Crea sito

In che modo l’adorazione terrena ci prepara per il paradiso

Ti sei mai chiesto come sarà il paradiso? Sebbene la Scrittura non ci fornisca molti dettagli su come sarà la nostra vita quotidiana (o anche se ci sono giorni, poiché Dio opera al di fuori della nostra comprensione del tempo), ci viene data un’immagine di ciò che ci vorrà posto lì in Apocalisse 4: 1-11.

Lo Spirito di Dio trasporta Giovanni nella stessa sala del trono di Dio. Giovanni ne descrive la bellezza e la brillantezza: sfumature di smeraldo, sardius e pietre di diaspro, un mare di vetro, un arcobaleno che circonda completamente il trono, lampi e tuoni. Dio non è solo nella sua sala del trono; intorno a lui sono ventiquattro anziani seduti su troni, vestiti di bianco e con corone d’oro. Inoltre, ci sono sette lampade di fuoco e quattro creature insolite che si aggiungono al servizio di adorazione continuo e pieno di Spirito che ha luogo.

Perfetto, culto celeste
Se dovessimo descrivere il paradiso in una parola, sarebbe adorazione.

Le quattro creature (molto probabilmente serafini o angeli) hanno un lavoro e lo fanno continuamente. Non cessano di dire: ” Santo, santo, santo è il Signore Dio, l’Onnipotente, che era e che è e che deve venire”. I ventiquattro anziani (che rappresentano i redenti dei secoli) cadono davanti al trono di Dio, gettano le loro corone ai Suoi piedi e alzano un inno di lode:

“Sei degno, nostro Signore e nostro Dio, di ricevere gloria, onore e potere; poiché hai creato tutte le cose, e per la tua volontà esse sono esistite e sono state create ”( Apocalisse 4:11 ).

Questo è quello che faremo in paradiso. Alla fine saremo in grado di adorare Dio in un modo che soddisferà la nostra anima e Lo onoreremo come dovrebbe essere onorato. Ogni tentativo di adorazione in questo mondo è una prova generale per la vera esperienza. Dio ha permesso a Giovanni di darci un’idea di cosa aspettarci, in modo che possiamo prepararci. Vuole che sappiamo che vivere come se fossimo già davanti al trono ci porterà vittoriosamente al trono.

In che modo Dio può ricevere gloria, onore e potere dalla nostra vita oggi?
Ciò che Giovanni osservò nella sala del trono del Cielo rivela cosa significa adorare Dio. È restituirgli la gloria, l’onore e il potere che gli appartengono. La parola ricevere è lambanō e significa prendere con la mano o afferrare qualsiasi persona o cosa per usarla. È prendere ciò che è proprio, prendere per sé o crearne uno.

Dio è degno di afferrare la gloria, l’onore e il potere che Gli appartengono comunque, perché è degno, e di usarli, per conformarli alla sua volontà, al suo scopo e alle sue intenzioni. Ecco tre modi in cui possiamo adorare oggi, al fine di prepararci per il paradiso.

1. Diamo gloria a Dio Padre
“Anche per questo motivo, Dio lo ha altamente esaltato e gli ha conferito il nome che è al di sopra di ogni nome, in modo che nel nome di Gesù ogni ginocchio si piegherà, di coloro che sono in cielo, sulla terra e sotto la terra, e che ogni lingua confesserà che Gesù Cristo è il Signore, a gloria di Dio Padre ”( Filippesi 2: 9-11 ).

Gloria [ doxa ] significa principalmente un’opinione o una stima. È il riconoscimento e la risposta all’esibizione dei Suoi attributi e modi. Diamo gloria a Dio quando abbiamo l’opinione e la comprensione corrette del suo carattere e dei suoi attributi. La gloria di Dio è la Sua reputazione; riconoscendo chi è, gli restituiamo la gloria che merita.

Romani 1: 18-32 descrive cosa succede quando gli uomini rifiutano Dio e rifiutano di dargli la gloria che Gli è dovuta. Invece di riconoscere il suo carattere e i suoi attributi, scelgono invece di adorare il mondo creato e in definitiva se stessi come dei. Il risultato è una discesa nella depravazione mentre Dio li consegna ai loro desideri peccaminosi. Recentemente il New York Times ha pubblicato una pubblicità a tutta pagina che dichiarava di fronte alla pandemia di coronavirus, non era Dio ciò che serviva, ma scienza e ragione. Il rifiuto della gloria di Dio ci porta a fare dichiarazioni sciocche e pericolose.

Come possiamo prepararci per il paradiso? Studiando il carattere di Dio e i Suoi attributi infiniti e immutabili descritti nella Scrittura e riconoscendoli e dichiarandoli a una cultura incredula. Dio è santo, onnipotente, onnisciente, onnipotente, onnipresente, giusto e giusto. È trascendente, esiste al di fuori delle nostre dimensioni di tempo e spazio. Lui solo definisce l’amore perché è amore. È autoesistente, non dipende da nessun altro potere o autorità esterno per la sua esistenza. È compassionevole, longanime, gentile, saggio, creativo, vero e fedele.

Lodate il Padre per quello che è. Date gloria a Dio.

2. Rendiamo onore al Figlio, Gesù Cristo
La parola tradotta come onore si riferisce a una valutazione in base alla quale viene fissato un prezzo; è un prezzo pagato o ricevuto per una persona o una cosa comprata o venduta. Onorare Gesù significa dare a Lui il valore corretto, riconoscendo il Suo vero valore. È l’onore e il valore inestimabile di Cristo; è la Sua preziosità, come la preziosa pietra angolare ( 1 Pietro 2: 7 ).

“Se vi rivolgete come Padre, Colui che giudica imparzialmente secondo il lavoro di ciascuno, comportatevi nella paura durante il tempo della vostra permanenza sulla terra; sapendo che non sei stato redento con cose deperibili come l’argento o l’oro dal tuo futile modo di vivere ereditato dai tuoi antenati, ma con sangue prezioso, come di un agnello senza macchia e senza macchia, il sangue di Cristo “( 1 Pietro 1: 17-19 ).

“Nemmeno il Padre giudica nessuno, ma ha dato ogni giudizio al Figlio, così che tutti onoreranno il Figlio proprio come onorano il Padre. Chi non onora il Figlio non onora il Padre che lo ha mandato ”( Giovanni 5: 22-23 ).

A causa del grande prezzo pagato per la nostra salvezza, comprendiamo il valore della nostra redenzione. Valutiamo tutto il resto della nostra vita rispetto al valore che diamo in Cristo. Più grande e più accurato “valutiamo” e comprendiamo il Suo valore, meno preziose saranno tutte le altre cose. Ci prendiamo cura di ciò che apprezziamo; lo onoriamo . Apprezziamo il sacrificio che Cristo ha fatto in nostro favore dalla profondità della santità della nostra vita. Se non diamo valore a Cristo, stimeremo impropriamente la profondità del nostro peccato. Penseremo con leggerezza al peccato e daremo per scontati la grazia e il perdono.

Cos’è nella nostra vita che dobbiamo rivalutare, soppesandolo contro il nostro desiderio di onorare soprattutto Cristo? Alcune cose che potremmo considerare sono la nostra reputazione, il nostro tempo, i nostri soldi, i nostri talenti, le nostre risorse e il nostro divertimento. Adoro Dio onorando Cristo? Quando gli altri osservano le mie scelte, le mie parole e le mie azioni, vedono una persona che onora Gesù o si interrogherebbero sulle mie priorità e sui miei valori?

3. Dare potere allo Spirito Santo
“E mi ha detto: ‘La mia grazia ti basta, perché la potenza è perfetta nella debolezza’. Molto volentieri, quindi, mi vanterò piuttosto delle mie debolezze, in modo che la potenza di Cristo possa dimorare in me ”( 2 Corinzi 12: 9 ).

Questo potere si riferisce al potere intrinseco di Dio che risiede in Lui in virtù della Sua natura. È lo sforzo della sua forza e capacità. Questo stesso potere è visto molte volte nella Scrittura . È il potere mediante il quale Gesù compì miracoli e gli apostoli predicarono il Vangelo e fecero anche miracoli per attestare la verità delle loro parole. È lo stesso potere con cui Dio ha risuscitato Gesù dai morti e un giorno risusciterà anche noi. È il potere del Vangelo per la salvezza.

Dare potere a Dio significa permettere allo Spirito di Dio di vivere, operare ed esercitare il Suo potere nelle nostre vite. Significa riconoscere il potere che abbiamo in virtù dello Spirito di Dio interiore e vivere nella vittoria, nel potere, nella fiducia e nella santità. È affrontare giorni incerti e “senza precedenti” con gioia e speranza perché ci avvicinano sempre di più al trono!

Cosa stai cercando di fare nella tua vita con le tue forze? Dove sei debole? Quali sono i luoghi della tua vita di cui hai bisogno per permettere allo Spirito di Dio di operare in te? Possiamo adorare Dio vedendo il Suo potere trasformare i nostri matrimoni, le relazioni familiari e educare i nostri figli a conoscere e amare Dio. Il suo potere ci consente di condividere il Vangelo in una cultura ostile. Personalmente, permettiamo allo Spirito di Dio di governare i nostri cuori e le nostre menti, trascorrendo del tempo in preghiera e studiando la parola di Dio. Più permettiamo a Dio di trasformare le nostre vite, più adoriamo Dio, prestando attenzione e lode al Suo potere.

Adoriamo Dio per quello che è, dandogli gloria.

Adoriamo Gesù per la sua preziosità, onorandolo sopra ogni cosa.

Adoriamo lo Spirito Santo per la sua potenza, poiché ci trasforma in manifestazioni visibili della gloria di Dio.

Prepararsi per l’adorazione eterna
“Ma noi tutti, a faccia scoperta, contemplando come in uno specchio la gloria del Signore, siamo trasformati nella stessa immagine di gloria in gloria, proprio come dal Signore, lo Spirito” ( 2 Corinzi 3:18 ).

Adoriamo Dio ora per prepararci all’adorazione eterna, ma anche affinché il mondo possa vedere chi è veramente Dio e rispondere dandogli gloria. Fare di Cristo una priorità nella nostra vita mostra agli altri come onorare e valutare Gesù come il loro tesoro più prezioso. Il nostro esempio di uno stile di vita santo e obbediente rivela che anche gli altri possono sperimentare il potere rigenerante e che cambia la vita dello Spirito Santo.

“Tu sei il sale della terra; ma se il sale è diventato insapore, come può essere reso nuovamente salato? Non serve più a niente, se non a essere buttato fuori e calpestato dagli uomini. Sei la luce del mondo. Una città posta su una collina non può essere nascosta; né alcuno accende una lampada e la mette sotto un cesto, ma sul candelabro, e dà luce a tutti quelli che sono nella casa. Fa che la tua luce risplenda davanti agli uomini in modo tale che possano vedere le tue buone opere e glorificare il Padre tuo che è nei cieli ”( Matteo 5: 13-16 ).

Ora, più che mai, il mondo ha bisogno di dare un’occhiata al Dio che adoriamo. In quanto seguaci di Cristo, abbiamo una prospettiva eterna: adoriamo Dio per sempre. La nostra nazione è piena di paura e caos; siamo un popolo diviso su molte cose e il nostro mondo ha bisogno di vedere chi è sul trono in paradiso. Adorate Dio oggi con tutto il cuore, l’anima, la mente e la forza, in modo che anche gli altri vedano la Sua gloria e desiderino adorarlo.

“In questo ti rallegri grandemente, anche se ora per un po ‘, se necessario, sei stato angosciato da varie prove, così che la prova della tua fede , essendo più preziosa dell’oro che è deperibile, anche se provata dal fuoco, possa si scopre che dà luogo a lode, gloria e onore alla rivelazione di Gesù Cristo; e sebbene non lo abbiate visto, lo amate, e sebbene non lo vediate ora, ma crediate in lui, gioite grandemente con una gioia inesprimibile e piena di gloria ”( 1 Pietro 1: 6-8 ).