Mepụta saịtị

Saint Paul VI, Saint nke ụbọchị 26 Septemba

(26 settembre 1897-6 agosto 1978)

Storia di San Paolo VI
Nato vicino a Brescia, nel nord Italia, Giovanni Battista Montini era il secondo di tre figli. Suo padre, Giorgio, era un avvocato, editore e alla fine un membro della Camera dei deputati italiana. Sua madre, Giuditta, era molto impegnata nell’Azione Cattolica.

Dopo l’ordinazione sacerdotale nel 1920, Giovanni si è laureato in lettere, filosofia e diritto canonico a Roma prima di entrare a far parte della Segreteria di Stato vaticana nel 1924, dove ha lavorato per 30 anni. Fu anche cappellano della Federazione degli studenti universitari cattolici italiani, dove incontrò e divenne un ottimo amico di Aldo Moro, che alla fine divenne primo ministro. Moro fu rapito dalle Brigate Rosse nel marzo 1978 e assassinato due mesi dopo. Un Papa Paolo VI devastato ha presieduto il suo funerale.

Nel 1954, p. Montini è stato nominato arcivescovo di Milano, dove ha cercato di riconquistare i lavoratori disamorati alla Chiesa cattolica. Si autodefiniva “l’arcivescovo dei lavoratori” e visitava regolarmente le fabbriche mentre sovrintendeva alla ricostruzione di una chiesa locale tremendamente sconvolta dalla seconda guerra mondiale.

Nel 1958 Montini fu il primo dei 23 cardinali nominati da papa Giovanni XXIII, due mesi dopo l’elezione di quest’ultimo a papa. Il cardinale Montini ha contribuito alla preparazione del Vaticano II e ha partecipato con entusiasmo alle sue prime sessioni. Quando fu eletto papa nel giugno 1963, decise immediatamente di continuare quel Concilio, che aveva altre tre sessioni prima della sua conclusione l’8 dicembre 1965. Il giorno prima della conclusione del Vaticano II, Paolo VI e il Patriarca Atenagora revocarono le scomuniche dei loro predecessori fatto nel 1054. Il papa ha lavorato molto duramente per garantire che i vescovi approvassero i 16 documenti del Concilio a maggioranza schiacciante.

Paolo VI aveva sbalordito il mondo visitando la Terra Santa nel gennaio 1964 e incontrando di persona Atenagora, il Patriarca ecumenico di Costantinopoli. Il papa ha fatto altri otto viaggi internazionali, di cui uno nel 1965, per visitare New York City e parlare a favore della pace davanti all’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Ha anche visitato l’India, la Colombia, l’Uganda e sette paesi asiatici durante un tour di 10 giorni nel 1970.

Sempre nel 1965 istituì il Sinodo mondiale dei vescovi e l’anno successivo decretò che i vescovi dovessero offrire le loro dimissioni al raggiungimento dei 75 anni. Nel 1970 decise che i cardinali con più di 80 anni non avrebbero più votato nei conclavi papali o capo del maggiore della Santa Sede. uffici. Aveva aumentato notevolmente il numero dei cardinali, dando a molti paesi il loro primo cardinale. Stabilendo infine relazioni diplomatiche tra la Santa Sede e 40 paesi, istituì anche una missione di osservatore permanente presso le Nazioni Unite nel 1964. Paolo VI scrisse sette encicliche; la sua ultima nel 1968 sulla vita umana – Humanae Vitae – proibì il controllo delle nascite artificiale.

Papa Paolo VI morì a Castel Gandolfo il 6 agosto 1978, e fu sepolto nella Basilica di San Pietro. È stato beatificato il 19 ottobre 2014 e canonizzato il 14 ottobre 2018.

Ntughari
Il più grande risultato di Papa San Paolo è stato il completamento e l’attuazione del Vaticano II. Le sue decisioni sulla liturgia furono le prime notate dalla maggior parte dei cattolici, ma i suoi altri documenti – specialmente quelli sull’ecumenismo, le relazioni interreligiose, la rivelazione divina, la libertà religiosa, l’autocomprensione della Chiesa e il lavoro della Chiesa con l’intera famiglia umana – sono diventati la road map della Chiesa cattolica dal 1965.

Lascia un commento

Adreesị email gị agaghị ebipụta.