è stata lanciata da SpaceX, una società privata di proprietà di Elon Musk, piuttosto che da singoli stati. L’azienda ha da 400 a 500 satelliti in orbita con l’obiettivo di creare una rete di 12.000 satelliti.

Il governo degli Stati Uniti ha lanciato un’iniziativa all’inizio di quest’anno con l’ordine esecutivo “Incoraggiare il supporto internazionale per il recupero e l’uso delle risorse spaziali”, che mira a lavorare per estrarre la luna per le sue risorse.

Il nunzio apostolico ha proposto che le organizzazioni internazionali oi consorzi possano lanciare satelliti, piuttosto che singoli paesi o aziende, e che le attività che sfruttano le risorse nello spazio possano essere limitate a queste organizzazioni multilaterali.

Caccia ha concluso citando il recente discorso di Papa Francesco all’Assemblea Generale dell’Onu: “È nostro dovere ripensare al futuro della nostra casa comune e del nostro progetto comune. Ci attende un compito complesso, che richiede un dialogo franco e coerente volto a rafforzare il multilateralismo e la cooperazione tra Stati. Facciamo un buon uso di questa istituzione per trasformare la sfida che ci attende in un’opportunità per costruire insieme “.