Crea sito

Mantenere la fede nonostante il peggior tipo di peccati

È facile disperare quando arrivano notizie di un’altra incidenza di abusi sessuali, ma la nostra fede trascende il peccato.

Mi sono sentito subito benvenuto alla Michigan State University. I miei professori di giornalismo mi hanno dato gli strumenti di cui avevo bisogno per avere successo nella mia professione e ho fatto grandi amici. Ho persino trovato una bella chiesa cattolica a pochi passi dal campus – St. John Church and Student Center, parte della parrocchia di St. Thomas Aquinas nella diocesi di Lansing. Mi è piaciuto andare a messa ogni fine settimana per rilassarmi mentalmente dal mio frenetico programma di studi universitari.

Ma il mio orgoglio spartano diminuì quando venne a sapere dei terribili peccati commessi da Larry Nassar , un ex medico osteopatico della MSU ed ex medico della squadra nazionale di ginnastica americana. Nassar sta scontando una pena detentiva federale di 60 anni per pornografia infantile. È stato anche condannato per un massimo di 175 anni in prigione di stato per aver molestato vicino a 300 giovani ragazze, tra cui ginnaste di alto profilo alle Olimpiadi, con il pretesto della sua pratica medica già nel 1992. Nonostante anni di accuse, gli amministratori della mia alma le madri furono complici delle azioni di Nassar e contribuirono alla ferita di centinaia di persone.

E fui ancora più turbato quando appresi che Nassar serviva anche come ministro eucaristico nella chiesa di San Giovanni, il luogo in cui io e altri cattolici spartani andiamo a sentirci sicuri e nutriti spiritualmente a East Lansing.

Larry Nassar ha servito consapevolmente ai parrocchiani il prezioso corpo e il sangue di Cristo. Non solo, è stato anche catechista della scuola media nella vicina parrocchia di St. Thomas Aquinas.

Non posso dire con certezza se Nassar e io abbiamo attraversato percorsi a St. John, ma c’è una buona possibilità che l’abbiamo fatto.

Purtroppo, questa non è la prima volta che incontro abusi in chiesa. Ho stretto amicizia con qualcuno nella parrocchia a cui ho partecipato come studente all’università di Valparaiso dopo essermi conosciuto in un ritiro in chiesa e aver preso un paio di lezioni insieme. Cioè, fino a quando ho scoperto che era stato arrestato per aver molestato sessualmente suo cugino. Ho provato la stessa rabbia e disgusto allora. E naturalmente conosco gli scandali sull’abuso sessuale dei sacerdoti che hanno afflitto la Chiesa cattolica. Eppure continuo ad andare a messa e stringo relazioni con i compagni parrocchiani.

Perché i cattolici continuano a seguire la fede con ogni rapporto sui peccati atroci commessi da alcuni sacerdoti e parrocchiani?

Andiamo a messa per celebrare l’Eucaristia e il perdono dei peccati, il cuore della nostra fede. La celebrazione non è una devozione privata, ma qualcosa di condiviso con la nostra comunità cattolica. Gesù non è solo presente nel suo corpo e sangue che consumiamo durante l’Eucaristia, ma nella parola di Dio che trascende tutti noi. Questo è il motivo per cui siamo devastati quando apprendiamo che qualcuno nella nostra comunità ha deliberatamente ignorato il suo significato e ha peccato senza pentimento.

Ammetto che la mia fede a volte si indebolisce e mi sento sopraffatto quando leggo nuovi casi di abuso sessuale legato alla chiesa. Ma sono anche rincuorato dalle persone e dalle organizzazioni che intervengono per sostenere i sopravvissuti e prevenire futuri episodi di abuso. Ad esempio, la diocesi di Brooklyn ha fondato l’ Office of Victim Assistance , che fornisce gruppi di supporto, consulenza e referenze terapeutiche per le vittime di abusi sessuali. Nicholas DiMarzio, vescovo della diocesi di Brooklyn, celebra una messa di speranza e di guarigione per chiunque sia vittima di abusi sessuali ogni anno ad aprile, mese nazionale di prevenzione degli abusi sui minori.

La Conferenza episcopale degli Stati Uniti ha un elenco di coordinatori dell’assistenza alle vittime, le loro informazioni di contatto e la diocesi che rappresentano online . I vescovi statunitensi consigliano ai genitori delle vittime di chiamare la polizia locale o il dipartimento dei servizi. “Rassicura tuo figlio che non ha fatto nulla di male e che ha fatto la cosa giusta dicendoti” , sottolineano .

Invece di impantanarsi nel nostro dolore per problemi di abuso, le parrocchie devono riunirsi per sostenere le persone che sono state colpite da abusi sessuali. Crea un gruppo di supporto settimanale per le vittime; attuare politiche di protezione dell’infanzia e formazione sulla consapevolezza della sicurezza per le scuole e i programmi parrocchiali che vanno al di là delle linee guida stabilite dalla Carta per la protezione dei bambini e dei giovani dell’USCCB; crea una raccolta fondi per telecamere di sicurezza da installare intorno alla tua chiesa; distribuire opuscoli informativi sulle risorse disponibili o includerli nel bollettino settimanale della chiesa; avviare un dialogo tra i parrocchiani che affronti domande e preoccupazioni; donare denaro a organizzazioni che supportano le vittime di violenze sessuali nella tua comunità locale; rassicurare le vittime che non hanno fatto nulla di male e che le sostengono con tutto il cuore attraverso il loro processo di guarigione. L’elenco delle possibilità continua.

Amo MSU, ma alla fine sono fedele a Cristo prima della nazione spartana. Guardo ancora il mio diploma di master con un senso di realizzazione, nonostante la stampa negativa che MSU ha guadagnato negli ultimi 18 mesi. Eppure, so che Cristo vuole che io spinga la mia energia verso questioni più importanti, come quello che posso fare personalmente per aiutare a rendere il mondo un posto migliore e costruire una connessione più forte con Dio. La Quaresima è arrivata nel momento perfetto per tale autoriflessione e discernimento.

Saranno 40 giorni lunghi, ma molto necessari.