Mepụta saịtị

Ihe ọ pụtara ịrara onwe ya nye Meri bụ: ịchọpụta ofufe a ga-achọpụta na ọnwa Mee a

Consacrarsi alla Madonna” vuol dire accoglierla come vera madre, sull’esempio di Giovanni, perché lei per prima prende sul serio la sua maternità su di noi.

Odudoro nsọ ahụ nye Meri nwere ezigbo akụkọ mgbe ochie, ọbụlagodi na ọ na-etolite ma na-emewanye n'oge a.

Il primo ad usare l’espressione “consacrazione a Maria” è stato San Giovanni Damasceno, già nella prima metà del sec. VIII. E in tutto il Medioevo era una gara di Città e Comuni che “si offrivano” alla Vergine, spesso presentandole le chiavi della Città in suggestive cerimonie. Ma è nel sec. XVII che iniziarono le grandi consacrazioni nazionali: la Francia nel 1638, il Portogallo nel 1644, l’Austria nel 1647, la Polonia nel 1656… [L’Italia arriva tardi, nel 1959, anche perché non aveva ancora raggiunto l’unità al tempo delle consacrazioni nazionali].

Mana ọ bụ ọkachasị mgbe Apparition nke Fatima mere ka edobere ọtụtụ ndị ọzọ anya: anyị na-echeta ido ụwa, nke Pius XII kwupụtara na 1942, nke ndị Rọshịa na-esote na 1952, site n'aka otu Pontiff.

Ọtụtụ ndị ọzọ sooro, ọkachasị n'oge nke Peregrinatio Mariae, nke fọrọ nke nta ka ọ gwụchaa mgbe inyefe Madonna nsọ.

Giovanni Paolo II, il 25 Marzo 1984, rinnova la consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria, in unione con tutti i Vescovi dell’orbe che il giorno precedente, nelle loro Diocesi, avevano pronunciato le stesse parole di consacrazione: la formula scelta iniziava con l’espressione della più antica preghiera mariana: “Sotto la tua protezione ci rifuggiamo…”, che è una forma collettiva di affidamento alla Vergine da parte del popolo dei credenti.

Isi echiche nke ido-nsọ

Mkpesa bụ usoro dị mgbagwoju anya, nke dị iche iche na ọnọdụ dị iche iche: ọ bụ ihe ọzọ mgbe onye kwere ekwe na-edo Onwe ya nsọ, na-ewere ọrụ ndị a kapịrị ọnụ, ọzọ bụ mgbe ọ na-edo ndị mmadụ nsọ, mba dum ma ọ bụ ọbụna mmadụ.

La consacrazione individuale è teologicamente ben spiegata da San Luigi Maria Grignion de Montfort, del quale il Papa, con quel suo motto del “Totus tuus” [desunto dallo stesso Montfort, che a sua volta lo aveva preso da San Bonaventura], è il primo ‘modello’.

Otu aka nke Montfort kwuputara ihe abuo na akwali anyi ime ya:

1) Agwara ayi ihe mbu site na ihe nlere nke Nna, Onye nyere anyi Jisos site na Meri, nyefee ya n'aka ya. Ọ na-eso na nraranye na-ahụta na ịbụ nne nke nwanyị na-amaghị nwoke, na-agbaso ihe atụ nke nhọrọ Nna, bụ ihe mbụ mere iji doo ya nsọ.

2) Il secondo motivo è quello dell’esempio dello stesso di Gesù, Sapienza incarnata. Egli si è affidato a Maria non solo per avere da lei la vita del corpo, ma per essere da lei “educato”, crescendo “in età, sapienza e grazia”.

“Consacrarsi alla Madonna” vuol dire, in sostanza, accoglierla come vera madre nella nostra vita, sull’esempio di Giovanni, perché lei per prima prende sul serio la sua maternità su di noi: ci tratta da figli, ci ama da figli, ci provvede tutto come a figli.

N’aka nke ọzọ, ịnabata Meri dị ka nne pụtara ịnabata ndị ụka dịka nne [n'ihi na Meri bụ nne nke ụka]; ọ pụtakwara ịnabata ụmụnne anyị na nke mmadụ [n'ihi na ha niile bụ ụmụ nke nne na-ahụkarị ụmụ mmadụ].

Isi echiche nke ido onwe anyi nye Meri dabere na eziokwu ya na Madonna anyi choro iwulite ezi nne na nne na nne: nihi na nne bu akuku nke ndu anyi, anyi achoghikwa ya ma anyi achoghi ya. chọrọ n'ihi na enwere ihe ị ga - ajụ…

Yabụ, mgbe ahụ, ịdo ihe nsọ bụ omume nke ya nke abụghị njedebe n'onwe ya, mana nkwa nke a gharịrị ibi kwa ụbọchị, anyị na - amụta - n'okpuru ndụmọdụ nke Montfort - iwere nzọụkwụ mbụ nke ọ gụnyere: mee ihe niile ya na Maria. Ndụ ime mmụọ anyị ga-erite uru na ya.