Crea sito

La donna al pozzo: una storia di un Dio amorevole

La storia della donna al pozzo è una delle più conosciute nella Bibbia; molti cristiani possono facilmente raccontarne un riassunto. Alla sua superficie, la storia racconta i pregiudizi etnici e una donna evitata dalla sua comunità. Ma guarda più in profondità e ti renderai conto che rivela molto sul personaggio di Gesù. Soprattutto, la storia, che si svolge in Giovanni 4: 1-40, suggerisce che Gesù è un Dio amorevole e accettante e dovremmo seguire il suo esempio.

La storia inizia mentre Gesù ei suoi discepoli viaggiano da Gerusalemme a sud verso la Galilea a nord. Per rendere il loro viaggio più breve, prendono la via più veloce, attraverso Samaria . Stanco e assetato, Gesù sedeva accanto al pozzo di Giacobbe mentre i suoi discepoli andavano nel villaggio di Sychar, a circa mezzo miglio di distanza, per comprare cibo. Era mezzogiorno, la parte più calda della giornata, e una donna samaritana venne al pozzo in questo momento scomodo per attingere acqua.

Gesù incontra la donna al pozzo
Durante l’incontro con la donna al pozzo, Gesù ruppe tre costumi ebraici. In primo luogo, le ha parlato nonostante fosse una donna. Secondo, era una samaritana e gli ebrei tradivano tradizionalmente i samaritani. E, in terzo luogo, le chiese di portargli un sorso d’acqua, sebbene l’uso della sua tazza o del suo vaso lo avrebbe reso cerimoniosamente impuro.

Il comportamento di Gesù ha scioccato la donna al pozzo. Ma come se ciò non bastasse, disse alla donna che avrebbe potuto darle ” acqua viva ” in modo che non avesse più sete. Gesù usò le parole acqua viva per riferirsi alla vita eterna, il dono che avrebbe soddisfatto il desiderio della sua anima disponibile solo attraverso di lui. All’inizio, la samaritana non capì appieno il significato di Gesù.

Sebbene non si fossero mai incontrati prima, Gesù rivelò di sapere che aveva avuto cinque mariti e che ora viveva con un uomo che non era suo marito. Aveva tutta la sua attenzione!

Gesù si rivela alla donna
Mentre Gesù e la donna discutevano delle loro opinioni sull’adorazione, la donna espresse la sua convinzione che il Messia stava arrivando. Gesù rispose: “Io che ti parlo, è lui”. (Giovanni 4:26, ESV)

Quando la donna cominciò a comprendere la realtà del suo incontro con Gesù, i discepoli tornarono. Anche loro furono scioccati nel trovarlo che parlava con una donna. Lasciando dietro il suo barattolo d’acqua, la donna tornò in città, invitando la gente a “Vieni, vedi un uomo che mi ha detto tutto quello che ho mai fatto.” (Giovanni 4:29, ESV)

Nel frattempo, Gesù disse ai suoi discepoli che il raccolto delle anime era pronto, seminato dai profeti, scrittori dell’Antico Testamento e Giovanni Battista .

Eccitati da ciò che la donna disse loro, i samaritani vennero da Sicar e implorarono Gesù di stare con loro.

Gesù rimase due giorni, insegnando al popolo samaritano il Regno di Dio. Quando se ne andò, la gente disse alla donna: “… abbiamo ascoltato per noi stessi e sappiamo che questo è davvero il salvatore del mondo”. (Giovanni 4:42, ESV )

Punti di interesse dalla storia della donna al pozzo
Per comprendere appieno la storia della donna al pozzo, è importante capire chi fossero i samaritani – un popolo di razza mista, che si era sposato con gli assiri secoli prima. Erano odiati dagli ebrei a causa di questa mescolanza culturale e perché avevano la loro versione della Bibbia e il loro tempio sul Monte Gerizim.

La samaritana che Gesù incontrò affrontò i pregiudizi della sua stessa comunità. Venne ad attingere acqua nella parte più calda della giornata, invece delle solite ore del mattino o della sera, perché fu evitata e respinta dalle altre donne della zona per la sua immoralità . Gesù conosceva la sua storia, ma la accettava ancora e la curava.

Rivolgendosi ai samaritani, Gesù mostrò che la sua missione era per tutte le persone, non solo per gli ebrei. Nel libro degli Atti , dopo l’ ascensione di Gesù in cielo, i suoi apostoli proseguirono il suo lavoro in Samaria e nel mondo dei Gentili. Ironia della sorte, mentre il Sommo Sacerdote e il Sinedrio respingevano Gesù come Messia, i Samaritani emarginati lo riconobbero e lo accettarono per quello che era veramente, il Signore e il salvatore.

Domanda di riflessione
La nostra tendenza umana è di giudicare gli altri a causa di stereotipi, costumi o pregiudizi. Gesù tratta le persone come individui, accettandole con amore e compassione. Respingi certe persone come cause perse o le consideri preziose a se stesse, degne di conoscere il Vangelo ?