Crea sito

Cosa significa Cristo?

Ci sono parecchi nomi in tutta la Scrittura parlati di Gesù o dati da Gesù stesso. Uno dei titoli più diffusi è “Cristo” (o l’equivalente ebraico, “Messia”). Questo epiteto o frase descrittiva è usato regolarmente in tutto il Nuovo Testamento con un ritmo di 569 volte.

Ad esempio, in Giovanni 4: 25-26 , Gesù dichiara a una donna samaritana in piedi presso un pozzo (chiamato appropriatamente “Pozzo di Giacobbe”) che era il Cristo che era stato profetizzato a venire. Inoltre, un angelo diede la buona notizia ai pastori che Gesù era nato come “un Salvatore, che è Cristo il Signore” ( Luca 2:11 , ESV).

Ma questo termine “ Cristo ” è usato così comunemente e in modo impertinente oggi da persone che non sanno cosa significhi o che presumono che non sia altro che il cognome di Gesù invece di un titolo significativo. Allora, cosa significa “Cristo”, e cosa significa riguardo a chi è Gesù?

La parola Cristo
La parola Cristo deriva dalla parola greca dal suono simile ” Christos ” , che descrive il divino Figlio di Dio, il Re Unto, e il “Messia” che è posizionato e proposto da Dio per essere il Liberatore di tutte le persone in un modo che nessuna persona normale, profeta, giudice o governante potrebbe essere ( 2 Samuele 7:14 ; Salmo 2: 7 ).

Questo è chiarito in Giovanni 1:41 quando Andrea invitò suo fratello, Simon Pietro, a seguire Gesù dicendo: “‘Abbiamo trovato il Messia’ (che significa Cristo)”. Il popolo ei rabbini del tempo di Gesù avrebbero cercato il Cristo che sarebbe venuto e avrebbe governato rettamente il popolo di Dio a causa delle profezie dell’Antico Testamento che erano state loro insegnate ( 2 Samuele 7: 11-16 ). Gli anziani Simeone e Anna, così come i Magi re, riconobbero il giovane Gesù per quello che era e lo adorarono per questo.

Ci sono stati molti grandi leader nel corso della storia. Alcuni erano profeti, sacerdoti o re che furono unti con l’autorità di Dio, ma nessuno fu mai chiamato “il Messia”. Altri leader addirittura si consideravano un dio (come i Faraoni o Cesari) o facevano affermazioni bizzarre su se stessi (come in Atti 5 ). Ma solo Gesù adempì circa 300 profezie secolari sul Cristo.

Queste profezie erano così miracolose (come una nascita verginale), descrittive (come cavalcare un puledro) o specifiche (come essere un discendente del re Davide) che sarebbe stata un’impossibilità statistica anche per alcuni di loro essere vero per la stessa persona. Ma furono tutti adempiuti in Gesù.

Infatti, ha adempiuto dieci profezie messianiche uniche solo nelle ultime 24 ore della sua vita sulla terra. Inoltre, il nome “Gesù” è in realtà l’ebraico storicamente comune “Giosuè” o “Yeshua”, che significa “Dio salva” ( Neemia 7: 7 ; Matteo 1:21 ).

La genealogia di Gesù indica anche il fatto che era il Cristo profetizzato o il Messia. Mentre tendiamo a saltare gli elenchi di nomi negli alberi genealogici di Maria e Giuseppe all’inizio dei libri di Matteo e Luca, la cultura ebraica ha mantenuto ampie genealogie per stabilire l’eredità, l’eredità, la legittimità ei diritti di una persona. Il lignaggio di Gesù mostra come la sua vita fosse intrecciata con il patto di Dio con il suo popolo eletto e con la sua pretesa legale al trono di Davide.

Le storie delle persone in quelle liste rivelano che la stessa discendenza di Gesù era miracolosa a causa di quante strade diverse le profezie messianiche dovevano prendere a causa della peccaminosità dell’umanità. Ad esempio, in Genesi 49 , un Giacobbe morente passò su tre dei suoi figli (incluso il suo legittimo primogenito) per benedire Giuda e profetizzare che sarebbe stato solo tramite lui che un capo simile a un leone sarebbe venuto e avrebbe portato pace, gioia e prosperità (da cui deriva il soprannome di “Leone di Giuda”, come vediamo in Apocalisse 5: 5 ).

Quindi, anche se potremmo non essere mai troppo entusiasti di leggere le genealogie nei nostri piani di lettura della Bibbia , è importante comprenderne lo scopo e le implicazioni.

Gesù il Cristo
Non solo le profezie indicavano la persona e lo scopo di Gesù Cristo, ma come insegna il professore del Nuovo Testamento, il dottor Doug Bookman , Gesù ha anche affermato pubblicamente di essere il Cristo (nel senso che sapeva chi era). Gesù ha enfatizzato la sua affermazione di essere il Messia citando 24 libri dell’Antico Testamento ( Luca 24:44 , ESV) e compiendo 37 miracoli registrati che hanno chiaramente dimostrato e confermato chi fosse.

All’inizio del suo ministero, Gesù si alzò nel tempio e lesse un rotolo che conteneva una profezia messianica familiare di Isaia. Quindi, mentre tutti ascoltavano, il figlio di questo falegname locale chiamato Gesù fece sapere a tutti che era effettivamente l’adempimento di quella profezia ( Luca 4: 18-21 ). Anche se a quel tempo questo non andava bene alle persone religiose, è eccitante per noi oggi leggere i momenti di auto-rivelazione di Gesù durante il suo ministero pubblico.

Un altro esempio è nel Libro di Matteo quando le folle discutevano su chi fosse Gesù. Alcuni pensavano che fosse un Giovanni Battista risorto, un profeta come Elia o Geremia, semplicemente un “buon insegnante” ( Marco 10:17 ), un Rabbino ( Matteo 26:25 ) o semplicemente il figlio di un povero falegname ( Matteo 13: 55 ). Ciò portò Gesù a suggerire ai suoi discepoli la domanda su chi pensassero che fosse, alla quale Pietro rispose: “il Cristo, il Figlio del Dio vivente”. Gesù ha risposto con:

“Beato te, Simon Bar-Jonah! Poiché la carne e il sangue non ve lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io ti dico, tu sei Pietro, e su questa roccia edificherò la mia chiesa, e le porte dell’inferno non prevarranno contro di essa ” ( Matteo 16: 17-18 , ESV).

Stranamente, Gesù comandò quindi ai suoi discepoli di mantenere la sua identità nascosta perché molte persone fraintendevano il regno del Messia come fisico e non spirituale, mentre altri avevano aspettative sbagliate da speculazioni antiscritturali . Queste credenze sbagliate portarono alcuni leader religiosi a volere che Gesù venisse ucciso per blasfemia. Ma aveva una linea temporale da tenere, quindi scappava regolarmente fino a quando non fosse giunto il momento giusto per lui di essere crocifisso.

Cosa significa Cristo per noi oggi
Ma per quanto Gesù fosse il Cristo allora per Israele, cosa ha a che fare con noi oggi?

Per rispondere a questo, dobbiamo capire che l’idea di un Messia è iniziata molto prima di Giuda o addirittura di Abramo con l’inizio dell’umanità in Genesi 3 come risposta alla caduta peccaminosa dell’umanità. Quindi, in tutta la Scrittura, diventa chiaro chi sarebbe il liberatore dell’umanità e come ci riporterebbe in una relazione con Dio.

Infatti, quando Dio mise da parte il popolo ebraico stabilendo un patto con Abramo in Genesi 15 , confermandolo tramite Isacco in Genesi 26 e riaffermandolo tramite Giacobbe e i suoi discendenti in Genesi 28 , il suo obiettivo era per “tutte le nazioni del che sia benedetta la terra ”( Genesi 12: 1-3 ). Quale modo migliore per avere un impatto sul mondo intero che fornire un rimedio alla loro peccaminosità? La storia della redenzione di Dio attraverso Gesù si estende dalla prima all’ultima pagina della Bibbia. Come ha scritto Paolo:

poiché in Cristo Gesù siete tutti figli di Dio, mediante la fede . Poiché tutti voi che siete stati battezzati in Cristo, vi siete rivestiti di Cristo. Non c’è né ebreo né greco, non c’è né schiavo né libero, non c’è maschio e femmina, perché siete tutti uno in Cristo Gesù. E se sei di Cristo, allora sei la progenie di Abramo, eredi secondo la promessa ( Galati 3:26 –29, ESV).

Dio ha scelto Israele per essere il suo popolo dell’alleanza non perché fosse speciale e non per escludere tutti gli altri, ma in modo che potesse diventare un canale per la grazia di Dio da dare al mondo. Fu attraverso la nazione ebraica che Dio dimostrò il suo amore per noi inviando suo Figlio, Gesù (che era l’adempimento del suo patto), per essere il Cristo o il Salvatore di tutti coloro che avrebbero creduto in Lui.

Paolo ha spinto ulteriormente questo punto a casa quando ha scritto:

ma Dio mostra il suo amore per noi in quanto mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi. Poiché, quindi, ora siamo stati giustificati per il suo sangue, molto più saremo salvati da lui dall’ira di Dio. Perché se mentre eravamo nemici fossimo riconciliati con Dio mediante la morte di suo Figlio, molto di più, ora che siamo riconciliati, saremo salvati dalla sua vita. Inoltre, ci rallegriamo anche in Dio per mezzo del nostro Signore Gesù Cristo, tramite il quale ora abbiamo ricevuto la riconciliazione ( Romani 5: 8-11 , ESV).

Quella salvezza e riconciliazione possono essere ricevute credendo che Gesù non sia solo il Cristo storico, ma sia il nostro Cristo. Possiamo essere discepoli di Gesù che lo seguono da vicino, imparano da lui, gli obbediscono, diventano come lui e lo rappresentano nel mondo.

Quando Gesù è il nostro Cristo, abbiamo una nuova alleanza d’amore che ha fatto con la sua Chiesa invisibile e universale che chiama la sua ” Sposa “. Il Messia che venne una volta per soffrire per i peccati del mondo un giorno verrà di nuovo e stabilirà il suo nuovo regno sulla terra. Io per primo, voglio essere dalla sua parte quando ciò accade.