Mepụta saịtị

San Pio da Pietrelcina, Saint nke ụbọchị 23 Septemba

(25 maggio 1887-23 settembre 1968)

Storia di San Pio da Pietrelcina
In una delle più grandi cerimonie di questo tipo nella storia, Papa Giovanni Paolo II ha canonizzato Padre Pio da Pietrelcina il 16 giugno 2002. Era la 45a cerimonia di canonizzazione del pontificato di Papa Giovanni Paolo II. Più di 300.000 persone hanno sfidato il caldo torrido mentre riempivano Piazza San Pietro e le strade vicine. Hanno sentito il Santo Padre lodare il nuovo santo per la sua preghiera e carità. “Questa è la sintesi più concreta dell’insegnamento di Padre Pio”, ha detto il papa. Ha anche sottolineato la testimonianza di Padre Pio al potere della sofferenza. Se accolta con amore, ha sottolineato il Santo Padre, tale sofferenza può portare a “un cammino privilegiato di santità”.

Molte persone si sono rivolte al francescano cappuccino italiano per intercedere presso Dio in loro favore; tra loro c’era il futuro Papa Giovanni Paolo II. Nel 1962, quando era ancora arcivescovo in Polonia, scrisse a Padre Pio e gli chiese di pregare per una donna polacca con un cancro alla gola. Nel giro di due settimane era guarita dalla sua malattia pericolosa per la vita.

Nato Francesco Forgione, Padre Pio è cresciuto in una famiglia di contadini nel sud Italia. Suo padre ha lavorato due volte in Jamaica, New York, per provvedere al reddito familiare.

All’età di 15 anni Francesco si unì ai Cappuccini e prese il nome di Pio. Fu ordinato sacerdote nel 1910 e fu arruolato durante la prima guerra mondiale. Dopo che fu scoperto di avere la tubercolosi, fu dimesso. Nel 1917 fu assegnato al convento di San Giovanni Rotondo, a 120 km dalla città di Bari sull’Adriatico.

Il 20 settembre 1918, mentre stava rendendo il suo ringraziamento dopo la messa, Padre Pio ebbe una visione di Gesù. Quando la visione finì, aveva le stimmate nelle mani, nei piedi e nel fianco.

La vita è diventata più complicata dopo. Medici, autorità ecclesiastiche e curiosi vennero a trovare Padre Pio. Nel 1924, e di nuovo nel 1931, fu messa in dubbio l’autenticità delle stimmate; A Padre Pio non era permesso celebrare la Messa pubblicamente o ascoltare confessioni. Non si è lamentato di queste decisioni, che sono state presto revocate. Tuttavia, non scrisse lettere dopo il 1924. Il suo unico altro scritto, un opuscolo sull’agonia di Gesù, fu fatto prima del 1924.

Padre Pio lasciava raramente il convento dopo aver ricevuto le stimmate, ma ben presto iniziarono a venire a trovarlo autobus di gente. Ogni mattina, dopo una messa delle 5 del mattino in una chiesa affollata, ascoltava le confessioni fino a mezzogiorno. Si è preso una pausa di metà mattina per benedire i malati e tutti coloro che sono venuti a trovarlo. Ogni pomeriggio ascoltava anche le confessioni. Col tempo il suo ministero confessionale avrebbe richiesto 10 ore al giorno; i penitenti dovevano prendere un numero in modo che la situazione potesse essere gestita. Molti di loro hanno detto che Padre Pio conosceva dettagli della loro vita che non avevano mai menzionato.

Padre Pio vide Gesù in tutti i malati e sofferenti. Su sua richiesta, fu costruito un bell’ospedale sul vicino monte Gargano. L’idea è nata nel 1940; un comitato ha iniziato a raccogliere denaro. Il terreno è stato demolito nel 1946. La costruzione dell’ospedale è stata una meraviglia tecnica a causa della difficoltà di procurarvi l’acqua e di trasportare i materiali da costruzione. Questa “Casa per alleviare la sofferenza” dispone di 350 posti letto.

Diverse persone hanno riferito di guarigioni che ritengono siano state ricevute per intercessione di Padre Pio. Quelli che assistevano alle sue messe se ne andavano edificati; molti curiosi sono rimasti profondamente commossi. Come San Francesco, a volte Padre Pio aveva l’abito strappato o tagliato dai cacciatori di souvenir.

Una delle sofferenze di Padre Pio fu che persone senza scrupoli fecero circolare più volte profezie che sostenevano provenissero da lui. Non ha mai fatto profezie sugli eventi mondiali e non ha mai espresso un’opinione su questioni che riteneva spettassero alle autorità della Chiesa per decidere. Morì il 23 settembre 1968 e fu beatificato nel 1999.

Ntughari
Riferendosi al Vangelo di quel giorno (Matteo 11: 25-30) nella Messa di canonizzazione di Padre Pio nel 2002, San Giovanni Paolo II disse: “L’immagine evangelica del ‘giogo’ evoca le tante prove che l’umile cappuccino di San Giovanni Rotondo ha dovuto sopportare. Oggi contempliamo in lui quanto sia dolce il “giogo” di Cristo e quanto siano leggeri i pesi ogni volta che qualcuno li porta con fedele amore. La vita e la missione di Padre Pio testimoniano che difficoltà e dolori, se accolti con amore, si trasformano in un cammino privilegiato di santità, che apre la persona verso un bene più grande, conosciuto solo dal Signore ”.

Lascia un commento

Adreesị email gị agaghị ebipụta.