Crea sito

Il Vaticano estende l’indulgenza plenaria per i morti per tutto novembre

Il Vaticano ha esteso la disponibilità di alcune indulgenze plenarie per le anime del Purgatorio, tra le preoccupazioni di evitare grandi raduni di persone nelle chiese o nei cimiteri e inclusi quelli confinati a casa a causa della pandemia.

Secondo un decreto del 23 ottobre, alcuni atti indulgenti, che possono aiutare a rimettere la pena temporale dovuta al peccato per coloro che sono morti in grazia, possono essere ottenuti durante tutto il mese di novembre 2020.

Il decreto è stato firmato dal cardinale Mauro Piacenza, penitenziario maggiore della Penitenzieria Apostolica.

In un’intervista a Vatican News, Piacenza ha affermato che i vescovi avevano richiesto un periodo di tempo prolungato per l’indulgenza plenaria, considerando l’importanza della commemorazione delle feste di Ognissanti il ​​1 novembre e di Ognissanti il ​​2 novembre.

Nell’intervista, Piacenza ha affermato che, sebbene la disponibilità della messa in streaming in diretta sia stata buona per gli anziani che non possono partecipare alla liturgia di persona, “alcune persone si sono un po ‘abituate alle celebrazioni in televisione”.

Questo “può segnare un certo disinteresse per la presenza nelle celebrazioni [liturgiche]”, ha detto. “C’è quindi una ricerca da parte dei vescovi di attuare tutte le soluzioni possibili per riportare le persone alla Chiesa, rispettando sempre tutto ciò che deve essere fatto per la situazione particolare in cui purtroppo ci troviamo”.

Piacenza ha anche sottolineato l’importanza della disponibilità dei sacramenti durante le feste di Ognissanti e di tutte le anime, che per alcuni paesi possono avere un’alta frequenza e partecipazione sacramentale.

Con il nuovo decreto del penitenziario, coloro che non possono uscire di casa possono ancora partecipare all’indulgenza, e altri possono avere più tempo per partecipare alla messa, ricevere il sacramento della confessione e visitare il cimitero, pur seguendo le misure locali del coronavirus sulla folla, Egli ha detto.

Il decreto ha anche incoraggiato i sacerdoti a rendere i sacramenti il ​​più ampiamente disponibili possibile nel mese di novembre.

“Per un più facile conseguimento della grazia divina attraverso la carità pastorale, questo penitenziario prega ardentemente che tutti i sacerdoti dotati delle facoltà appropriate si offrano con particolare generosità alla celebrazione del sacramento della Penitenza e all’amministrazione della Santa Comunione ai malati”, diceva il decreto .

Le indulgenze plenarie, che rimettono tutte le pene temporali dovute al peccato, devono essere accompagnate dal pieno distacco dal peccato.

Un cattolico che desideri ottenere un’indulgenza plenaria deve anche soddisfare le condizioni ordinarie di un’indulgenza, che sono la confessione sacramentale, la ricezione dell’Eucaristia e la preghiera per le intenzioni del papa. La confessione sacramentale e la ricezione dell’Eucaristia possono avvenire entro una settimana dall’atto di indulgenza.

Nel mese di novembre la Chiesa dispone di due mezzi tradizionali per ottenere l’indulgenza plenaria per le anime del Purgatorio. Il primo è visitare un cimitero e pregare per i morti durante l’Ottava di Ognissanti, che è l’1-8 novembre.

Quest’anno il Vaticano ha decretato che questa indulgenza plenaria può essere ottenuta in qualsiasi giorno di novembre.

La seconda indulgenza plenaria è collegata alla festa dei defunti il ​​2 novembre e può essere ricevuta da coloro che visitano devotamente una chiesa o un oratorio in quel giorno e recitano il Padre Nostro e il Credo.

Il Vaticano ha affermato che anche questa indulgenza plenaria è stata prorogata ed è a disposizione dei cattolici per tutto il mese di novembre per ridurre la folla.

Entrambe le indulgenze devono includere le tre condizioni ordinarie e il completo distacco dal peccato.

Il Vaticano ha anche affermato che, a causa dell’emergenza sanitaria, gli anziani, i malati e altri che non possono uscire di casa per gravi motivi possono partecipare all’indulgenza da casa recitando le preghiere per il defunto davanti a un’immagine di Gesù o della Vergine Maria .

Devono anche unirsi spiritualmente agli altri cattolici, essere completamente distaccati dal peccato e avere l’intenzione di soddisfare le condizioni ordinarie il prima possibile.

Il decreto del Vaticano offre esempi di preghiere che i cattolici costretti a casa possono pregare per i morti, comprese le lodi oi vespri dell’Ufficio per i morti, il rosario, la coroncina della Divina Misericordia, altre preghiere per i defunti tra i loro familiari o amici, o l’esecuzione di un’opera di misericordia offrendo a Dio il loro dolore e il loro disagio.

Il decreto diceva anche che “poiché le anime del Purgatorio sono aiutate dai suffragi dei fedeli e soprattutto dal sacrificio dell’Altare gradito a Dio … tutti i sacerdoti sono caldamente invitati a celebrare tre volte la Santa Messa nel giorno commemorazione di tutti i fedeli defunti, secondo la costituzione apostolica ” Incruentum altaris “, emanata da Papa Benedetto XV, di venerabile memoria, il 10 agosto 1915 “.

Piacenza ha detto che un altro motivo per cui chiedono ai sacerdoti di celebrare tre messe il 2 novembre è per consentire a più cattolici di poter partecipare.

“I sacerdoti sono anche esortati ad essere generosi nel ministero delle Confessioni e nel portare la Santa Comunione ai malati”, ha detto Piacenza. Ciò renderà più facile per i cattolici essere in grado di “offrire preghiere per i loro defunti, sentirli vicini, in breve, incontrare tutti questi nobili sentimenti che contribuiscono alla creazione della Comunione dei Santi”.