Crea sito

Giudaismo: qual è il significato di Shomer?

Se hai mai sentito qualcuno dire che sono shomer Shabbat , potresti chiederti cosa significhi esattamente. La parola shomer (שומר, shomrim plurale, שומרים) deriva dalla parola ebraica shamar (שמר) e significa letteralmente custodire, guardare o preservare. Viene spesso usato per descrivere le azioni e le osservanze di qualcuno nella legge ebraica, sebbene sia usato come nome nella moderna lingua ebraica per descrivere la professione di guardia (ad esempio, è una guardia museale).

Ecco alcuni degli esempi più comuni sull’uso di shomer:

Se una persona mantiene kosher, viene chiamata shomer kashrut , nel senso che segue la vasta gamma di leggi dietetiche del giudaismo.
Qualcuno che è shomer Shabbat o shomer Shabbos osserva tutte le leggi e i comandamenti del Sabbath ebraico.
Il termine shomer negiah si riferisce a qualcuno che è attento alle leggi che riguardano astenersi dal contatto fisico con il sesso opposto.
Shomer nella legge ebraica
Inoltre, uno shomer nella legge ebraica ( halacha ) è un individuo che ha il compito di proteggere la proprietà o i beni di qualcuno. Le leggi dello shomer hanno origine in Esodo 22: 6-14:

(6) Se un uomo dà denaro o articoli al suo vicino per la custodia, e viene rubato dalla casa dell’uomo, se viene trovato il ladro, pagherà due volte. (7) Se il ladro non viene trovato, il proprietario della casa deve avvicinarsi ai giudici, [per giurare] di non aver messo la mano sulla proprietà del vicino. (8) Per ogni parola peccaminosa, per un toro, per un asino, per un agnello, per un indumento, per qualsiasi articolo smarrito, riguardo al quale dirà che è così, il motivo di entrambe le parti i giudici, [e] chiunque i giudici dichiarino colpevoli, dovrà pagare due volte al suo vicino. (9) Se un uomo dà al suo vicino un asino, un toro, un agnello o un animale per la custodia, e muore, rompe un arto o viene catturato e nessuno lo vede, (10) il giuramento di il Signore sarà tra i due a condizione che non imponga la mano sul prossimo ‘ proprietà, e il suo proprietario dovrà accettarlo, e non dovrà pagare. (11) Ma se gli viene rubato, dovrà pagare il suo proprietario. (12) Se viene fatto a pezzi, deve testimoniarlo; [per] quello strappato che non dovrà pagare. (13) E se una persona prende in prestito [un animale] dal suo vicino e si rompe un arto o muore, se il suo proprietario non è con lui, dovrà sicuramente pagare. (14) Se il suo proprietario è con lui, non dovrà pagare; se è un [animale] assunto, è venuto per il suo noleggio.

Quattro categorie di Shomer
Da questo, i saggi arrivarono a quattro categorie di uno shomer e, in ogni caso, l’individuo deve essere disposto, non costretto, a diventare uno shomer .

shomer hinam : il guardiano non pagato (originario di Esodo 22: 6-8)
shomer sachar : il guardiano pagato (originario di Esodo 22: 9-12)
Socher : l’affittuario (originari di Esodo 22:14)
shoel : il mutuatario (originari di Esodo 22: 13-14)
Ognuna di queste categorie ha i suoi diversi livelli di obblighi legali secondo i versetti corrispondenti in Esodo 22 (Mishnah, Bava Metzia 93a). Ancora oggi, nel mondo ebraico ortodosso, le leggi sulla tutela sono applicabili e applicate.
Uno dei riferimenti più comuni della cultura pop conosciuti oggi usando il termine shomer proviene dal film del 1998 “The Big Lebowski”, in cui il personaggio di John Goodman Walter Sobchak diventa indignato nella lega di bowling per non ricordare che è shomer Shabbos .