Crea sito

Perché abbiamo bisogno dell’Antico Testamento?

Crescendo, ho sempre sentito i cristiani recitare lo stesso mantra ai non credenti: “Credi e sarai salvato”.

Non sono in disaccordo con questo sentimento, ma è facile fissarsi così tanto su questa goccia che ignoriamo l’oceano in cui si trova: la Bibbia . È particolarmente facile ignorare l’Antico Testamento perché Lamentazioni è deprimente, le visioni di Daniele sono stravaganti e confuse e Song of Solomon è davvero imbarazzante.

Questa è la cosa che io e te dimentichiamo il 99% delle volte: Dio ha scelto ciò che è contenuto nella Bibbia. Quindi, il fatto che l’Antico Testamento esista significa che Dio lo ha messo lì intenzionalmente.

Il mio minuscolo cervello umano non può assolutamente avvolgersi attorno al processo di pensiero di Dio. Tuttavia, può escogitare quattro cose che l’Antico Testamento fa per coloro che lo leggono.

1. Preserva e trasmette la storia di Dio che salva il suo popolo
Chiunque sfogli l’Antico Testamento può vedere che nonostante siano il popolo eletto di Dio, gli israeliti hanno commesso molti errori. Mi piace, molto .

Ad esempio, nonostante abbia visto Dio affliggere l’Egitto ( Esodo 7: 14-11 : 10), dividere il Mar Rosso ( Esodo 14: 1-22 ) e scaricare il mare di cui sopra sui persecutori ( Esodo 14: 23-31) ), gli israeliti si innervosirono durante il tempo di Mosè sul monte Sinai e pensarono tra loro: “Questo Dio non è il vero affare. Adoriamo invece una mucca lucente “( Esodo 32: 1-5 ).

Questo non fu né il primo né l’ultimo degli errori di Israele, e Dio si assicurò che gli autori della Bibbia non ne tralasciassero uno solo. Ma cosa fa Dio dopo che gli israeliti hanno sbagliato ancora una volta? Li salva. Li salva ogni volta.

Senza l’Antico Testamento, tu ed io non sapremmo metà di ciò che Dio ha fatto per salvare gli israeliti – i nostri antenati spirituali – da se stessi.

Inoltre, non comprenderemmo le radici teologiche o culturali da cui proveniva il Nuovo Testamento, in generale, e il Vangelo, in particolare. E dove saremmo se non conoscessimo il Vangelo?

2. Mostra che Dio è profondamente investito nella nostra vita quotidiana
Prima di venire nella Terra Promessa, gli israeliti non avevano un presidente, un primo ministro e nemmeno un re. Israele aveva quella che noi gente nuova di zecca chiameremmo una teocrazia . In una teocrazia, la religione è lo stato e lo stato è la religione.

Ciò significa che le leggi esposte in Esodo, Levitico e Deuteronomio non erano solo “tu-tu” e “tu-non-non” per la vita privata; erano diritto pubblico, allo stesso modo, pagare le tasse e fermarsi ai segnali di stop sono la legge.

“A chi importa?”, Chiedi, “Il levitico è ancora noioso”.

Potrebbe essere vero, ma il fatto che la Legge di Dio fosse anche la legge del paese ci mostra qualcosa di importante: Dio non voleva vedere gli israeliti solo nei fine settimana e durante la Pasqua. Voleva essere parte integrante delle loro vite in modo che prosperassero.

Questo è vero per Dio oggi: vuole essere con noi quando mangiamo i nostri Cheerios, paghiamo le bollette elettriche e pieghiamo il bucato che è rimasto nell’asciugatrice per tutta la settimana. Senza l’Antico Testamento, non sapremmo che nessun dettaglio è troppo piccolo perché il nostro Dio si preoccupi.

3. Ci insegna come lodare Dio
Quando la maggior parte dei cristiani pensa alle lodi, pensa di cantare insieme alle cover di Hillsong in chiesa. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che il libro dei Salmi è un’antologia di inni e poesie e in parte perché cantare canzoni allegre la domenica rende i nostri cuori caldi e confusi.

Poiché la maggior parte del culto cristiano moderno proviene da materiale fonte felice, i credenti dimenticano che non tutte le lodi provengono da un luogo gioioso. L’amore di Giobbe per Dio gli è costato tutto, alcuni dei salmi (ad es. 28, 38 e 88) sono grida disperate di aiuto, ed Ecclesiaste è una festa disperata su quanto sia insignificante la vita.

Giobbe, Salmi ed Ecclesiaste sono abbastanza diversi l’uno dall’altro, ma hanno lo stesso scopo: riconoscere Dio come salvatore non nonostante le difficoltà e la sofferenza, ma a causa di ciò.

Senza questi scritti poco allegri dell’Antico Testamento, non sapremmo che il dolore può e deve essere imbrigliato per la lode. Saremmo stati in grado di lodare Dio solo quando fossimo felici.

4. Predice la venuta di Cristo
Dio che salva Israele, rendendosi parte della nostra vita, insegnandoci come lodarlo… qual è il punto di tutto questo? Perché abbiamo bisogno di un miscuglio di fatti, regole e poesia angosciante quando abbiamo il provato e vero “credi e sarai salvato”?

Perché l’Antico Testamento ha qualcos’altro da fare: Profezie su Gesù. Isaia 7:14 ci dice che Gesù sarà chiamato Emmanuele, o dio con noi . Il profeta Osea sposa una prostituta come rappresentazione simbolica dell’amore di Gesù per la Chiesa immeritevole. E Daniele 7: 13-14 predice la seconda venuta di Gesù.

Queste profezie e dozzine di altre hanno dato agli israeliti dell’Antico Testamento qualcosa in cui sperare: la fine del patto di legge e l’inizio del patto di grazia. Anche i cristiani di oggi ne traggono qualcosa: la consapevolezza che Dio ha speso millenni – sì, millenni – prendendosi cura della Sua famiglia.

Perché è importante?
Se dimentichi tutto il resto di questo articolo, ricorda questo: il Nuovo Testamento ci parla del motivo della nostra speranza, ma l’Antico Testamento ci dice cosa ha fatto Dio per darci quella speranza.

Più ne leggiamo, più comprendiamo e apprezziamo le lunghezze che ha fatto per le persone peccaminose, testarde e sciocche come noi che non lo meritano.