Crea sito

L’Italia può davvero evitare un secondo lockdown?

Mentre la curva di contagio continua a salire in Italia, il governo insiste sul fatto che non vuole imporre un altro blocco. Ma sta diventando inevitabile? E come potrebbe essere un nuovo blocco?

Il blocco primaverile di due mesi dell’Italia è stato uno dei più lunghi e severi in Europa, anche se gli esperti sanitari gli hanno attribuito il merito di aver tenuto sotto controllo l’epidemia e di aver lasciato l’Italia dietro la curva poiché i casi sono aumentati di nuovo nei paesi vicini.

Mentre la Francia e la Germania impongono nuovi blocchi questa settimana, c’è una speculazione diffusa che l’Italia potrebbe presto essere costretta a seguire l’esempio.

Ma con i politici nazionali e regionali italiani ora riluttanti ad applicare misure severe, il piano per i prossimi giorni e settimane rimane poco chiaro.

Finora i ministri hanno adottato un approccio più morbido alle nuove restrizioni che sperano possano essere meno dannose dal punto di vista economico.

Il governo ha gradualmente inasprito le misure nel mese di ottobre, emanando una serie di tre decreti di emergenza entro due settimane.

Secondo le ultime regole annunciate domenica, palestre e cinema sono stati chiusi a livello nazionale e bar e ristoranti devono chiudere entro le 18:00.

Ma le attuali restrizioni hanno diviso l’Italia, con i politici dell’opposizione e gli imprenditori che affermano che le chiusure e il coprifuoco locale sono economicamente punitivi ma non faranno abbastanza differenza per la curva di contagio.

Il premier Giuseppe Conte ha detto che il governo non ricorrerebbe a ulteriori restrizioni prima di vedere che tipo di impatto stanno avendo le regole attuali.

Tuttavia, l’aumento del numero di casi potrebbe costringerlo a introdurre ulteriori restrizioni prima.

“Stiamo incontrando esperti e valutando se intervenire di nuovo”, ha detto sabato Conte al Foglio.

L’Italia ha segnalato 31.084 nuovi casi di virus venerdì, battendo un altro record giornaliero.

Conte questa settimana ha annunciato un ulteriore pacchetto di aiuti finanziari del valore di cinque miliardi di euro per le imprese colpite dall’ultimo round di chiusure, ma ci sono preoccupazioni su come il Paese si permetterebbe di sostenere più imprese se colpite da restrizioni più ampie.

Anche le autorità regionali sono state finora riluttanti a implementare blocchi localizzati consigliati da esperti sanitari.

Ma mentre la situazione in Italia peggiora, i consulenti sanitari del governo ora dicono che una qualche forma di blocco sta diventando una possibilità reale.

“Tutte le misure possibili sono allo studio”, ha detto venerdì il coordinatore del Comitato tecnico scientifico del governo (Cts) Agostino Miozzo in un’intervista alla radio italiana.

“Oggi siamo entrati nello scenario 3, c’è anche lo scenario 4”, ha detto, riferendosi alle categorie di rischio delineate nei documenti di pianificazione di emergenza del governo.

ANALISI: Come e perché i numeri del coronavirus in Italia sono aumentati così bruscamente

“Con ciò, sono previste varie ipotesi di blocco – generali, parziali, localizzate o come abbiamo visto a marzo”.

“Avevamo sperato di non arrivare qui. Ma se guardiamo ai paesi accanto a noi, purtroppo si tratta di ipotesi realistiche “, ha detto.

Cosa potrebbe succedere dopo?

Un nuovo blocco potrebbe assumere varie forme a seconda degli scenari di rischio dettagliati nei piani “Prevenzione e risposta al Covid-19” elaborati dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS) italiano.

La situazione in Italia attualmente corrisponde a quella descritta nello “scenario 3”, che secondo la ISS è caratterizzato da “trasmissibilità sostenuta e diffusa” del virus con “rischi di mantenimento del sistema sanitario nel medio termine” e valori Rt a livello regionale livello compreso tra 1,25 e 1,5.

Se l’Italia entra nello “scenario 4” – l’ultimo e più grave previsto dal piano della ISS – è allora che dovrebbero essere prese in considerazione misure più dure come i blocchi.

Nello scenario 4 “i numeri Rt regionali sono prevalentemente e significativamente maggiori di 1,5” e tale scenario “potrebbe portare rapidamente a un numero elevato di casi e chiari segni di sovraccarico dei servizi di welfare, senza la possibilità di risalire all’origine di nuove casi. “

In tal caso, il piano ufficiale prevede l’adozione di “misure molto aggressive”, compreso un blocco nazionale come quello visto in primavera se ritenuto necessario.

Blocco “alla francese”?

I media italiani riferiscono che qualsiasi nuovo blocco sarebbe diverso dal precedente, poiché l’Italia sembra che questa volta adotti regole “alla francese” con l’Italia, come la Francia, determinata a proteggere l’economia.

La Francia è entrata nel secondo blocco venerdì , con il paese che registra circa 30.000 nuovi casi al giorno secondo i dati nazionali.

IN EUROPA: L’implacabile rinascita del coronavirus provoca disagio e disperazione

In questo scenario le scuole rimarrebbero aperte, così come alcuni luoghi di lavoro tra cui fabbriche, fattorie e uffici pubblici, scrive il quotidiano finanziario Il Sole 24 Ore , mentre altre imprese sarebbero tenute a consentire il lavoro a distanza ove possibile.

L’Italia potrebbe evitare questo scenario?

Per ora, le autorità scommettono sul fatto che le misure attuali siano sufficienti per iniziare ad appiattire la curva di contagio, evitando così la necessità di attuare misure di blocco rigorose

“La speranza è che si possa iniziare a vedere un leggero calo di nuovi positivi in ​​una settimana”, ha detto all’Ansa il dottor Vincenzo Marinari, fisico dell’Università La Sapienza di Roma . “I primi risultati potrebbero iniziare a mostrare in quattro o cinque giorni.”

I prossimi giorni “saranno cruciali per quanto riguarda il tentativo di attuare le regole decise dal governo”, ha detto.

Tuttavia, alcuni esperti dicono che è già troppo tardi.

Le misure applicate ai sensi dell’attuale decreto di emergenza sono “insufficienti e tardive”, ha affermato giovedì il presidente della fondazione italiana di medicina basata sull’evidenza Gimbe in un rapporto.

“L’epidemia è fuori controllo, senza chiusure locali immediate ci vorrà un mese di blocco nazionale”, ha detto il dottor Nino Cartabellotta.

Tutti gli occhi saranno puntati sul tasso di infezione giornaliero poiché Conte dovrebbe annunciare piani per nuove misure entro la metà della prossima settimana, secondo i resoconti dei media italiani.

Mercoledì 4 novembre Conte si rivolge al Parlamento sulle misure in atto per far fronte alla pandemia e alla conseguente crisi economica.

Eventuali nuove misure annunciate potrebbero essere votate immediatamente e attivate già nel fine settimana successivo.