Crea sito

Possiamo trovare la nostra via verso Dio?

La ricerca di risposte a grandi domande ha portato l’umanità a sviluppare teorie e idee sulla natura metafisica dell’esistenza. La metafisica fa parte della filosofia che si occupa di concetti astratti come cosa significa essere, come sapere qualcosa e cosa costituisce l’identità.

Alcune idee si sono unite per creare una visione del mondo che guadagna popolarità e si manifesta in classe, nell’arte, nella musica e nei dibattiti teologici. Uno di questi movimenti che ha guadagnato trazione nel 19 ° secolo è stato il movimento trascendentalista.

I principi fondamentali di questa filosofia erano che la divinità è in tutta la natura e l’umanità, e sottolineava una visione progressiva del tempo. Alcuni dei grandi movimenti artistici di quel secolo hanno trovato le loro origini in questo movimento filosofico. Il trascendentalismo è un movimento definito da un focus sul mondo naturale, un’enfasi nell’individualismo e una prospettiva idealizzata della natura umana.

Mentre c’è una certa sovrapposizione con i valori cristiani e l’arte di questo movimento ha fornito valore alle arti, le sue influenze orientali e la sua visione deistica significano che molti dei pensieri nel movimento non sono in linea con la Bibbia .

Cos’è il trascendentalismo?
Il movimento trascendentalista iniziò sul serio come scuola di pensiero a Cambridge, Massachusetts, come filosofia incentrata sulla relazione dell’individuo con Dio attraverso il mondo naturale; è strettamente correlato e ha tratto alcune delle sue idee dal movimento del romanticismo in corso in Europa. Un piccolo gruppo di pensatori formò il Club Trascendentale nel 1836 e pose le basi per il movimento.

Questi uomini includevano i ministri Unitari George Putnam e Frederic Henry Hedge, così come il poeta Ralph Waldo Emerson. Si è concentrato sull’individuo che trova Dio sul proprio sentiero, attraverso la natura e la bellezza. C’era una fioritura di arte e letteratura; dipinti di paesaggi e poesia introspettiva hanno definito l’epoca.

Questi trascendentalisti credevano che ogni persona stesse meglio con il minor numero di istituzioni che interferivano con l’uomo naturale. Più una persona è autosufficiente dal governo, dalle istituzioni, dalle organizzazioni religiose o dalla politica, migliore può essere un membro di una comunità. All’interno di quell’individualismo, c’era anche il concetto di Over-Soul preteso da Emerson, un concetto che tutta l’umanità è parte di un essere.

Molti trascendentalisti credevano anche che l’umanità potesse raggiungere l’utopia, una società perfetta. Alcuni credevano che un approccio socialista potesse realizzare questo sogno, mentre altri credevano che una società iperindividualistica potesse farlo. Entrambi si basavano su una convinzione idealistica che l’umanità tende ad essere buona. La conservazione delle bellezze naturali, come le campagne e le foreste, era importante per i trascendentalisti con l’aumento delle città e dell’industrializzazione. I viaggi turistici all’aperto aumentarono di popolarità e l’idea che l’uomo potesse trovare Dio nella bellezza naturale era molto popolare.

Molti membri del club erano gli A-Listers della loro giornata; scrittori, poeti, femministe e intellettuali abbracciarono gli ideali del movimento. Henry David Thoreau e Margaret Fuller hanno abbracciato il movimento. L’ autrice di Piccole Donne Louisa May Alcott ha abbracciato l’etichetta di Trascendentalismo, seguendo le orme dei suoi genitori e del poeta Amos Alcott. L’autore di inni unitari Samuel Longfellow ha abbracciato una seconda ondata di questa filosofia più tardi nel 19 ° secolo.

Cosa pensa di Dio questa filosofia?
Poiché i trascendentalisti abbracciavano il pensiero libero e il pensiero individuale, non c’era un pensiero unificante su Dio. Come dimostrato dall’elenco di eminenti pensatori, diverse figure avevano pensieri diversi su Dio.

Uno dei modi in cui i trascendentalisti sono d’accordo con i cristiani protestanti è la loro convinzione che l’uomo non abbia bisogno di un mediatore per parlare con Dio. Una delle differenze più importanti tra la chiesa cattolica e le chiese della riforma era il disaccordo sul fatto che un sacerdote è necessario per intercedere a favore dei peccatori per il perdono dei peccati. Tuttavia, questo movimento ha portato questa idea oltre, con molti credenti che la chiesa, i pastori e altri leader religiosi di altre fedi possono inibire, piuttosto che promuovere, una comprensione o Dio. Mentre alcuni pensatori studiavano la Bibbia da soli, altri la rigettavano per quello che potevano scoprire in natura.

Questo modo di pensare è strettamente allineato con la Chiesa Unitaria, attingendo fortemente da essa.

Mentre la Chiesa Unitaria si è espansa dal movimento Trascendentalista, è importante capire cosa credevano di Dio in America in quel momento. Una delle dottrine chiave dell’Unitarismo, e la maggior parte dei membri religiosi dei Trascendentalisti, era che Dio è uno, non una Trinità. Gesù Cristo è il Salvatore, ma ispirato da Dio, piuttosto che dal Figlio – Dio incarnato. Questa idea contraddice le affermazioni bibliche sul carattere di Dio; “In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio, e il Verbo era Dio. All’inizio era con Dio. Tutte le cose sono state fatte per mezzo di lui, e senza di lui nessuna cosa è stata creata che è stata fatta. 4 In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini. La luce risplende nelle tenebre e le tenebre non l’hanno vinta ”( Giovanni 1: 1-5).

È anche contrario a ciò che Gesù Cristo disse di Sé quando diede a Se stesso il titolo “IO SONO” in Giovanni 8 , o quando disse: ” Io e il Padre siamo uno” ( Giovanni 10:30 ). La chiesa Unitaria rifiuta queste affermazioni come simboliche. C’era anche un rifiuto dell’infallibilità della Bibbia. A causa della loro fede nell’idealismo, gli Unitari dell’epoca, così come i Trascendentalisti, rifiutarono la nozione di peccato originale, nonostante il record in Genesi 3 .

I trascendentalisti mischiarono queste credenze unitarie con la filosofia orientale. Emerson si è ispirato al testo indù Bhagavat Geeta . La poesia asiatica è stata pubblicata in riviste trascendentaliste e pubblicazioni simili. La meditazione e concetti come il karma sono diventati parte del movimento nel tempo. L’attenzione di Dio nella natura è stata in parte ispirata da questo fascino per la religione orientale.

Il trascendentalismo è biblico?
Nonostante l’influenza orientale, i Trascendentalisti non avevano completamente torto sul fatto che la natura riflettesse Dio. L’apostolo Paolo scrisse: “Poiché i suoi attributi invisibili, vale a dire, il suo potere eterno e la sua natura divina, sono stati chiaramente percepiti, sin dalla creazione del mondo, nelle cose che sono state fatte. Quindi sono senza scuse “( Romani 1:20 ). Non è sbagliato dire che si può vedere Dio nella natura, ma non si dovrebbe adorarlo, né dovrebbe essere l’unica fonte di conoscenza di Dio.

Mentre alcuni trascendentalisti credevano che la salvezza da Gesù Cristo fosse essenziale per la salvezza, non tutti lo fecero. Nel corso del tempo, questa filosofia ha iniziato ad abbracciare la convinzione che le brave persone possono andare in Paradiso , se credono sinceramente in una religione che le incoraggi ad essere moralmente rette. Tuttavia, Gesù disse: “Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me ”( Giovanni 14: 6 ). L’unico modo per essere salvati dal peccato e stare con Dio nell’eternità in Cielo è tramite Gesù Cristo.

Le persone sono veramente brave?
Una delle convinzioni chiave del Trascendentalismo è nella bontà intrinseca dell’individuo, che può superare i suoi istinti più meschini e che nel tempo l’umanità può essere perfezionata. Se le persone sono intrinsecamente buone, se l’umanità collettivamente può eliminare le fonti del male – che si tratti di mancanza di istruzione, necessità monetarie o qualche altro problema – le persone si comporteranno bene e la società potrà essere perfezionata. La Bibbia non supporta questa convinzione.

I versetti sulla malvagità intrinseca dell’uomo includono:

– Romani 3:23 “perché tutti hanno peccato e sono stati privi della gloria di Dio”.

– Romani 3: 10-12 “come è scritto:“ Nessuno è giusto, no, non uno; nessuno capisce; nessuno cerca Dio. Tutti si sono voltati; insieme sono diventati inutili; nessuno fa il bene, nemmeno uno. “

– Ecclesiaste 7:20 “Sicuramente non c’è un uomo giusto sulla terra che fa il bene e non pecca mai”.

– Isaia 53: 6 “Tutti noi come pecore ci siamo smarriti; ci siamo rivolti – ognuno – a modo suo; e il Signore ha posto su di lui l’iniquità di tutti noi “.

Nonostante l’ispirazione artistica derivante dal movimento, i Trascendentalisti non capirono la malvagità del cuore umano. Presentando gli esseri umani come naturalmente buoni e che il male cresce nel cuore umano a causa della condizione materiale e può quindi essere fissato dagli esseri umani, rende Dio più una bussola guida della bontà, piuttosto che la fonte della moralità e della redenzione.

Mentre la dottrina religiosa del trascendentalismo manca il segno di un’importante dottrina del cristianesimo, incoraggia le persone a trascorrere del tempo a contemplare come Dio si manifesta nel mondo, a godersi la natura e perseguire l’arte e la bellezza. Queste sono cose buone e, “… qualunque cosa sia vera, qualunque cosa sia nobile, qualunque cosa sia giusta, qualunque cosa sia pura, qualunque cosa sia adorabile, qualunque cosa sia ammirevole – se qualcosa è eccellente o degno di lode – pensa a queste cose” ( Filippesi 4 : 8 ).

Non è sbagliato perseguire le arti, godere della natura e cercare di conoscere Dio in modi diversi. Le nuove idee devono essere testate contro la Parola di Dio e non abbracciate semplicemente perché sono nuove. Il trascendentalismo ha plasmato un secolo di cultura americana e ha prodotto una miriade di opere d’arte, ma si è sforzato di aiutare l’uomo a trascendere il loro bisogno di un Salvatore e, in definitiva, non è un sostituto di una vera relazione con Gesù Cristo.