Mepụta saịtị

San Girolamo, Saint nke ụbọchị 30 Septemba

(345-420)

La storia di San Girolamo
La maggior parte dei santi viene ricordata per qualche virtù o devozione eccezionale che praticavano, ma Girolamo è spesso ricordato per il suo cattivo umore! È vero che aveva un pessimo carattere e sapeva usare una penna al vetriolo, ma il suo amore per Dio e per suo figlio Gesù Cristo era straordinariamente intenso; chi insegnava l’errore era nemico di Dio e della verità, e san Girolamo lo inseguiva con la sua penna potente e talvolta sarcastica.

Era soprattutto uno studioso della Scrittura, traducendo la maggior parte dell’Antico Testamento dall’ebraico. Girolamo scrisse anche commentari che sono una grande fonte di ispirazione scritturale per noi oggi. Era uno studente avido, uno studioso completo, un prodigioso scrittore di lettere e un consulente di monaci, vescovi e papa. Sant’Agostino disse di lui: “Ciò di cui Girolamo ignora, nessun mortale lo ha mai saputo”.

San Girolamo è particolarmente importante per aver fatto una traduzione della Bibbia che venne chiamata Vulgata. Non è l’edizione più critica della Bibbia, ma la sua accettazione da parte della Chiesa è stata fortunata. Come dice uno studioso moderno, “Nessun uomo prima di Girolamo o tra i suoi contemporanei e pochissimi uomini per molti secoli dopo erano così ben qualificati per svolgere il lavoro”. Il Concilio di Trento ha chiesto una nuova e corretta edizione della Vulgata e l’ha dichiarata il testo autentico da utilizzare nella Chiesa.

Per poter svolgere un simile lavoro, Jerome si è preparato bene. Era un maestro di latino, greco, ebraico e caldeo. Ha iniziato i suoi studi nella sua città natale, Stridon in Dalmazia. Dopo la sua formazione preliminare, andò a Roma, il centro di apprendimento in quel momento, e da lì a Treviri, in Germania, dove lo studioso era molto in evidenza. Ha trascorso diversi anni in ogni luogo, cercando sempre di trovare i migliori insegnanti. Una volta ha servito come segretario privato di papa Damaso.

Dopo questi studi preparatori, ha viaggiato molto in Palestina, segnando ogni punto della vita di Cristo con uno sfogo di devozione. Mistico com’era, trascorse cinque anni nel deserto della Calcide per dedicarsi alla preghiera, alla penitenza e allo studio. Infine, si stabilì a Betlemme, dove visse nella grotta che si credeva fosse il luogo di nascita di Cristo. Girolamo morì a Betlemme e i resti del suo corpo giacciono ora sepolti nella Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma.

Ntughari
Jerome era un uomo forte e schietto. Aveva le virtù e gli spiacevoli frutti di essere un critico senza paura e tutti i soliti problemi morali di un uomo. Non era, come qualcuno ha detto, un ammiratore della moderazione sia in virtù che contro il male. Era pronto all’ira, ma anche pronto a provare rimorso, ancora più grave per i suoi difetti che per quelli degli altri. Si dice che un papa abbia osservato, vedendo un’immagine di Girolamo che si colpisce il petto con una pietra, “Fai bene a portare quella pietra, perché senza di essa la Chiesa non ti avrebbe mai canonizzato”

Lascia un commento

Adreesị email gị agaghị ebipụta.