Crea sito

Cosa occorre per seguire la via di Dio, non la nostra?

È la chiamata di Dio, la volontà di Dio, la via di Dio. Dio ci dà comandamenti, non richieste o suggerimenti, per adempiere la chiamata e lo scopo che ha percorso nella nostra vita. Filippesi 2: 5-11 dice questo:

“Lascia che questa mente sia in te che era anche in Cristo Gesù, il quale, essendo nella forma di Dio, non considerò rapina essere uguale a Dio, ma non si fece reputazione, assumendo la forma di un schiavo, e venendo a somiglianza degli uomini. E trovandosi in apparenza come un uomo, si umiliò e divenne obbediente fino alla morte, anche alla morte della croce. Pertanto anche Dio lo ha altamente esaltato e gli ha dato il nome che è al di sopra di ogni nome, affinché nel nome di Gesù ogni ginocchio si piegasse, di quelli in cielo e di quelli sulla terra e di quelli sotto la terra, e che ogni lingua dovrebbe confessare che Gesù Cristo è il Signore, a gloria di Dio Padre “.

Credo davvero che Dio possa fare tramite me ciò che mi chiama a fare?

Credo di poter conoscere e camminare nella volontà di Dio per la mia vita?

Una volta che abbiamo risolto queste domande con un sonoro “sì”, allora dobbiamo dimostrare la nostra fede apportando tutti gli aggiustamenti necessari nella nostra vita per obbedire a Dio e servirLo come Egli ha stabilito.

Nel nostro testo notiamo che il Figlio ha dovuto fare alcuni aggiustamenti prima di poter obbedire al Padre e quindi unirsi al Padre nell’opera di redenzione del mondo.

Ha apportato gli aggiustamenti necessari (vs.

Allo stesso modo, quando percepiamo la chiamata di Dio a fare un nuovo passo di obbedienza nel nostro cammino con Lui e decidiamo di rispondere mediante fede alla Sua chiamata, dovremo prima fare gli aggiustamenti necessari per camminare in obbedienza.

Una volta fatto ciò, possiamo obbedire ed essere benedetti mentre riceviamo le ricompense che accompagnano quei passi di obbedienza a Dio.

Che tipo di aggiustamenti potremmo dover fare per obbedire alla chiamata di Dio?

In genere, gli aggiustamenti che potremmo dover apportare nella nostra vita per obbedire a Dio rientrano in una delle seguenti categorie:

1. Un aggiustamento riguardo al nostro atteggiamento – Versetti 5-7
Notare l’atteggiamento del Figlio che lo ha messo in condizione di obbedire al Padre. Il suo atteggiamento era che valeva la pena pagare qualsiasi prezzo per unirsi al Padre nel fare la sua volontà. Anche così, l’invito di Dio a noi richiederà anche un atteggiamento simile se vogliamo essere in grado di ubbidire.

Riguardo a tutto ciò che è richiesto per obbedire alla chiamata del padre, dobbiamo avere l’atteggiamento che valga la pena di fare qualsiasi sacrificio necessario per fare la volontà di Dio alla luce dell’inevitabile ricompensa per l’obbedienza.
È stato questo atteggiamento che ha permesso a Gesù di obbedire alla chiamata a sacrificarsi sulla croce per il nostro bene.

“Guardando a Gesù, l’autore e il perfezionatore della nostra fede, che per la gioia che Gli era posta dinanzi ha sopportato la croce, disprezzando la vergogna, e si è seduto alla destra del trono di Dio” ( Ebrei 12: 2 ) .

Ubbidire a Dio richiederà sempre un aggiustamento del nostro atteggiamento riguardo al valore di qualunque sacrificio sia richiesto per obbedirgli.

2. Un aggiustamento riguardo alle nostre azioni – Versetto 8
Il Figlio si è adoperato per apportare le modifiche necessarie per obbedire al Padre, e noi dovremo fare lo stesso. Non possiamo restare dove siamo e seguire Dio.

Seguire la Sua chiamata richiederà sempre le azioni necessarie per adattare la nostra vita in modo da poter obbedire.

Noè non poteva continuare la vita come al solito e costruire un’arca allo stesso tempo ( Genesi 6 ).

Mosè non poteva stare sul lato posteriore del deserto pascolando le pecore e allo stesso tempo stare davanti al faraone ( Esodo 3 ).

Davide dovette lasciare le sue pecore per diventare re ( 1 Samuele 16: 1-13 ).

Pietro, Andrea, Giacomo e Giovanni dovettero lasciare le loro attività di pesca per seguire Gesù ( Matteo 4: 18-22 ).

Matteo dovette lasciare il suo comodo lavoro di pubblicano per seguire Gesù ( Matteo 9: 9 ).

Paolo dovette cambiare completamente direzione nella sua vita per essere usato da Dio per predicare il Vangelo ai Gentili ( Atti 9: 1-19 ).

Dio chiarirà sempre quali azioni dobbiamo intraprendere per adattarci e metterci in condizione di obbedirGli, perché vuole benedirci.

Vedi, non solo non possiamo restare dove siamo e seguire Dio, ma non possiamo seguire Dio e rimanere gli stessi!

Non siamo mai così simili a Gesù da stabilire che vale la pena fare un sacrificio per seguire Dio e quindi intraprendere qualsiasi azione necessaria per obbedirGli ed essere ricompensati da Lui.

Questo è ciò a cui si riferiva Gesù quando disse:

“Poi disse a tutti loro: ‘Se qualcuno vuole venire dietro a me, deve rinnegare se stesso, prendere ogni giorno la sua croce e seguirmi. Perché chi vuole salvare la sua vita, la perderà, ma chi perderà la sua vita per me la salverà ‘”( Luca 9: 23-24 ).

La traduzione del messaggio di Matteo 16: 24-26 lo spiega in questo modo:

“Chiunque abbia intenzione di venire con me deve lasciarmi guidare. Non sei al posto di guida – lo sono io. Non scappare dalla sofferenza; abbraccialo. Seguimi e ti mostrerò come. L’autoaiuto non aiuta affatto. Il sacrificio di sé è il modo, il mio modo, per trovare te stesso, il tuo vero sé. A cosa servirebbe per ottenere tutto ciò che vuoi e perderti, il vero te? “

Quali aggiustamenti farai?
In che modo Dio ti chiama a “prendere la tua croce” oggi? Come ti chiama a obbedirGli? Quali aggiustamenti dovrai fare per farlo?

È un aggiustamento in:

– Le tue circostanze (come lavoro, casa, finanze)

– Le tue relazioni (matrimonio, famiglia, amici, soci in affari)

– Il tuo pensiero (pregiudizi, metodi, il tuo potenziale)

– I tuoi impegni (per la famiglia, la chiesa, il lavoro, i progetti, la tradizione)

– Le tue attività (come preghi, dai, servi, trascorri il tuo tempo libero)

– Le tue convinzioni (su Dio, i suoi scopi, le sue vie, te stesso, il tuo rapporto con Dio)?

Sottolinea questo: qualunque cambiamento o sacrificio potrei dover fare per obbedire a Dio ne vale sempre la pena perché è solo abbracciando la mia “croce” che adempirò il destino che mi è stato dato da Dio.

“Sono stato crocifisso con Cristo ; non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me; e la vita che ora vivo nella carne la vivo mediante la fede nel Figlio di Dio, che mi ha amato e ha dato se stesso per me ”( Galati 2:20 ).

Quindi quale sarà? Sprecherai la tua vita o investirai nella tua vita? Vivrai per te stesso o per il tuo Salvatore? Seguirai la via della folla o la via della croce?

Tu decidi!