Crea sito

Giudaismo: il ruolo di Gesù per gli ebrei

Detto in parole semplici, l’opinione ebraica di Gesù di Nazaret è che era un normale ebreo e, molto probabilmente, un predicatore che viveva durante l’occupazione romana di Israele nel I secolo d.C. I romani lo uccisero – e molti altri ebrei nazionalisti e religiosi – per aver parlato contro le autorità romane e i loro abusi.

Gesù era il Messia secondo le credenze ebraiche?
Dopo la morte di Gesù, i suoi seguaci – all’epoca una piccola setta di ex ebrei noti come i Nazareni – affermarono di essere il Messia ( Mashiach o מָשִׁיחַ, che significa unto) profetizzato in testi ebraici e che presto sarebbe tornato per adempiere gli atti richiesti dal Messia. La maggior parte degli ebrei contemporanei ha respinto questa convinzione e l’ebraismo nel suo insieme continua a farlo oggi. Alla fine, Gesù divenne il punto focale di un piccolo movimento religioso ebraico che si sarebbe rapidamente evoluto nella fede cristiana.

Gli ebrei non credono che Gesù fosse divino o il “figlio di Dio”, o il Messia profetizzato nelle scritture ebraiche. È visto come un “falso messia”, il che significa qualcuno che ha rivendicato (o i cui seguaci hanno rivendicato per lui) il mantello del Messia, ma che alla fine non ha soddisfatto i requisiti stabiliti nella credenza ebraica .

Come dovrebbe apparire l’era messianica?
Secondo le scritture ebraiche, prima dell’arrivo del Messia, ci sarà una guerra e una grande sofferenza (Ezechiele 38:16), dopo di che il Messia porterà una redenzione politica e spirituale riportando tutti gli ebrei in Israele e restaurando Gerusalemme (Isaia 11: 11-12, Geremia 23: 8 e 30: 3 e Osea 3: 4-5). Quindi, il Messia istituirà un governo della Torah in Israele che fungerà da centro del governo mondiale per tutti gli ebrei e non ebrei (Isaia 2: 2-4, 11:10 e 42: 1). Il Santo Tempio sarà ricostruito e il servizio del Tempio ricomincerà (Geremia 33:18). Infine, il sistema giudiziario di Israele verrà riacceso e la Torà sarà l’unica e ultima legge del paese (Geremia 33:15).

Inoltre, l’età messianica sarà contrassegnata dalla convivenza pacifica di tutte le persone prive di odio, intolleranza e guerra – ebraiche o meno (Isaia 2: 4). Tutte le persone riconosceranno YHWH come l’unico vero Dio e la Torà come l’unico vero modo di vita, e la gelosia, l’omicidio e la rapina scompariranno.

Allo stesso modo, secondo l’Ebraismo, il vero Messia deve

Sii un ebreo osservatore disceso dal re David
Sii un normale essere umano (al contrario della discendenza di Dio)
Inoltre, nel giudaismo, la rivelazione avviene su scala nazionale, non su scala personale come nella narrazione cristiana di Gesù. I tentativi cristiani di usare versetti della Torà per convalidare Gesù come Messia sono, senza eccezione, il risultato di traduzioni errate.

Poiché Gesù non ha soddisfatto questi requisiti né è arrivata l’era messianica, l’opinione ebraica è che Gesù era semplicemente un uomo, non il Messia.

Altre affermazioni messianiche degne di nota
Gesù di Nazareth è stato uno dei tanti ebrei nel corso della storia che hanno tentato di rivendicare direttamente di essere il messia o i cui seguaci hanno rivendicato il loro nome. Dato il difficile clima sociale sotto l’occupazione e la persecuzione romane durante l’era in cui visse Gesù, non è difficile capire perché così tanti ebrei desiderassero un momento di pace e libertà.

Il più famoso dei falsi messia ebraici nei tempi antichi era Shimon bar Kochba, che guidò la rivolta inizialmente riuscita ma alla fine disastrosa contro i romani nel 132 d.C., che portò al quasi annientamento del giudaismo in Terra Santa per mano dei romani. Bar Kochba dichiarò di essere il Messia e fu persino unto dall’eminente rabbino Akiva, ma dopo che il bar Kochba morì durante la rivolta, gli ebrei del suo tempo lo respinsero come un altro falso messia poiché non soddisfaceva i requisiti del vero Messia.

L’altro grande falso messia sorse durante i tempi più moderni durante il 17 ° secolo. Shabbatai Tzvi era un cabalista che affermava di essere il Messia tanto atteso, ma dopo essere stato imprigionato, si convertì all’Islam e così fece centinaia di suoi seguaci, annullando qualsiasi pretesa come il Messia che aveva.