Crea sito

Il papa che indossa una maschera fa appello alla fraternità durante la preghiera interreligiosa

Parlando ai funzionari del governo italiano e ai leader religiosi durante una preghiera interreligiosa per la pace del martedì, Papa Francesco ha lanciato un appello alla fraternità come rimedio alla guerra e ai conflitti, insistendo che l’amore è ciò che crea spazio per la fratellanza.

“Abbiamo bisogno di pace! Più pace! Non possiamo restare indifferenti ”, ha detto il Papa durante un evento di preghiera ecumenica del 20 ottobre organizzato dalla comunità di Sant’Egidio, aggiungendo che“ oggi il mondo ha una profonda sete di pace ”.

Per la parte migliore dell’evento, Papa Francesco ha indossato una maschera come parte dei protocolli anti-Covid 19, qualcosa che in precedenza era stato visto fare solo nell’auto che lo ha traghettato da e per le apparenze. Il gesto è arrivato mentre una nuova ondata di infezioni sta montando in Italia, e dopo che quattro membri delle Guardie Svizzere sono risultati positivi al COVID-19.

“Il mondo, la vita politica e l’opinione pubblica corrono tutti il ​​rischio di abituarsi al male della guerra, come se fosse semplicemente una parte della storia umana”, ha detto, e ha indicato anche la difficile situazione dei rifugiati e degli sfollati. come vittime delle bombe atomiche e degli attacchi chimici, rilevando che l’impatto della guerra in molti luoghi è stato aggravato dalla pandemia di coronavirus.

“Mettere fine alla guerra è un dovere solenne davanti a Dio che spetta a tutti coloro che detengono responsabilità politiche. La pace è la priorità di tutta la politica ”, ha detto Francesco, insistendo sul fatto che“ Dio chiederà un resoconto di coloro che non sono riusciti a cercare la pace, o che hanno fomentato tensioni e conflitti. Li chiamerà per rendere conto di tutti i giorni, mesi e anni di guerra sopportati dai popoli del mondo! “

La pace deve essere perseguita da tutta la famiglia umana, ha detto, e ha pubblicizzato la fraternità umana – tema della sua ultima enciclica Fratelli Tutti , pubblicata il 4 ottobre festa di San Francesco d’Assisi – come rimedio.

“La fraternità, nata dalla consapevolezza che siamo un’unica famiglia umana, deve penetrare nella vita dei popoli, delle comunità, dei leader di governo e delle assemblee internazionali”, ha detto.

Papa Francesco è intervenuto durante una giornata mondiale di preghiera per la pace organizzata da Sant’Egidio, il favorito del papa dei cosiddetti “nuovi movimenti”.

Intitolato “Nessuno si salva da solo – Pace e fraternità”, l’evento di martedì è durato circa due ore e consisteva in un servizio di preghiera interreligioso tenuto presso la Basilica di Santa Maria in Aracoeli, seguito da una breve processione fino a Piazza del Campidoglio a Roma, dove sono stati pronunciati discorsi ed è stato presentato un “Appello per la Pace Roma 2020” firmato da tutti i leader religiosi presenti.

All’evento hanno partecipato i leader di varie comunità religiose a Roma e all’estero, tra cui il Patriarca ecumenico Bartolomeo I di Costantinopoli. Erano presenti anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Virginia Raggi, sindaco di Roma, e il presidente di Sant’Egidio, il laico italiano Andrea Riccardi.

È la seconda volta che Papa Francesco partecipa a una giornata di preghiera per la pace organizzata da Sant’Egidio, la prima delle quali è stata ad Assisi nel 2016. Nel 1986 San Giovanni Paolo II ha visitato Perugia e Assisi per la Giornata Mondiale di Preghiera per la Pace. Sant’Egidio celebra ogni anno dal 1986 la giornata di preghiera per la pace.

Nella sua omelia, Papa Francesco ha fatto riferimento alle tante voci che gridano a Gesù di salvarsi mentre pende dalla croce, insistendo sul fatto che questa è una tentazione che “non risparmia nessuno, compresi noi cristiani”.

“Concentrarci solo sui nostri problemi e interessi, come se nient’altro avesse importanza. È un istinto molto umano, ma sbagliato. Fu l’ultima tentazione del Dio crocifisso ”, ha detto, sottolineando che coloro che insultavano Gesù lo facevano per vari motivi.

Mise in guardia dall’avere un’idea sbagliata di Dio, preferendo un “dio operante a meraviglia a uno che è compassionevole”, e condannò l’atteggiamento dei sacerdoti e degli scribi che non apprezzavano ciò che Gesù faceva per gli altri, ma volevano che guardasse fuori per lui stesso. Ha anche indicato i ladri, che hanno chiesto a Gesù di salvarli dalla croce, ma non necessariamente dal peccato.

Le braccia tese di Gesù sulla croce, ha detto Papa Francesco, “segnano la svolta, perché Dio non punta il dito contro nessuno, ma invece abbraccia tutti”.

Dopo l’omelia del papa, i presenti hanno osservato un momento di silenzio in memoria di tutti coloro che sono morti a causa della guerra o dell’attuale pandemia di coronavirus. Poi è stata fatta una preghiera speciale durante la quale sono stati menzionati i nomi di tutti i paesi in guerra o in conflitto e una candela accesa in segno di pace.

Al termine degli interventi nella seconda parte della giornata è stato letto ad alta voce l ‘“Appello per la pace” di Roma 2020. Una volta letto l’appello, ai bambini sono state consegnate copie del testo, che hanno poi portato ai vari ambasciatori e rappresentanti politici presenti.

Nell’appello i vertici notavano che proprio sul Campidoglio di Roma, dove si svolse l’evento, fu firmato nel 1957 il Trattato di Roma, che istituì la Comunità Economica Europea (CEE), precursore dell’Unione Europea.

“Oggi, in questi tempi incerti, mentre sentiamo gli effetti della pandemia Covid-19 che minaccia la pace aggravando le disuguaglianze e la paura, affermiamo con fermezza che nessuno può essere salvato da solo: nessun popolo, nessun singolo individuo!”, Hanno detto .

“Prima che sia troppo tardi, vorremmo ricordare a tutti che la guerra lascia sempre il mondo peggio di quanto non fosse”, hanno detto, definendo la guerra un “fallimento della politica e dell’umanità” e chiedendo ai leader del governo di “rifiutare il linguaggio della divisione, spesso basato sulla paura e la sfiducia, e per evitare di intraprendere percorsi senza ritorno “.

Hanno esortato i leader mondiali a guardare alle vittime e li hanno esortati a lavorare insieme “per creare una nuova architettura di pace” promuovendo l’assistenza sanitaria, la pace e l’istruzione, e deviando i fondi utilizzati per creare armi e spenderli invece nella “cura dell’umanità e la nostra casa comune. “

Papa Francesco durante il suo discorso ha sottolineato che il motivo per riunirsi era “per inviare un messaggio di pace” e per “mostrare chiaramente che le religioni non vogliono la guerra e, anzi, rinnegare coloro che consacrano la violenza”.

A tal fine, ha elogiato le pietre miliari della fraternità come il documento sulla fratellanza umana per il mondo

Quello che chiedono i leader religiosi, ha detto, è che “tutti preghino per la riconciliazione e si sforzino di consentire alla fraternità di aprire nuove strade di speranza. Infatti, con l’aiuto di Dio, sarà possibile costruire un mondo di pace e quindi essere salvati insieme “.