Crea sito

L’arcidiocesi cattolica di Vienna vede crescere i seminaristi

L’arcidiocesi di Vienna ha segnalato un aumento del numero di uomini che si preparano al sacerdozio.

Quattordici nuovi candidati sono entrati nei tre seminari dell’arcidiocesi questo autunno. Undici di loro provengono dall’arcidiocesi di Vienna e gli altri tre dalle diocesi di Eisenstadt e St. Pölten.

L’arcidiocesi ha riunito i suoi tre seminari sotto lo stesso tetto nel 2012. In totale, 52 candidati si stanno formando lì. Il più anziano è nato nel 1946 e il più giovane nel 2000, ha riferito CNA Deutsch, partner di notizie in lingua tedesca della CNA, il 19 novembre.

Secondo l’ arcidiocesi , i candidati provengono da un’ampia varietà di background. Includono musicisti, chimici, infermieri, ex dipendenti pubblici e un produttore di vino.

Alcuni dei candidati in precedenza avevano lasciato la Chiesa, ma hanno ritrovato la loro strada verso la fede e ora vogliono dedicare la loro vita completamente a Dio.

Il cardinale Christoph Schönborn guida l’arcidiocesi di Vienna dal 1995. Ha rassegnato le dimissioni da arcivescovo di Vienna prima del suo 75 ° compleanno in gennaio. Papa Francesco ha rifiutato le dimissioni, chiedendo a Schönborn, un frate domenicano discendente dalla nobiltà austriaca, di rimanere per “un periodo indefinito”.

I candidati al sacerdozio a Vienna studiano teologia cattolica presso la facoltà della capitale austriaca. Sempre più candidati entrano in seminario dall’Università Filosofico-Teologica Papa Benedetto XVI, università pontificia di Heiligenkreuz, cittadina austriaca famosa per la sua abbazia cistercense. Quattro dei 14 nuovi candidati hanno studiato a Heiligenkreuz o vi stanno proseguendo.

Matthias Ruzicka, 25 anni, ha detto a CNA Deutsch che i seminaristi erano “un gruppo eterogeneo”. Ruzicka, che è entrato in seminario a Vienna nell’ottobre 2019, ha descritto l’atmosfera come “fresca ed eccitante”. Ha detto che la capitale austriaca era una buona posizione a causa del gran numero di comunità cattoliche della città. I candidati hanno portato queste diverse spiritualità con loro in seminario, ha detto.

Ruzicka ha suggerito che l’aumento dei seminaristi fosse collegato alla “apertura che si può avvertire anche in molte altre aree della Chiesa nell’arcidiocesi di Vienna”. Ha aggiunto che i candidati non sono stati etichettati come “conservatori” o “progressisti”, ma piuttosto Dio era al centro “e la storia personale che scrive con ogni individuo”.

La formazione in seminario dura dai sei agli otto anni. Oltre a studiare teologia, ai candidati viene concesso un “anno gratuito” per studiare all’estero, anche fuori dall’Europa.

Alla fine della formazione in seminario, c’è spesso un “anno pratico” prima che i candidati si preparino per la loro ordinazione come diaconi di transizione. Di solito vengono ordinati al sacerdozio uno o due anni dopo