Crea sito

Papa Francesco richiede un anno di lavoro missionario per i futuri sacerdoti diplomatici vaticani

Il papa ha chiesto che la modifica entri in vigore per l’anno accademico 2020/2021. Ha chiesto l’aggiornamento del curriculum in una lettera al presidente della Pontificia Accademia Ecclesiastica, Mons. Joseph Marino.

Per affrontare “le crescenti sfide per la Chiesa e per il mondo, i futuri diplomatici della Santa Sede devono acquisire, oltre alla solida formazione sacerdotale e pastorale, e quella specifica offerta da questa Accademia, anche un’esperienza di missione personale al di fuori della propria Diocesi di origine ”, ha scritto Francesco.

È un’opportunità per i sacerdoti di condividere “con le chiese missionarie un periodo di viaggio insieme alla loro comunità, partecipando alla loro attività evangelizzatrice quotidiana”, ha aggiunto.

Il papa ha osservato nella sua lettera, firmata l’11 febbraio, di aver espresso per la prima volta il desiderio che la formazione di sacerdoti diplomatici includesse un anno missionario alla fine del sinodo amazzonico nel 2019.

“Sono convinto che tale esperienza sarà utile a tutti i giovani che preparano o iniziano il servizio sacerdotale”, ha affermato, “ma in particolare a coloro che in futuro saranno chiamati a collaborare con i Rappresentanti Pontifici e, successivamente, possono a loro volta diventano inviati della Santa Sede per le nazioni e le chiese particolari. “

La Pontificia Accademia Ecclesiastica è un’accademia di addestramento per sacerdoti di tutto il mondo a cui potrebbe essere chiesto di entrare nel corpo diplomatico della Santa Sede.

Oltre a studiare teologia e diritto canonico presso le università pontificie di Roma, gli studenti imparano argomenti e abilità rilevanti per il lavoro diplomatico, come le lingue, la diplomazia internazionale e la storia diplomatica.

Il vescovo americano Joseph Marino è presidente dall’ottobre 2019. Dal 1988 è al servizio diplomatico della Santa Sede.

Il papa ha affermato che l’attuazione dell’anno missionario richiederà la cooperazione con il Segretariato di Stato, in particolare con la sezione dedicata al personale diplomatico.

Ha aggiunto che, “avendo superato le preoccupazioni iniziali che potrebbero sorgere”, è sicuro che l’esperienza “sarà utile non solo ai giovani accademici, ma anche alle singole chiese con le quali collaboreranno”.

Francesco ha anche detto che spera che ispirerà altri sacerdoti a fare volontariato per un periodo di missione fuori dalla sua diocesi.