Crea sito

Il cardinale Bassetti è uscito dalla terapia intensiva, rimane in condizioni critiche con COVID-19

Il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza episcopale italiana, è leggermente migliorato ed è stato trasferito fuori dall’ICU, ma rimane in condizioni critiche da quando ha contratto COVID-19 , ha detto venerdì pomeriggio il suo vescovo ausiliare.

“Accogliamo con favore la notizia che il nostro cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti ha lasciato il reparto di terapia intensiva” dell’ospedale di Santa Maria della Misericordia “, ha detto il vescovo ausiliare Marco Salvi di Perugia, nel nord Italia. Tuttavia, ha avvertito che le condizioni del cardinale “sono ancora gravi e richiedono un coro di preghiere”.

Nella prima giornata di venerdì, il bollettino quotidiano dell’ospedale ha riportato un “lieve miglioramento” delle condizioni di Bassetti, ma ha avvertito che “il quadro clinico rimane grave e il cardinale necessita di un monitoraggio costante e di cure adeguate”.

L’arcivescovo di Perugia, 78 anni, scelto da Papa Francesco per guidare la Conferenza episcopale italiana nel maggio 2017, è stato diagnosticato il Covid-19 il 28 ottobre ed è stato ricoverato in ospedale il 3 novembre in condizioni molto gravi. Fu ricoverato in “Terapia Intensiva 2” presso l’ospedale di Perugia.

Dopo che le sue condizioni sono peggiorate, il 10 novembre Papa Francesco ha chiamato il vescovo Salvi, che ha anche contratto il COVID19 ma rimane asintomatico, per chiedere informazioni sulle condizioni del cardinale e offrire le sue preghiere.

Nonostante il lieve miglioramento e il fatto che il cardinale sia sveglio e consapevole, “è necessario continuare incessantemente nella preghiera per il nostro pastore, per tutti i malati e per gli operatori sanitari che si prendono cura di loro”, ha detto Salvi. “A questi diamo il nostro sentito ringraziamento e apprezzamento per ciò che fanno ogni giorno per alleviare la sofferenza di tanti pazienti”