Crea sito

Perché dovremmo pregare per il “nostro pane quotidiano”?

“Dacci oggi il nostro pane quotidiano” ( Matteo 6:11 ).

La preghiera è forse l’arma più potente che Dio ci ha dato da brandire su questa terra. Ascolta le nostre preghiere ed è in grado di esaudirle miracolosamente, secondo la Sua volontà. Ci consola e rimane vicino a chi ha il cuore spezzato. Dio è con noi nelle terribili circostanze della nostra vita e nei momenti drammatici quotidiani. Ci tiene a noi. Ci precede.

Quando preghiamo il Signore ogni giorno, non conosciamo ancora la portata completa del bisogno di cui avremo bisogno per navigare fino alla fine. Il “pane quotidiano” non è solo provvista mediante cibo e altri mezzi fisici. Ci dice di non preoccuparci dei giorni a venire, perché “ogni giorno porta con sé già abbastanza preoccupazioni”. Dio riempie fedelmente il ventre della nostra anima ogni giorno.

Cos’è la preghiera del Signore?
La frase popolare, “dacci il nostro pane quotidiano”, fa parte del Padre Nostro, o Preghiera del Signore, insegnata da Gesù durante il Suo famoso Sermone della Montagna. RC Sproul scrive “la petizione della preghiera del Signore ci insegna a venire a Dio con uno spirito di umile dipendenza, chiedendogli di provvedere ciò di cui abbiamo bisogno e di sostenerci giorno per giorno”. Gesù stava affrontando i diversi comportamenti e le tentazioni che i suoi discepoli dovevano affrontare e diede loro un modello dopo il quale pregare. “Comunemente noto come ‘La preghiera del Signore’, è in realtà ‘La preghiera dei discepoli’, dal momento che era inteso come un modello per loro”, spiega la Bibbia di studio della NIV .

Il pane era importante nella cultura ebraica. I discepoli a cui Gesù si rivolse al Sermone della Montagna ricordarono la storia di Mosè che guidò i loro antenati attraverso il deserto e il modo in cui Dio provvedeva loro la manna da mangiare ogni giorno. “La preghiera per il cibo era una delle preghiere più comuni nell’antichità”, spiega la NIV Cultural Backgrounds Study Bible. “Ci si può fidare di Dio, che ha fornito il pane quotidiano al suo popolo per 40 anni nel deserto, per il sostentamento”. La loro fede fu rafforzata nelle circostanze attuali ricordando il provvedimento passato di Dio. Anche nella cultura moderna, ci riferiamo ancora al percettore di reddito familiare come a chi guadagna il pane.

Che cos’è il “nostro pane quotidiano”?
“Allora il SIGNORE disse a Mosè: ‘Farò piovere per te pane dal cielo. Le persone devono uscire ogni giorno e raccogliere abbastanza per quel giorno. In questo modo li metterò alla prova e vedrò se seguiranno le mie istruzioni ”( Esodo 16: 4 ).

Definita biblicamente, la traduzione greca di pane significa letteralmente pane o qualsiasi cibo. Tuttavia, la radice di questa antica parola significa “elevare, elevare, elevare; prendere su di sé e portare ciò che è stato sollevato, portare via ciò che è stato sollevato, portare via “. Gesù stava pronunciando questo messaggio alla gente, che avrebbe collegato il pane alla loro fame letterale del momento, e al passato provvedimento dei loro antenati attraverso il deserto mediante la manna che Dio diede loro ogni giorno.

Gesù stava anche indicando i fardelli quotidiani che avrebbe portato per loro come nostro Salvatore. Morendo sulla croce, Gesù portò ogni fardello quotidiano che avremmo mai portato. Tutti i peccati che ci avrebbero strangolati e fortificati, tutto il dolore e la sofferenza del mondo – Lui lo portò.

Sappiamo di avere ciò di cui abbiamo bisogno per navigare ogni giorno perché camminiamo nella sua forza e nella sua grazia. Non per quello che facciamo, abbiamo o possiamo realizzare, ma per la vittoria sulla morte che Gesù ha già vinto per noi sulla croce! Cristo spesso parlava in un modo in cui le persone potevano capire e a cui relazionarsi. Più tempo passiamo nella Scrittura, più Egli è fedele nel rivelare strato su strato dell’amore intrecciato in ogni parola intenzionale che ha pronunciato e nel miracolo che ha compiuto. La Parola vivente di Dio ha parlato a una folla in un modo che stiamo ancora spigolando da oggi.

“E Dio può benedirti abbondantemente, così che in ogni cosa in ogni momento, avendo tutto ciò di cui hai bisogno, abbonderai in ogni opera buona” ( 2 Corinzi 9: 8 ).

La nostra fiducia in Cristo non inizia e finisce con il bisogno fisico di cibo. Anche se la fame e i senzatetto continuano a devastare il nostro mondo, molte persone moderne non soffrono per la mancanza di cibo o riparo. La nostra fiducia in Cristo è incoraggiata dal nostro bisogno che Lui soddisfi tutti i nostri bisogni. Preoccupazione, paura, confronto, gelosia, malattia, perdita, futuro imprevedibile – al punto che non possiamo nemmeno compilare il calendario di una settimana – tutto dipende dalla Sua stabilità.

Quando preghiamo che Dio ci fornisca il nostro pane quotidiano, gli chiediamo letteralmente di soddisfare ogni nostra esigenza. Bisogni fisici, sì, ma anche saggezza, forza, conforto e incoraggiamento. A volte Dio soddisfa il nostro bisogno di essere condannato per un comportamento distruttivo, o ci ricorda di estendere la grazia e il perdono per timore che serva amarezza nei nostri cuori.

“Dio soddisferà i nostri bisogni oggi. La sua grazia è disponibile per oggi. Non dobbiamo essere ansiosi per il futuro, o anche per il domani, perché ogni giorno ha i suoi problemi “, scrive Vaneetha Rendall Risner per Desiring God. Anche se alcuni potrebbero non avere difficoltà a soddisfare i bisogni fisici della nutrizione quotidiana, altri soffrono di una pletora di altri disturbi.

Il mondo ci dà molte ragioni quotidiane per preoccuparci. Ma anche quando il mondo sembra governato dal caos e dalla paura, Dio regna. Nulla accade fuori dalla sua vista o sovranità.

Perché dovremmo s fino chiediamo umilmente a Dio di darci il nostro pane quotidiano?
“Io sono il pane della vita. Chi viene a me non avrà fame. Chi crede in me non avrà mai più sete ”( Giovanni 6:35 ).

Gesù ha promesso di non lasciarci mai. È l’acqua viva e il pane della vita. L’umiltà nel pregare Dio per la nostra provvista quotidiana ci ricorda chi è Dio e chi siamo come Suoi figli. Abbracciare quotidianamente la grazia di Cristo ci ricorda di appoggiarci a Lui per i nostri bisogni quotidiani. È attraverso Cristo che ci avviciniamo a Dio in preghiera. John Piper spiega: “Gesù è venuto nel mondo per cambiare i tuoi desideri in modo che fosse il tuo desiderio principale”. Il progetto di Dio per farci dipendere da Lui ogni giorno promuove uno spirito di umiltà.

Seguire Cristo è una scelta quotidiana per prendere la nostra croce e appoggiarci a Lui per ciò di cui abbiamo bisogno. Paolo ha scritto: “Non siate ansiosi di nulla, ma in ogni situazione, con la preghiera e la petizione, con ringraziamento, presentate le vostre richieste a Dio” ( Filippesi 4: 6 ). È tramite Lui che riceviamo forza e saggezza soprannaturali per sopportare i giorni difficili, e umiltà e contentezza per abbracciare i giorni riposanti. In tutte le cose, cerchiamo di portare gloria a Dio mentre viviamo le nostre vite nell’amore di Cristo.

Il nostro Padre sa di cosa abbiamo bisogno per navigare ogni giorno con grazia. Non importa quale sia il tempo all’orizzonte dei nostri giorni, la libertà che abbiamo in Cristo non potrà mai essere scossa o portata via. Pietro scrisse: “La sua potenza divina ci ha dato tutto ciò di cui abbiamo bisogno per una vita divina attraverso la nostra conoscenza di colui che ci ha chiamati per la sua gloria e bontà” ( 2 Pietro 1: 3 ). Giorno dopo giorno, ci dà grazia su grazia. Ogni giorno abbiamo bisogno del nostro pane quotidiano.