Crea sito

Islam: una breve introduzione al Corano

Il Corano è il libro sacro del mondo islamico. Raccolto in un periodo di 23 anni durante il VII secolo d.C., si dice che il Corano sia costituito dalle rivelazioni di Allah al profeta Maometto, trasmesse attraverso l’angelo Gabriele. Queste rivelazioni furono scritte dagli scribi mentre Maometto le pronunciò durante il suo ministero, ei suoi seguaci continuarono a recitarle dopo la sua morte. Per volere del califfo Abu Bakr , i capitoli e i versetti furono raccolti in un libro nel 632 CE; quella versione del libro, scritta in arabo, è stata il libro sacro dell’Islam per oltre 13 secoli.

L’Islam è una religione abramitica, nel senso che, come il cristianesimo e l’ebraismo, riverisce il patriarca biblico Abramo e i suoi discendenti e seguaci.

Il Corano
Il Corano è il libro sacro dell’Islam. Fu scritto nel VII secolo d.C.
Il suo contenuto è la saggezza di Allah come ricevuto e predicato da Maometto.
Il Corano è diviso in capitoli (chiamati sura) e versi (ayat) di diversa lunghezza e argomenti.
È anche diviso in sezioni (juz) come programma di lettura di 30 giorni per il Ramadan.
L’Islam è una religione abramitica e, come l’ebraismo e il cristianesimo, onora Abramo come patriarca.
L’Islam riverisce Gesù (‘Isa) come santo profeta e sua madre Maria (Mariam) come santa donna.
Organizzazione
Il Corano è diviso in 114 capitoli di diversi argomenti e lunghezze, noto come sura. Ogni sura è composta da versi, noti come ayat (o ayah). La sura più corta è Al-Kawthar, composta da soli tre versi; il più lungo è Al-Baqara, con 286 versi. I capitoli sono classificati come Meccan o Medinan, in base al fatto che siano stati scritti prima del pellegrinaggio di Maometto alla Mecca (Medinan) o in seguito (Meccan). I 28 capitoli di Medinan riguardano principalmente la vita sociale e la crescita della comunità musulmana; gli 86 Meccan affrontano la fede e l’aldilà.

Il Corano è anche suddiviso in 30 sezioni uguali, o juz ‘. Queste sezioni sono organizzate in modo che il lettore possa studiare il Corano nel corso di un mese. Durante il mese di Ramadan, si raccomanda ai musulmani di completare almeno una lettura completa del Corano da una copertina all’altra. L’ajiza (plurale di juz ‘) serve da guida per compiere quel compito.

I temi del Corano sono intrecciati in tutti i capitoli, piuttosto che presentati in ordine cronologico o tematico. I lettori possono utilizzare una concordanza – un indice che elenca ogni utilizzo di ogni parola del Corano – per cercare temi o argomenti particolari.

 

Creazione secondo il Corano
Anche se la storia della creazione nel Corano dice “Allah ha creato i cieli e la terra, e tutto ciò che è tra loro, in sei giorni”, il termine arabo ” yawm ” (“giorno”) potrebbe essere meglio tradotto come “periodo “. Yawm è definito come lunghezze diverse in momenti diversi. La coppia originale, Adam e Hawa, sono considerati i genitori della razza umana : Adam è un profeta dell’Islam e sua moglie Hawa o Hawwa (in arabo per Eva) è la madre della razza umana.

 

Donne nel Corano
Come le altre religioni abramitiche, ci sono molte donne nel Corano . Solo uno è esplicitamente chiamato: Mariam. Mariam è la madre di Gesù, che è lui stesso un profeta nella fede musulmana. Altre donne che sono menzionate ma non nominate includono le mogli di Abraham (Sara, Hajar) e Asiya (Bithiah in the Hadith), moglie del faraone, madre adottiva di Mosè.

Il Corano e il Nuovo Testamento
Il Corano non rifiuta il cristianesimo o l’ebraismo, ma piuttosto si riferisce ai cristiani come a “persone del libro”, ovvero a persone che hanno ricevuto e credono nelle rivelazioni dei profeti di Dio. I versetti evidenziano i punti in comune tra cristiani e musulmani, ma considerano Gesù un profeta, non un dio, e avvertono i cristiani che adorare Cristo come un dio sta scivolando nel politeismo: i musulmani vedono Allah come l’unico vero Dio.

“Sicuramente quelli che credono e quelli che sono ebrei, i cristiani e i Sabiani – chiunque crede in Dio e nell’ultimo giorno e fa del bene, avranno la loro ricompensa dal loro Signore. E non ci sarà paura per loro, né si affliggeranno “(2:62, 5:69 e molti altri versi).
Maria e Gesù

Mariam , come la madre di Gesù Cristo è chiamata nel Corano, è una donna giusta a sé stante: il 19 ° capitolo del Corano è intitolato Il Capitolo di Maria e descrive la versione musulmana dell’immacolata concezione di Cristo.

Gesù si chiama ‘Isa nel Corano , e molte storie trovate nel Nuovo Testamento sono anche nel Corano, comprese quelle storie della sua nascita miracolosa, i suoi insegnamenti e i miracoli che compì. La differenza principale è che nel Corano Gesù è un profeta inviato da Dio, non da suo figlio.

 

Andare d’accordo nel mondo: dialogo interreligioso
Juz ‘7 del Corano è dedicato, tra l’altro, a un dialogo interreligioso. Mentre Abramo e gli altri profeti invitano il popolo ad avere fede e lasciare falsi idoli, il Corano chiede ai credenti di sopportare con pazienza il rifiuto dell’Islam da parte dei non credenti e di non prenderlo sul personale.

“Ma se Allah avesse voluto, non avrebbero associato. E non ti abbiamo nominato su di loro come un tutore, né sei un manager su di loro.” (6: 107)
Violenza
I moderni critici dell’Islam affermano che il Corano promuove il terrorismo . Sebbene scritto durante un periodo di violenza e vendetta comuni durante il processo, il Corano promuove attivamente giustizia, pace e moderazione. Esorta esplicitamente i credenti ad astenersi dal cadere nella violenza settaria, la violenza contro i fratelli.

“Per quanto riguarda coloro che dividono la loro religione e si dividono in sette, non ne hai minimamente parte. La loro relazione è con Allah; alla fine dirà loro la verità di tutto ciò che hanno fatto.” (6: 159)
La lingua araba del Corano
Il testo arabo dell’originale Corano arabo è identico e invariato dalla sua rivelazione nel VII secolo d.C. Circa il 90 percento dei musulmani nel mondo non parla l’arabo come lingua madre, e ci sono molte traduzioni del Corano disponibili in inglese e altro le lingue. Tuttavia, per recitare preghiere e leggere capitoli e versetti nel Corano, i musulmani usano l’arabo per partecipare come parte della loro fede condivisa.

 

Lettura e recitazione
Il profeta Maometto ha incaricato i suoi seguaci di “abbellire il Corano con le tue voci” (Abu Dawud). La recitazione del Corano in un gruppo è una pratica comune e l’impegno preciso e melodioso è un modo in cui gli aderenti conservano e condividono i suoi messaggi.

Mentre molte traduzioni inglesi del Corano contengono note a piè di pagina, alcuni passaggi potrebbero richiedere ulteriori spiegazioni o essere inseriti in un contesto più completo. Se necessario, gli studenti usano Tafseer, un’esegesi o un commento , per fornire maggiori informazioni.