Crea sito

Cos’è il legalismo e perché è pericoloso per la tua fede?

Il legalismo è stato nelle nostre chiese e vite da quando Satana convinse Eva che c’era qualcosa di diverso dalla via di Dio. È una parola che nessuno vuole usare. Essere etichettato come legalista di solito comporta uno stigma negativo. Il legalismo può fare a pezzi persone e chiese. La parte scioccante è che la maggior parte delle persone non sa cosa sia il legalismo e come influenzi il nostro cammino cristiano su base quasi oraria.

Mio marito è un pastore in formazione. Mentre il suo tempo a scuola sta volgendo al termine, la nostra famiglia ha guardato in preghiera alle chiese per cui ministrare. Attraverso la nostra ricerca abbiamo riscontrato che la frase “Solo versione King James” compare frequentemente. Ora non siamo persone che disprezzano qualsiasi credente che scelga di leggere la KJV, ma lo troviamo preoccupante. Quanti uomini e donne di Dio hanno esaminato queste chiese grazie a questa dichiarazione?

Per comprendere meglio questo argomento che chiamiamo legalismo, dobbiamo esaminare cos’è il legalismo e identificare i tre tipi di legalismo prevalenti oggi. Quindi dobbiamo affrontare ciò che la parola di Dio dice su questo argomento e come possiamo combattere le ripercussioni del legalismo nelle nostre chiese e vite.

Cos’è il legalismo?
Per la maggior parte dei cristiani, il termine legalismo non viene usato nelle loro congregazioni. È un modo di pensare alla loro salvezza, su cui basano la loro crescita spirituale. Questo termine non si trova nella Bibbia , invece leggiamo le parole di Gesù e dell’apostolo Paolo mentre ci avvertono della trappola che chiamiamo legalismo.

Uno scrittore di Gotquestions.org definisce il legalismo come “un termine che i cristiani usano per descrivere una posizione dottrinale che enfatizza un sistema di regole e regola il raggiungimento della salvezza e la crescita spirituale”. I cristiani che oscillano verso questo modo di pensare richiedono una stretta aderenza a regole e regolamenti. È un’obbedienza letterale alla Legge che Gesù adempì.

Tre tipi di legalismo
Ci sono molti volti al legalismo. Le chiese che adottano una visione legalistica della dottrina non guarderanno o opereranno tutte allo stesso modo. Ci sono tre tipi di pratiche legalistiche che si trovano nelle chiese e nelle case dei credenti.

Le tradizioni sono probabilmente le più comuni all’interno del regno del legalismo. Ogni chiesa ha certe tradizioni che inciterebbero all’eresia se fossero alterate. Gli esempi si presentano in molte forme, inclusa la comunione che viene sempre fatta la stessa domenica ogni mese o che ogni anno si tiene sempre una recita di Natale. L’idea alla base di queste tradizioni non è ostacolare, ma adorare.

Il problema è quando una chiesa o un credente sente di non poter adorare senza un’altra forma della tradizione. Uno dei problemi più comuni con le tradizioni è che perdono il loro valore. Diventa una situazione in cui “è così che l’abbiamo sempre fatto” diventa un ostacolo all’adorazione e alla capacità di lodare Dio in quei momenti sacri.

Le preferenze o le convinzioni personali sono il secondo tipo. Ciò accade quando un pastore o un individuo rafforza le proprie convinzioni personali come requisito per la salvezza e la crescita spirituale. L’azione di far rispettare le preferenze personali di solito avviene senza una chiara risposta dalla Bibbia. Questa varietà di legalismo alza la testa nella vita personale dei credenti. Gli esempi includono leggere solo la Bibbia KJV, richiedere alle famiglie di andare a scuola, non avere in servizio chitarra o batteria o vietare l’uso del controllo delle nascite. Questa lista potrebbe continuare all’infinito. Ciò che i credenti devono capire è che queste sono preferenze personali, non leggi. Non possiamo usare le nostre convinzioni personali per stabilire uno standard per tutti i credenti. Cristo ha già stabilito lo standard e stabilito il modo in cui dovremmo vivere la nostra fede.

Infine, troviamo cristiani che promuovono le loro opinioni personali sulle aree “grigie” della vita . Hanno una serie di norme personali a cui credono che tutti i cristiani dovrebbero essere all’altezza. Lo scrittore Fritz Chery lo spiega come una “fede di tipo meccanico”. In sostanza, dovremmo pregare a una certa ora, terminare l’adorazione domenicale a mezzogiorno, altrimenti l’unico modo per imparare la Bibbia è memorizzare i versetti. Alcuni credenti dicono addirittura che non si dovrebbero fare acquisti in certi negozi a causa delle donazioni fatte a fondazioni non cristiane o per la vendita di alcolici.

Dopo aver esaminato questi tre tipi, possiamo vedere che avere una preferenza personale o scegliere di leggere una certa versione della Bibbia non è male. Diventa un problema quando si comincia a credere che la loro via sia l’unico modo per ottenere la salvezza. David Wilkerson lo riassume bene con questa affermazione. “Alla base del legalismo c’è il desiderio di apparire santi. Sta cercando di essere giustificato davanti agli uomini e non a Dio “.

L’argomento biblico contro il legalismo
Gli studiosi in tutte le aree di studio religioso cercheranno di giustificare o respingere il legalismo nelle nostre chiese. Per arrivare al fondo di questo argomento possiamo guardare a ciò che dice Gesù inLuca 11: 37-54. In questo brano troviamo Gesù invitato a cenare con i farisei. Gesù ha compiuto miracoli di sabato ei farisei sembrano ansiosi di parlare con lui. Quando Gesù si siede, non prende parte al rituale del lavaggio delle mani e i farisei se ne accorgono.

Gesù risponde: “Ora voi farisei pulite l’esterno del calice e del piatto, ma il vostro interno è pieno di avidità e di male. Stolti, non ha fatto anche lui il fuori? ” Ciò che è nei nostri cuori è più importante di ciò che è all’esterno. Anche se una preferenza personale può essere un modo per mostrare il nostro amore per Cristo agli altri, non è nostro diritto pretendere che gli altri si sentano allo stesso modo.

Il rimprovero continua mentre Gesù dice agli scribi: “Guai anche a voi esperti della legge! Caricate le persone con fardelli che sono difficili da portare, eppure voi stessi non toccate questi fardelli con una delle vostre dita / “Gesù sta dicendo che non dobbiamo aspettarci che gli altri obbediscano alle nostre leggi o preferenze, se li eludiamo per soddisfare le nostre esigenze. La Scrittura è verità. Non siamo in grado di scegliere e scegliere ciò a cui obbediremo o meno.

William Barclay scrive in The Daily Study Bible Gospel of Luke: “È incredibile che gli uomini abbiano mai pensato che Dio avrebbe potuto stabilire leggi del genere, e che l’elaborazione di dettagli del genere fosse un servizio religioso e che il loro mantenimento era una questione di vita o di morte. “

Nel Isaia 29:13il Signore dice: “Queste persone si avvicinano a me con i loro discorsi per onorarmi con le parole – ma i loro cuori sono lontani da me e le regole umane dirigono la loro adorazione nei miei confronti”. L’adorazione è una questione di cuore; non quello che gli umani pensano sia il modo giusto.

I farisei e gli scribi avevano cominciato a considerarsi più importanti di quanto lo fossero in realtà. Le loro azioni sono diventate uno spettacolo e non un’espressione del loro cuore.

Quali sono le conseguenze del legalismo?
Proprio come ogni decisione che prendiamo ha delle conseguenze, così la scelta di diventare legalista. Sfortunatamente, le conseguenze negative superano di gran lunga quelle positive. Per le chiese, questa linea di pensiero potrebbe portare a una minore amicizia e persino alla scissione della chiesa. Quando iniziamo a imporre le nostre preferenze personali agli altri, camminiamo su una linea sottile. In quanto esseri umani, non saremo d’accordo su tutto. Dottrine e regole non essenziali possono indurre alcuni a lasciare una chiesa in funzione.

Quello che credo sia la conseguenza più tragica del legalismo è che le chiese e gli individui non riescono a realizzare lo scopo di Dio. C’è un’espressione esteriore ma nessun cambiamento interiore. I nostri cuori non sono rivolti a Dio e alla Sua volontà per le nostre vite. Tullian Tchividjian, nipote di Billy e Ruth Graham dice: “Il legalismo dice che Dio ci amerà se cambiamo. Il Vangelo dice che Dio ci cambierà perché ci ama “. Dio cambierà i nostri cuori e quelli degli altri. Non possiamo imporre le nostre regole e aspettarci che il proprio cuore si rivolga a Dio.

Una conclusione equilibrata
Il legalismo è un argomento delicato. Come esseri umani, non vogliamo sentire che potremmo sbagliarci. Non vogliamo che gli altri mettano in dubbio le nostre motivazioni o convinzioni. La verità è che il legalismo fa parte della nostra natura peccaminosa. Sono le nostre menti a farsi carico quando i nostri cuori dovrebbero guidare il nostro cammino con Cristo.

Per evitare il legalismo, ci deve essere un equilibrio. 1 Samuele 16: 7dice “Non guardare il suo aspetto o la sua statura perché l’ho rifiutato. Gli esseri umani non vedono ciò che vede il Signore, poiché gli esseri umani vedono ciò che è visibile, ma il Signore vede il cuore “.Giacomo 2:18ci dice che la fede senza le opere è morta. Le nostre opere dovrebbero riflettere il desiderio del nostro cuore di adorare Cristo. Senza un equilibrio, possiamo creare un modo di pensare vano.

Mark Ballenger scrive “Il modo per evitare il legalismo nel cristianesimo è fare buone azioni con buoni motivi, obbedire alla legge di Dio per amore relazionale per lui”. Per cambiare il nostro modo di pensare dobbiamo porci le domande difficili. Quali sono le nostre motivazioni? Cosa dice Dio di questo? È in linea con la legge di Dio? Se esaminiamo i nostri cuori, scopriremo tutti che il legalismo ci fissa. Nessuno è immune. Ogni giorno sarà un’occasione per pentirci e allontanarci dalle nostre vie malvagie, plasmando così il nostro cammino di fede personale.