Crea sito

Diventeremo angeli quando andremo in Paradiso?

LA RIVISTA DELLA DIOCESI CATTOLICA DI LANSING

LA TUA FEDE
A CONOSCENZA DI PADRE JOE

Caro padre Joe: ho sentito molte cose e visto molte immagini sul paradiso e mi chiedo se sarà così. Ci saranno palazzi e strade d’oro e diventeremo angeli?

Questa è una questione così importante per tutti noi: la morte colpisce tutti noi indirettamente e ovviamente ad un certo punto influenzerà tutti noi personalmente. Cerchiamo, come Chiesa e anche nella società, di descrivere le idee di morte, risurrezione e paradiso perché questo è importante per noi. il paradiso è il nostro obiettivo, ma se dimentichiamo il nostro obiettivo, ci perdiamo.

Userò la Scrittura e la nostra tradizione per rispondere a queste domande, con molto aiuto dal dottor Peter Kreeft, il mio filosofo preferito e un ragazzo che ha scritto molto sul paradiso. Se digiti “paradiso” e il suo nome su Google, troverai numerosi articoli utili su questo argomento. Quindi, con questo in mente, tuffiamoci subito.

Per prima cosa: diventiamo angeli quando moriamo?

Risposta breve? No.

È diventato popolare nella nostra cultura dire: “Il paradiso ha guadagnato un altro angelo” quando qualcuno muore. Immagino che questa sia solo un’espressione che usiamo e, a questo proposito, può sembrare innocua. Tuttavia, voglio sottolineare che, come esseri umani, sicuramente non diventiamo angeli quando moriamo. Noi umani siamo unici nella creazione e abbiamo una dignità speciale. Mi sembra che pensare che dobbiamo cambiare da umani a qualcos’altro per entrare in paradiso possa inavvertitamente avere molte conseguenze negative, filosoficamente e teologicamente. Non ci caricherò di questi problemi ora, poiché probabilmente occuperebbe più spazio di me.

La chiave è questa: come esseri umani, tu ed io siamo creature totalmente diverse dagli angeli. Probabilmente la differenza più distintiva tra noi e gli angeli è che siamo unità corpo / anima, mentre gli angeli sono puro spirito. Se arriviamo in paradiso, ci uniremo agli angeli lì, ma ci uniremo a loro come esseri umani.

Allora, che tipo di umani?

Se guardiamo alle Scritture, vediamo che ciò che accade dopo la nostra morte è pronto per noi.

Quando moriamo, la nostra anima lascia il nostro corpo per affrontare il giudizio e, a quel punto, il corpo inizia a decadere.

Questo giudizio risulterà nel nostro andare in paradiso o all’inferno, con la consapevolezza che, tecnicamente, il purgatorio non è separato dal paradiso.

Ad un certo punto noto solo a Dio, Cristo tornerà e, quando ciò accadrà, i nostri corpi saranno risuscitati e restaurati, e poi si riuniranno alle nostre anime ovunque si trovino. (Come nota a margine interessante, molti cimiteri cattolici seppelliscono le persone in modo che, quando i loro corpi si sollevano alla seconda venuta di Cristo, saranno rivolti a est!)

Poiché siamo stati creati come unità corpo / anima, sperimenteremo il paradiso o l’inferno come unità corpo / anima.

Allora, quale sarà quell’esperienza? Cosa renderà il paradiso celeste?

Questo è qualcosa che, per più di 2000 anni, i cristiani hanno cercato di descrivere e, francamente, non ho molta speranza di poterlo fare meglio della maggior parte di loro. La chiave è pensarla in questo modo: tutto ciò che possiamo fare è usare le immagini che conosciamo per esprimere qualcosa che non può essere descritto.

La mia immagine preferita del paradiso viene da San Giovanni nel libro dell’Apocalisse. In esso, ci dà immagini di persone in cielo che agitano rami di palma. Perché? Perché i rami di palma? Simboleggiano il racconto scritturale dell’ingresso trionfale di Gesù a Gerusalemme: In cielo, stiamo celebrando il Re che vinse il peccato e la morte.

La chiave è questa: la caratteristica distintiva del paradiso è l’estasi e la parola stessa ci dà un senso di ciò che sarà il paradiso. Quando guardiamo la parola “estasi”, apprendiamo che ci viene dalla parola greca ekstasis, che significa “stare fuori di sé”. Abbiamo suggerimenti e sussurri del paradiso e dell’inferno nella nostra vita quotidiana; più siamo egoisti, più agiamo egoisti, più diventiamo infelici. Abbiamo visto persone che vivono solo per quello che vogliono e per la loro capacità di rendere la vita orribile per se stessi e per tutti coloro che li circondano.

Abbiamo anche visto e sperimentato tutti la meraviglia dell’altruismo. Per quanto controintuitivo sia, quando viviamo per Dio, quando viviamo per gli altri, troviamo una gioia profonda, un senso che va al di là di qualsiasi cosa possiamo spiegare da soli.

Penso che questo sia ciò che Gesù intende quando ci dice che troviamo le nostre vite quando le perdiamo. Cristo, che conosce la nostra natura, che conosce i nostri cuori, sa che “non riposano mai finché non riposano in [Dio]”. In paradiso, saremo al di fuori di noi stessi concentrati su cosa e chi conta davvero: Dio.

Voglio concludere con una citazione di Peter Kreeft. Quando gli è stato chiesto se ci annoieremo in paradiso, la sua risposta mi ha lasciato senza fiato per la sua bellezza e semplicità. Egli ha detto:

“Non ci annoieremo perché siamo con Dio, e Dio è infinito. Non arriviamo mai alla fine di esplorarlo. È nuovo ogni giorno. Non ci annoieremo perché siamo con Dio e Dio è eterno. Il tempo non passa (una condizione per la noia); è solo. Tutto il tempo è presente nell’eternità, poiché tutti gli eventi della trama sono presenti nella mente di un autore. Non c’è attesa. Non ci annoieremo perché siamo con Dio, e Dio è amore. Anche sulla terra, le uniche persone che non si annoiano mai sono gli amanti “.

Fratelli e sorelle, Dio ci ha dato la speranza del paradiso. Possiamo noi rispondere alla sua misericordia e alla sua chiamata alla santità, affinché possiamo vivere quella speranza con integrità e gioia!