سایټ جوړ کړئ

موږ څنګه کولی شو "زموږ ر lightا روښانه کړو"؟

È stato detto che quando le persone sono piene dello Spirito Santo, hanno una relazione fiorente con Dio e / o cercano ogni giorno di seguire l’esempio di Gesù Cristo, c’è un bagliore significativo in loro. C’è una differenza nei loro passi, personalità, servizio agli altri e gestione dei problemi.

In che modo questo “bagliore” o differenza ci cambia e cosa dovremmo fare al riguardo? La Bibbia ha diverse scritture per descrivere come le persone cambiano da dentro e fuori quando diventano cristiane, ma questo versetto, dichiarato dalle labbra di Gesù stesso, sembra incarnare esattamente ciò che dobbiamo fare con questo cambiamento interiore.

In Matteo 5:16 , il versetto afferma quanto segue: “Lascia che la tua luce risplenda davanti agli uomini, affinché possano vedere le tue opere buone e glorificare tuo Padre in cielo”.

Sebbene questo verso possa sembrare criptico, in realtà è piuttosto autoesplicativo. Quindi scompattiamo di più questo versetto e vediamo cosa Gesù ci dice di fare, e quali cambiamenti avverranno intorno a noi quando lasciamo che le nostre luci risplendano.

Cosa significa “Risplendere la tua luce”?

La luce, a cui si fa riferimento all’inizio di Matteo 5:16 , è il bagliore interiore di cui abbiamo brevemente discusso nell’introduzione. È quel cambiamento positivo dentro di te; quella contentezza; quella tranquillità interiore (anche quando il caos è tutto intorno a te) che non puoi contenere con sottigliezza o oblio.

La luce è la tua comprensione del fatto che Dio è tuo Padre, Gesù è il tuo Salvatore e il tuo cammino viene portato avanti dall’amorevole coinvolgimento dello Spirito Santo. È la consapevolezza che quello che eri prima di conoscere Gesù personalmente e di accettare il suo sacrificio, non ha niente a che fare con quello che sei ora. Tratti meglio te stesso e gli altri, poiché capisci sempre di più che Dio ti ama e provvederà a tutti i tuoi bisogni.

Questa comprensione diventa evidente per noi come la “luce” dentro di te, come la luce della gratitudine che Gesù ti ha salvato e che hai speranza in Dio per affrontare qualunque cosa la giornata possa portare. Problemi che sembravano montagne in scala diventano più simili a colline conquistabili quando sai che Dio è la tua guida. Quindi, quando fai risplendere la tua luce, è questa palese consapevolezza di chi è la Trinità per te che diventa evidente nelle tue parole, azioni e pensieri.

A chi sta parlando Gesù qui?
Gesù condivide questa incredibile intuizione registrata in Matteo 5 con i suoi discepoli, che include anche le otto beatitudini . Questa conversazione con i discepoli avvenne dopo che Gesù guarì una moltitudine in tutta la Galilea e si stava riposando in pace dalle folle su una montagna.

Gesù dice ai discepoli che tutti i credenti sono “il sale e la luce del mondo” ( Matteo 5: 13-14 ) e che sono come una “città su una collina che non può essere nascosta” ( Matteo 5:14 ). Continua il versetto dicendo che i credenti dovevano essere come luci per lampade che non erano pensate per essere nascoste sotto un cestino, ma collocate su supporti per illuminare la strada per tutti ( Matt. 5:15 ).

Cosa significava il verso per coloro che ascoltavano Gesù?

Questo versetto faceva parte di diverse parole di saggezza che Gesù offrì ai Suoi discepoli, dove in seguito viene rivelato, in Matteo 7: 28-29 , che coloro che ascoltavano “erano stupiti del Suo insegnamento, poiché insegnava loro come uno che aveva autorità, e non come gli scribi. “

Gesù sapeva cosa era in serbo non solo per i suoi discepoli, ma anche per quelli che in seguito lo avrebbero accettato a causa del suo sacrificio sulla croce. Sapeva che erano in arrivo tempi difficili e che in quei tempi dovevamo essere luci per consentire agli altri di sopravvivere e prosperare.

In un mondo che è pieno di tenebre, i credenti devono essere le luci che risplendono attraverso le tenebre per condurre le persone non solo alla salvezza ma alle braccia di Gesù.

Come Gesù ha sperimentato con il Sinedrio, che alla fine ha scolpito il sentiero per fargli crocifiggere sulla croce, noi credenti lotteremo anche contro un mondo che cercherà di toglierci la luce o affermare che è falsa e non di Dio.

Le nostre luci sono i nostri scopi che Dio ha stabilito nella nostra vita, parte del Suo piano per portare i credenti al Suo regno e all’eternità in cielo. Quando accettiamo questi scopi – queste chiamate nella nostra vita – i nostri stoppini sono illuminati dentro e brillano attraverso di noi affinché gli altri possano vederli.

Questo verso è stato tradotto in modo diverso in altre versioni?

“Fai risplendere la tua luce davanti agli uomini che possano vedere le tue buone opere e glorificare tuo Padre in cielo”, è Matteo 5:16 dalla New King James Version, che è la stessa frase che può essere vista nella King James Version di la Bibbia.

Alcune traduzioni del versetto presentano alcune sottili differenze rispetto alle traduzioni KJV / NKJV, come New International Version (NIV) e New American Standard Bible (NASB).

Altre traduzioni, come la Bibbia amplificata, hanno ridefinito le “buone opere” menzionate nel versetto in “buone azioni ed eccellenza morale” e che queste azioni glorificano, riconoscono e onorano Dio. La Bibbia del messaggio elabora ancora di più il versetto e ciò che ci viene chiesto: “Ora che ti ho messo lì in cima a una collina, su un piedistallo luminoso – splendi! Tenere casa aperta; sii generoso con le tue vite. Aprendoti agli altri, spingerai le persone ad aprirsi con Dio, questo generoso Padre celeste “.

Tuttavia, tutte le traduzioni dicono lo stesso sentimento di far splendere la tua luce attraverso buone opere, così gli altri vedono e riconoscono ciò che Dio sta facendo attraverso di te.

Come possiamo essere una luce per il mondo oggi?

Ora più che mai, siamo chiamati a essere luci per un mondo che lotta contro forze fisiche e spirituali come mai prima d’ora. Soprattutto perché attualmente affrontiamo problemi che riguardano la nostra salute, identità, finanze e governo, la nostra presenza come luci per Dio è così importante.

Alcuni credono che atti grandiosi siano ciò che significa essere luci per Lui. Ma a volte sono piccoli atti di fede che più mostrano agli altri l’amore e il provvedimento di Dio per tutti noi.

Alcuni modi in cui possiamo essere luci per il mondo oggi includono incoraggiare gli altri durante le loro prove e difficoltà attraverso telefonate, messaggi di testo o interazioni faccia a faccia. Altri modi potrebbero essere usare le tue capacità e talenti per la comunità o nel ministero, come cantare nel coro, lavorare con i bambini, aiutare gli anziani e forse anche prendere il pulpito per predicare un sermone. Essere una luce significa permettere agli altri di entrare in contatto con quella luce attraverso il servizio e la connessione, offrendo l’opportunità di condividere con loro come hai la gioia di Gesù per aiutarti nelle prove e nell’angoscia.

Mentre illumini la tua luce affinché gli altri possano vedere, vedrai anche che diventa sempre meno ottenere il riconoscimento di ciò che hai fatto e più di come puoi indirizzare quell’elogio a Dio. Se non fosse per Lui, non saresti in un posto dove potresti brillare di luce e servire gli altri innamorati di Lui. A causa di chi Egli è, sei diventato il seguace di Cristo che sei.

Brilla la tua luce
Matteo 5:16 è un versetto che è stato apprezzato e amato da molti per anni, spiegando chi siamo in Cristo e in che modo ciò che facciamo per Lui porta gloria e amore a Dio nostro Padre.

Mentre Gesù condivideva queste verità con i Suoi seguaci, potevano vedere che era diverso dagli altri che predicavano per la propria gloria. La sua stessa luce splendente è stata accesa per riportare le persone a Dio Padre e tutto ciò che è per noi.

Incarniamo la stessa luce quando condividiamo l’amore di Dio con gli altri come fece Gesù, servendoli con cuori pacifici e indirizzandoli verso il provvedimento e la misericordia di Dio. Mentre facciamo risplendere le nostre luci, siamo grati per le opportunità che abbiamo di essere questi fari di speranza per le persone e glorificare Dio in cielo.