Crea sito

Processo per abusi in Vaticano: il prete accusato di insabbiamento dice di non sapere nulla

Giovedì il tribunale vaticano ha ascoltato l’interrogatorio di uno degli imputati in un processo in corso a carico di due preti italiani per abuso e copertura presumibilmente commessi nella Città del Vaticano da Dal 2007 al 2012.

P. Enrico Radice, 72 anni, è stato accusato di aver impedito le indagini su un’accusa di abuso contro p. Gabriele Martinelli, 28.

L’abuso sarebbe avvenuto presso il pre-seminario San Pio X situato in Vaticano. Le accuse di abuso sono state rese pubbliche per la prima volta dai media nel 2017.

Radice ha dichiarato all’udienza del 19 novembre di non essere mai stato informato di abusi da parte di Martinelli da parte di nessuno, accusando la presunta vittima e un altro presunto testimone di aver inventato la storia per “interessi economici”.

Il secondo imputato, Martinelli, non era presente all’udienza perché lavora in una clinica sanitaria residenziale in Lombardia nel nord Italia che è in blocco a causa del coronavirus.

L’udienza del 19 novembre è stata la terza nel processo in corso in Vaticano. Martinelli, accusato di uso di violenza e della sua autorità per commettere abusi sessuali, sarà interrogato alla prossima udienza, prevista per il 4 febbraio 2021.

Durante l’udienza di circa due ore, Radice è stato interrogato sulla sua conoscenza di accuse di abusi contro Martinelli, nonché sul presunto aggressore e sulla sua presunta vittima.

Il sacerdote ha descritto i ragazzi del pre-seminario come “sereni e calmi”. Ha detto che la presunta vittima, LG, aveva “un’intelligenza vivace ed era molto dedita agli studi”, ma nel tempo era diventata “pedante, presuntuosa”. Ha detto che LG aveva una “predilezione” per l’Antico Rito della Messa, sostenendo che questo è il motivo per cui ha “collaborato” con un altro studente, Kamil Jarzembowski.

Jarzembowski è un presunto testimone del crimine e un ex compagno di stanza della presunta vittima. In passato ha affermato di aver denunciato abusi da parte di Martinelli nel 2014. Jarzembowski, polacco, è stato successivamente dimesso dal seminario.

All’udienza del 19 novembre, Radice ha descritto Jarzembowski come “ritirato, estraniato”. Radice ha detto che l’imputato, Martinelli, era “solare, gioioso, in buoni rapporti con tutti”.

Radice ha detto di non aver mai visto né sentito parlare di abusi nel seminario, che i muri erano sottili quindi avrebbe sentito qualcosa e che ha controllato per assicurarsi che i ragazzi fossero nelle loro stanze di notte.

“Nessuno mi ha mai parlato di abusi, non gli studenti, non gli insegnanti, non i genitori”, ha detto il sacerdote.

Radice ha affermato che la testimonianza del presunto testimone Jarzembowski è stata motivata dalla vendetta per essere stato espulso dal pre-seminario per “insubordinazione e perché non ha preso parte alla vita comunitaria”.

Il pre-seminario San Pio X è una residenza per una dozzina di ragazzi, dai 12 ai 18 anni, che prestano servizio nelle messe papali e in altre liturgie nella Basilica di San Pietro e stanno valutando il sacerdozio.

Situato sul territorio della Città del Vaticano, il pre-seminario è gestito da un gruppo religioso con sede a Como, l’Opera Don Folci.

L’imputato Martinelli era un ex allievo del seminario giovanile e sarebbe tornato come visitatore per tutor e coordinare le attività degli studenti. È accusato di aver abusato della sua autorità in seminario e di aver approfittato di rapporti di fiducia, oltre che di aver usato violenza e minacce, al fine di costringere la sua presunta vittima “a subire atti carnali, sodomia, masturbazione su se stesso e sul ragazzo”.

La presunta vittima, LG, è nata nel 1993 e aveva 13 anni al momento in cui è iniziato il presunto abuso, compiendo 18 anni circa un anno prima che finisse.

Martinelli, che ha un anno più di LG, è stato ordinato sacerdote per la diocesi di Como nel 2017.

Radice è stata per 12 anni rettore del seminario giovanile. È accusato, in qualità di rettore, di aver aiutato Martinelli a “eludere le indagini, dopo reati di violenza sessuale e lussuria”.

Giuseppe Pignatone, presidente del tribunale vaticano, ha chiesto a Radice perché ha detto che Jarzembowski e LG erano motivati ​​da “interessi economici” se Radice fosse stata informata di lettere con accuse contro Martinelli del cardinale Angelo Comastri e del vescovo Diego Attilio Coletti di Como nel 2013, ma le accuse sono state rese pubbliche solo nel 2017. Radice ha detto che era la sua “intuizione”.

Annuncio pubblicitario
Il sacerdote ha nuovamente lodato Martinelli. “Era un leader, aveva le caratteristiche di un leader, l’ho visto crescere, ha fatto bene ogni dovere”, ha detto Radice. Ha aggiunto che Martinelli era “fidato”, ma non aveva potere o responsabilità perché alla fine le decisioni spettava a Radice come rettore.

Durante l’interrogatorio dell’ex rettore, è stato rivelato che la presunta vittima LG ha testimoniato di aver parlato con Radice degli abusi nel 2009 o 2010, e che Radice “ha risposto in modo aggressivo” e LG “è stata emarginata”.

LG ha dichiarato nella sua dichiarazione giurata che “ha continuato a subire abusi” e che “non era l’unico a subire abusi ea parlare con Radice”.

Radice ha insistito ancora una volta sul fatto che LG “mai” ha parlato con lui. Più tardi, ha detto che LG gli ha parlato di “fastidi” con Martinelli, ma mai di abusi sessuali.

“Ci sono stati litigi e scherzi come in tutte le comunità di bambini”, ha affermato il sacerdote.

Radice è stata anche interrogata su una lettera del 2013 di un sacerdote e assistente spirituale ormai deceduto al pre-seminario, in cui si diceva che Martinelli non doveva essere ordinato sacerdote per “ragioni molto gravi e veramente gravi”.

L’imputato ha detto che “non ne sapeva nulla” e l’altro prete “avrebbe dovuto informarmi”.

I pubblici ministeri avevano addotto come prova contro Radice una lettera che avrebbe realizzato con carta intestata del vescovo di Como ea nome del vescovo, affermando che Martinelli, allora diacono di transizione, poteva essere trasferito alla diocesi di Como.

Radice ha detto che all’epoca era assistente del vescovo Coletti, che ha composto la lettera per conto del vescovo e il vescovo l’ha firmata, ma in seguito il vescovo l’ha revocata. Gli avvocati di Radice hanno consegnato copia della lettera al presidente del tribunale.

In udienza, l’ex rettore ha affermato che i sacerdoti che gestiscono il seminario giovanile non sono sempre stati d’accordo, ma non hanno avuto grandi conflitti.

È stato rilevato dall’accusa che quattro sacerdoti avevano scritto al vescovo Coletti e al cardinale Comastri, arciprete della Basilica di San Pietro e vicario generale per lo Stato della Città del Vaticano, per lamentarsi del clima difficile del seminario giovanile.