Buat tapak

Keuskupan Richmond akan membayar pampasan lebih daripada enam juta dolar kepada mangsa penganiayaan pendeta

La diocesi nel febbraio 2020 ha avviato un programma di riconciliazione indipendente per offrire aiuto alle presunte vittime di abusi sessuali minori attraverso un arbitro indipendente.

La diocesi di Richmond dovrebbe pagare un totale di 6,3 milioni di dollari in insediamenti a più di 50 vittime di abusi clericali, ha annunciato il vescovo questa settimana.

L’annuncio arriva dopo che la diocesi ha celebrato il suo bicentenario l’11 luglio.

“Con la celebrazione di un anno giubilare arriva un’altra opportunità per lavorare per la giustizia – per il riconoscimento dei torti, la riconciliazione con coloro a cui abbiamo torto e i tentativi di riparare il dolore che abbiamo causato”, ha detto il vescovo Barry Knestout in una lettera del 15 ottobre.

“Queste tre sfaccettature – confessione, riconciliazione e riparazione – sono alla base del sacramento della riconciliazione della Chiesa cattolica, che è stato il modello per il nostro ingresso nel Programma di riconciliazione indipendente”.

La diocesi nel febbraio 2020 ha avviato un programma di riconciliazione indipendente per offrire aiuto alle presunte vittime di abusi sessuali minori attraverso un arbitro indipendente. Il 15 ottobre, la diocesi ha pubblicato un rapporto che dettaglia le conclusioni del programma .

Su 68 richieste di risarcimento avviate, 60 sono state presentate all’amministratore dei reclami. Di quelle presunte vittime, 51 hanno ricevuto offerte di pagamento, tutte accettate.

Secondo il rapporto, gli insediamenti saranno finanziati attraverso il programma di autoassicurazione della diocesi, un prestito e “contributi di altri ordini religiosi, se del caso”.

Gli insediamenti non proverranno dai beni parrocchiali o scolastici, dall’appello diocesano annuale, dai contributi limitati dei donatori o dalle dotazioni limitate, afferma il rapporto.

“Il completamento di questo programma non è affatto la fine dei nostri sforzi per provvedere alle vittime sopravvissute della nostra diocesi. Il nostro impegno è in corso. Dobbiamo e continueremo a incontrare le vittime sopravvissute con il sostegno e la compassione motivati ​​dal nostro comune amore per Gesù Cristo ”, ha concluso Monsignor Knestout, chiedendo continue preghiere per le vittime di abusi.