Mepụta saịtị

San Lorenzo Ruiz na ndị enyi, Saint of the day maka 22 Septemba

(1600-29 o 30 settembre 1637)

San Lorenzo Ruiz e la storia dei compagni
Lorenzo è nato a Manila da padre cinese e madre filippina, entrambi cristiani. Così imparò il cinese e il tagalog da loro, e lo spagnolo dai domenicani, che servì come chierichetto e sacrestano. Divenne un calligrafo professionista, trascrivendo documenti con una bella calligrafia. Era un membro a pieno titolo della Confraternita del Santo Rosario sotto gli auspici domenicani. Si è sposato e ha avuto due figli e una figlia.

La vita di Lorenzo ha preso una svolta improvvisa quando è stato accusato di omicidio. Non si sa altro, tranne la dichiarazione di due domenicani secondo cui “è stato cercato dalle autorità a causa di un omicidio a cui era presente o che gli è stato attribuito”.

A quel tempo, tre sacerdoti domenicani, Antonio Gonzalez, Guillermo Courtet e Miguel de Aozaraza, stavano per salpare per il Giappone nonostante una violenta persecuzione. Con loro c’erano un prete giapponese, Vicente Shiwozuka de la Cruz, e un laico di nome Lazaro, un lebbroso. Lorenzo, avendo preso asilo con loro, è stato autorizzato ad accompagnarli. Ma solo quando erano in mare ha saputo che stavano andando in Giappone.

Sono atterrati a Okinawa. Lorenzo sarebbe potuto andare a Formosa, ma, ha riferito, “ho deciso di restare con i Padri, perché gli spagnoli mi avrebbero impiccato lì”. In Giappone furono presto scoperti, arrestati e portati a Nagasaki. Il luogo dello spargimento di sangue all’ingrosso quando la bomba atomica fu sganciata aveva già conosciuto una tragedia. I 50.000 cattolici che un tempo vivevano lì furono dispersi o uccisi dalla persecuzione.

Sono stati sottoposti a una specie di tortura indicibile: dopo che enormi quantità di acqua sono stati spinti giù per la gola, sono stati fatti sdraiare. Le assi lunghe venivano poste sullo stomaco e le guardie venivano quindi calpestate sulle estremità delle assi, costringendo l’acqua a sgorgare violentemente dalla bocca, dal naso e dalle orecchie.

Il superiore, p. Gonzalez, è morto dopo alcuni giorni. Entrambi p. Shiwozuka e Lazaro si ruppero sotto la tortura, che includeva l’inserimento di aghi di bambù sotto le unghie. Ma entrambi furono riportati al coraggio dai loro compagni.

Nel momento di crisi di Lorenzo, ha chiesto all’interprete: “Vorrei sapere se, apostatando, mi risparmieranno la vita”. L’interprete non si è impegnato, ma nelle ore successive Lorenzo ha sentito crescere la sua fede. È diventato audace, persino audace, con i suoi interrogatori.

I cinque furono messi a morte impiccati a testa in giù nelle fosse. Tavole dotate di fori semicircolari sono state montate intorno alla vita e delle pietre poste sopra per aumentare la pressione. Erano strettamente legati, per rallentare la circolazione e prevenire una morte rapida. Sono stati autorizzati a rimanere impiccati per tre giorni. A quel punto Lorenzo e Lazaro erano morti. Ancora vivi, i tre sacerdoti furono poi decapitati.

Nel 1987, Papa Giovanni Paolo II ha canonizzato questi sei e altri 10: asiatici ed europei, uomini e donne, che hanno diffuso la fede nelle Filippine, a Formosa e in Giappone. Lorenzo Ruiz è il primo martire filippino canonizzato. La Festa Liturgica di San Lorenzo Ruiz e Compagni è il 28 settembre.

Ntughari
Noi comuni cristiani di oggi, come resisteremmo alle circostanze che questi martiri hanno affrontato? Simpatizziamo con i due che hanno temporaneamente negato la fede. Comprendiamo il terribile momento di tentazione di Lorenzo. Ma vediamo anche il coraggio – inspiegabile in termini umani – che scaturì dalla loro riserva di fede. Il martirio, come la vita ordinaria, è un miracolo di grazia.