Mepụta saịtị

Pope Francis na-ekpe ekpere maka 'ịgba akaebe nke ebere', onye ụkọchukwu Katọlik gburu na Italy

Pope Francis na Wednesde duru obere oge ikpe ekpere maka Fr. Roberto Malgesini, onye ụkọchukwu dị afọ 51 nke amaburu ọnwụ na Como, Italy na Septemba 15.

“Mi unisco al dolore e alle preghiere dei suoi familiari e della comunità comasca e, come ha detto il suo vescovo, lodo Dio per la testimonianza, cioè per il martirio, di questa testimonianza di carità verso i più poveri”, ha detto Papa Francesco all’udienza generale il 16 settembre.

Malgesini era noto per la sua cura per i senzatetto e i migranti nella diocesi dell’Italia settentrionale. È stato ucciso martedì vicino alla sua parrocchia, la chiesa di San Rocco, da uno dei migranti che aiutava.

Mgbe ọ na-agwa ndị njem ala nsọ na Vatican San Damaso ogige, popu chetara na e gburu Malgesini "onye nọ na mkpa onye ya onwe ya nyere aka, onye nwere isi mgbaka".

N'ịkwụsịtụ oge ikpe ekpere n'ime obi, ọ gwara ndị nọ ya ka ha kpee ekpere maka Fr. Roberto na maka “ndị ụkọchukwu niile, ndị nọn, ndị nkịtị bụ ndị na-arụ ọrụ na ndị nọ na mkpa na ndị otu jụrụ ajụ”.

Nella sua catechesi dell’udienza generale, Papa Francesco ha affermato che lo sfruttamento della creazione di Dio nella natura e lo sfruttamento delle persone sono andati di pari passo.

“C’è una cosa che non dobbiamo dimenticare: chi non sa contemplare la natura e la creazione non sa contemplare le persone nella loro ricchezza”, ha detto. “Chiunque viva per sfruttare la natura finisce per sfruttare le persone e trattarle come schiavi”.

Papa Francesco è intervenuto durante la sua terza udienza generale per includere la presenza di pellegrini dall’inizio della pandemia di coronavirus.

Ha continuato la sua catechesi sul tema della guarigione del mondo dopo la pandemia di coronavirus, riflettendo su Genesi 2:15: “Il Signore Dio ha poi preso l’uomo e lo ha stabilito nel giardino di Eden, per coltivarlo e prendersene cura”.

Francesco gosipụtara ọdịiche dị n'etiti ịrụ ọrụ ala ahụ ibi na ịzụlite ya na nrigbu.

“Sfruttare la creazione: questo è peccato”, ha affermato.

Secondo il papa, un modo per coltivare il giusto atteggiamento e approccio alla natura è “recuperare la dimensione contemplativa”.

“Quando contempliamo, scopriamo negli altri e nella natura qualcosa di molto più grande della loro utilità”, ha spiegato. “Scopriamo il valore intrinseco delle cose conferite loro da Dio”.

“Questa è una legge universale: se non sai contemplare la natura, sarà molto difficile per te saper contemplare le persone, la bellezza delle persone, tuo fratello, tua sorella”, ha detto.

Ha notato che molti insegnanti spirituali hanno insegnato come la contemplazione del cielo, della terra, del mare e delle creature ha la capacità di “riportarci al Creatore e alla comunione con il creato”.

Papa Francesco ha anche fatto riferimento a sant’Ignazio di Loyola, che, al termine dei suoi esercizi spirituali, invita le persone a fare “la contemplazione per raggiungere l’amore”.

Questo è, ha spiegato il papa, “considerare come Dio guarda le sue creature e gioire con loro; scoprire la presenza di Dio nelle sue creature e, con libertà e grazia, amarle e prendersene cura “.

La contemplazione e la cura sono due atteggiamenti che aiutano a “correggere e riequilibrare il nostro rapporto di esseri umani con il creato”, ha aggiunto.

Ha descritto questa relazione come “fraterna”, in senso figurato.

Questo rapporto con la creazione ci aiuta a diventare “guardiani della casa comune, guardiani della vita e guardiani della speranza”, ha detto. “Custodiremo l’eredità che Dio ci ha affidato in modo che le generazioni future possano goderne”.