Crea sito

Cosa significa che gli ebrei siano gli eletti?

Gerusalemme Zona Ebraica Cerimonia ebraica in cui si da ai bambini il primo capitolo del Talmud.


Secondo la credenza ebraica, gli ebrei sono gli eletti perché sono stati scelti per far conoscere al mondo l’idea di un solo dio. Tutto è iniziato con Abramo, la cui relazione con Dio è stata tradizionalmente interpretata in due modi: o Dio ha scelto Abramo per diffondere il concetto di monoteismo , oppure Abramo ha scelto Dio tra tutte le divinità che erano venerate ai suoi tempi. Ad ogni modo, l’idea di “scelta” significava che Abramo e i suoi discendenti erano responsabili della condivisione della parola di Dio con gli altri.

La relazione di Dio con Abramo e gli israeliti
Perché Dio e Abramo hanno questa relazione speciale nella Torah ? Il testo non dice. Certamente non perché gli israeliti (che in seguito divennero noti come ebrei) erano una nazione potente. In effetti, Deuteronomio 7: 7 afferma: “Non è perché sei numeroso che Dio ti ha scelto, anzi sei la più piccola delle persone”.

Sebbene una nazione con un enorme esercito permanente potesse essere stata la scelta più logica per diffondere la parola di Dio, il successo di un popolo così potente sarebbe stato attribuito alla sua forza, non alla potenza di Dio. In definitiva, l’influenza di questa idea può essere vista non solo nella sopravvivenza del popolo ebraico fino ad oggi, ma anche nelle opinioni teologiche del cristianesimo e dell’Islam, entrambe influenzate dalla credenza ebraica in un solo Dio.

Mosè e il Monte Sinai
Un altro aspetto della scelta ha a che fare con la ricezione della Torà da parte di Mosè e degli israeliti sul Monte Sinai. Per questo motivo, gli ebrei recitano una benedizione chiamata Birkat HaTorah prima che il rabbino o un’altra persona legga dalla Torah durante i servizi. Una riga della benedizione affronta l’idea della scelta e dice: “Lodato tu, Adonai nostro Dio, Sovrano del mondo, per averci scelto da tutte le nazioni e per averci donato la Torah di Dio”. C’è una seconda parte della benedizione che viene recitato dopo la lettura della Torah, ma non si riferisce alla scelta.

Interpretazione errata della scelta
Il concetto di scelta è stato spesso frainteso dai non ebrei come una dichiarazione di superiorità o addirittura razzismo. Ma la convinzione che gli ebrei siano gli eletti in realtà non ha nulla a che fare con la razza o l’etnia. In effetti, la scelta ha così poco a che fare con la razza che gli ebrei credono che il Messia discenderà da Ruth, una donna moabita che si è convertita al giudaismo e la cui storia è riportata nel biblico ” Libro di Ruth “.

Gli ebrei non credono che essere un membro del popolo eletto conferisca loro talenti speciali o li renda migliori di chiunque altro. Sul tema della scelta, il Libro di Amos arriva persino al punto di dire: “Solo tu ho scelto da tutte le famiglie della terra. Ecco perché ti invito a spiegare tutte le tue iniquità” (Amos 3: 2). In questo modo gli ebrei sono chiamati ad essere una “luce per le nazioni” (Isaia 42: 6) facendo del bene nel mondo attraverso il gemilut hasidim (atti di amorevole benignità) e tikkun olam (riparando il mondo).Tuttavia, molti ebrei moderni si sentono a disagio con il termine “Popolo eletto”. Forse per ragioni simili, Maimonide (un filosofo ebreo medievale) non lo elencò nei suoi 13 Principi fondamentali della fede ebraica.

Le opinioni sulla scelta dei diversi movimenti ebraici
I tre più grandi movimenti del giudaismo: l’ebraismo riformato , l’ ebraismo conservatore e l’ebraismo ortodosso, definiscono l’idea del popolo eletto nei modi seguenti:

L’ebraismo riformato vede l’idea del Popolo Eletto come metafora delle scelte che facciamo nelle nostre vite. Tutti gli ebrei sono ebrei per scelta in quanto ogni persona deve prendere una decisione, a un certo punto della propria vita, se vogliono o meno vivere ebrei. Proprio come Dio ha scelto di dare la Torah agli israeliti, gli ebrei moderni devono decidere se vogliono avere una relazione con Dio.
Il giudaismo conservatore vede l’idea della scelta come un’eredità unica in cui gli ebrei sono in grado di entrare in una relazione con Dio ed effettuare il cambiamento nel mondo contribuendo a creare una società compassionevole.

Il giudaismo ortodosso considera il concetto di popolo eletto come una chiamata spirituale che lega gli ebrei a Dio attraverso la Torah e il mizvot, ai quali agli ebrei è stato comandato di far parte della loro vita.