Crea sito

Gesù vuole guarirti e stare con te

Gesù prese per mano il cieco e lo condusse fuori dal villaggio. Mettendo gli occhi sugli occhi, gli mise le mani addosso e chiese: “Vedi qualcosa?” Alzando gli occhi l’uomo rispose: “Vedo persone che sembrano alberi e camminano”. Quindi posò le mani sugli occhi dell’uomo una seconda volta e vide chiaramente; la sua vista fu ripristinata e poté vedere tutto distintamente. Marco 8: 23-25

Questa storia è davvero unica per un motivo. È unico perché la prima volta che Gesù ha cercato di curare il cieco ha funzionato solo a metà. Poteva vedere dopo il primo tentativo di Gesù di curare la sua cecità, ma ciò che vide erano “persone che sembravano alberi e camminavano”. Gesù impiegò una seconda volta le mani sugli occhi dell’uomo per essere completamente guarito. Perché?

Coerentemente, in tutti i Vangeli, quando Gesù cura qualcuno, questo è fatto come risultato della fede che hanno e manifestano. Non è che Gesù non potesse guarire qualcuno senza fede; piuttosto, è che questo è ciò che ha scelto di fare. Ha reso la guarigione subordinata alla fede completa.

In questa storia di miracoli, sembra che il cieco abbia una certa fiducia, ma non molto. Di conseguenza, Gesù fa qualcosa di molto significativo. Permette all’uomo di essere guarito solo in parte per illustrare la sua mancanza di fede. Ma ci rivela anche che un po ‘di fede può portare a più fede. L’uomo, una volta che riuscì a vedere un po ‘, iniziò chiaramente a crederci ancora. E una volta cresciuta la sua fede, Gesù lo impose di nuovo, portando a compimento la sua guarigione.

Che grande illustrazione per noi! Alcune persone possono avere completa fiducia in Dio in tutte le cose. Se quello sei tu, allora sei veramente benedetto. Ma questo passaggio è specialmente per coloro che hanno fede, ma lottano comunque. A coloro che rientrano in questa categoria, Gesù offre molte speranze. L’azione di guarire l’uomo due volte di seguito ci dice che Gesù è paziente e misericordioso e prenderà il poco che abbiamo e il poco che offriamo e lo userà il meglio che può. Lavorerà per trasformare la nostra piccola fede in modo da poter fare un altro passo avanti verso Dio e crescere nella fede.

Lo stesso si potrebbe dire del peccato. A volte abbiamo un dolore imperfetto per il peccato e talvolta pecchiamo e non abbiamo alcun dolore per esso, anche se sappiamo che è sbagliato. Se quello sei tu, allora prova a fare almeno un piccolo passo avanti verso la guarigione del perdono. Cerca, almeno, di desiderare che crescerai nel desiderio di dispiacerti. Potrebbe essere il minimo indispensabile, ma Gesù lavorerà con esso.

Rifletti, oggi, su questo cieco. Rifletti su questa duplice guarigione e duplice conversione a cui l’uomo subisce. Sappi che questo sei tu e che Gesù vuole fare un ulteriore passo avanti nella tua fede e nel tuo pentimento per il peccato.

Signore, ti ringrazio per l’incredibile pazienza che hai con me. So che la mia fiducia in te è debole e deve aumentare. So che anche il mio dolore per i miei peccati deve aumentare. Per favore, prendi la poca fede che ho e il piccolo dolore che ho per i miei peccati e usali per avvicinarmi di un passo a te e al tuo cuore misericordioso. Gesù io credo in te.